Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
home iconNews
line break icon

Quanto mia suocera ha aiutato il mio matrimonio

michaeljung

Revista Ser Persona - pubblicato il 21/10/14

La migliore eredità, le lezioni di vita

Colei che ora è mia moglie, quando eravamo amici, mi invitò a cena a casa sua per conoscere la sua famiglia e far conoscere me ai suoi parenti. Si trattava della madre rimasta vedova di recente e di cinque fratelli tra sposati e single. Quella sera mi sono presentato ben vestito, con un dono per il mio piano di conquista e per mandare a tutti i presenti un segnale delle mie intenzioni. Arrivavo per motivi professionali in una piccola città, e anche se mi ritenevo un buon partito, ero, per così dire, secondo gli usi e i costumi, un perfetto estraneo; un tizio che chi lo sa che abitudini strane può avere.

È stata la mia futura suocera ad aprirmi la porta; alta, vestita in modo sobrio, espressione arcigna e gesti decisi. Mi sembra di vederla mentre mi squadra da capo a piedi con uno sguardo penetrante e inquisitore, come se non sapesse se farmi entrare. Nell’eternità di alcuni istanti, è sembrato che mi dicesse: “Ah, quindi sei tu che pretendi di avere la mia figlia adorata? Saprai che è un modello di virtù, buone abitudini e tutto ciò che questo significa”.

Mi sarebbe piaciuto dirle che lo sapevo, che conoscevo le buone abitudini e che oltre a un semplice mortale pieno di buone intenzioni potevo presentarmi come l’ingegnere Tal dei Tali, cercando di migliorare la prima impressione, ma intuii che il mio titolo non l’avrebbe colpita, per cui riuscii solo a dire un po’ titubante “Buonasera, c’è Sonia? Sono Gustavo”… Sentii che perdevo per knock out al primo round, senza riuscire a sentire nemmeno la campanella.

Durante la cena cercai di stare seduto ben dritto e di mangiare in modo educato, cercando allo stesso tempo di conversare in modo ameno e interessante, senza smettere per un istante di sentirmi soppesato e osservato dalla coda del suo occhio. Terminata la serata, mentre tornavo a casa pensavo: “La convincerò, perché ho più esperienza e cultura di lei, che alla fin fine non è che una signora rustica, senza istruzione, che ha educato e cura sua figlia. Dovrò sicuramente insegnarle qualche cosa”, mi dicevo.

A poco a poco fui accettato da lei e dal resto della famiglia. Sonia e io ci siamo sposati e sono arrivati i primi figli, che ho visto crescere in quel semplice contesto familiare di forti valori ed enorme ricchezza affettiva.

E quello che pensavo avrei dovuto insegnare a mia suocera?

È stato il contrario. Mia suocera, anche se effettivamente non aveva studiato molto, si è rivelata una persona di profonda cultura fatta vita in cui chiariva ciò che pensava dell’amore umano, del matrimonio e della famiglia. È stata lei a realizzare gli apporti più importanti al mio progetto di vita, come un faro con i suoi fermi atteggiamenti ornati sempre dai suoi detti e più che altro dai suoi fatti. Lo ha sempre fatto nel tempo che Dio le ha concesso di vivere, e se ne è andata lasciando un’eredità tale a tutta la famiglia che anche se è andata via è rimasta nelle nostre convinzioni.

Un’eredità che presento qui in poche parole e negli stessi termini che usava lei.

L’amore del buono è scelta libera e responsabile

Buone persone formano buoni matrimoni, per questo bisogna prima conoscere la persona, visto che il matrimonio, anche se si forma per amore, un sentimento buono, non è puro sentimento. È soprattutto decidere con buon giudizio, ed è per questo che può diventare una promessa del “per sempre”. Se fossero solo sentimenti, non potremmo giudicare che possa durare finché morte non ci separi, perché i sentimenti sono sentimenti, ed è necessaria la ragione per scegliere di continuare ad amare contro il vento e le maree. Nel matrimonio ci sono i problemi che vengono da fuori, come prove, ma alla fine quelli quotidiani sono i problemi che provochiamo con i nostri difetti nella convivenza, per cui bisogna imparare ad amare, non nonostante i difetti, ma con tutti i difetti. Cosa direbbe mio marito se mi sentisse… Che Dio lo abbia nella sua santa gloria.

  • 1
  • 2
Tags:
matrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni