Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 27 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
home iconChiesa
line break icon

Noi discutiamo…

Catholic Church England and Wales-CC

don Fabio Bartoli - La Fontana del Villaggio - pubblicato il 21/10/14

...si ancora di Sinodo, perché esso è la Chiesa

Si, noi discutiamo, parliamo, conversiamo, ci confrontiamo, litighiamo perfino. Si fa in ogni famiglia, si fa quando ci si vuole bene, quando si sa che ci si può dire le cose in faccia senza paura di arrivare per questo ad una rottura, ché ciò che divide non è la franchezza della discussione, ma la pugnalata alle spalle, l’inganno, la slealtà.

Ogni tanto ci stanno anche quelli per carità; siamo peccatori costretti a fare un lavoro da santi noi, nani che devono indossare vestiti di giganti. E così mica siamo sempre all’altezza di ciò che dovremmo essere… qualche caduta di stile, qualche colpo basso sono inevitabili, ma, alla fine dei giochi, tutti, ma proprio tutti, sappiamo che l’unità è il valore più importante.

E’ il mondo che non sa più discutere, sarà per questo che, come dice Chesterton, non si fa altro che litigare. Perché se viene meno la certezza di una verità oggettiva e superiore, indipendente da me e te e da cercare insieme, ciò che rimane è solo lo scontro frontale, la lotta al coltello per far prevalere un’idea sull’altra. E’ stato detto che il monoteismo è il padre del totalitarismo, è vero esattamente il contrario: se non c’è una verità oggettiva discutere è solo una perdita di tempo, si va alla conta dei voti e chi è più forte vince…

Il fatto è che il mondo ormai conosce solo lotte di potere, e infatti nessuno discute più.

Non si discute più nei parlamenti (e c’è chi propone perfino di abolirli), che se non ci si parla più bisognerebbe chiamarli zittimenti; non si discute più nei consigli di amministrazione, nelle case, negli uffici… manco più alle panchine nel parco. Le sedi di partito sono diventati desolanti scuole di ballo latino, i talk-show sono ormai shout-show e i circoli culturali sono ridotti a triangoli visto il numero dei partecipanti.

Che paradosso che l’unico luogo dove ancora si possa fare una discussione franca e accesa sia proprio la Chiesa Cattolica, che per definizione è una comunione gerarchica, dove il capo è addirittura scelto da Dio e non da un qualsiasi collegio umano. Che paradosso che, proprio perché protetti da un’immutabile dottrina, i Padri Conciliari abbiano potuto confrontare in tutta franchezza tesi anche molto distanti. Ditemi voi quale partito, quale sindacato, quale associazione umana ha al suo interno un dibattito ampio e variegato come la Chiesa Cattolica!

Che tristezza invece lo spettacolo offerto in questa circostanza dal popolo di Dio!

Mi veniva in mente in questi giorni il Concilio di Efeso in cui si discuteva di Maria e del titolo di “Madre di Dio”. In quei giorni, riferisce, mi pare, Cirillo, “si discuteva di teologia perfino nelle taverne” e non di rado le discussioni, forse con l’aiuto del vino, terminavano in sonore scazzottate (quando non uscivano i coltelli). Certo, è bello che ci sia tanta passione, dice di una fede che ancora è viva, che incide nella carne della gente, altrimenti sarebbe stato assai facile commentare, come faceva uno, ma uno solo, sulla mia bacheca di Facebook con un sonoro “macchissenefrega”. Però questa passione può diventare distruttiva e deve essere governata.

Già, perché per essere davvero cattolica, cioè, letteralmente, “secondo il tutto”, una discussione deve rispettare alcune regole. Ne menziono due: è necessario avere un “pregiudizio positivo” verso l’interlocutore, e bisogna discutere con cortesia.

Bisogna avere un pregiudizio positivo, bisogna cioè sempre presumere la buona fede. Se si discute tra credenti non posso mettere in dubbio il fatto che l’altro, come me, sia animato da sentimenti di fede e da Carità Pastorale. In particolare, accusarlo di avere una sorta di agenda segreta per destabilizzare la Chiesa è una cosa terribile, perché mira non al confronto delle idee, per far emergere la verità, ma ad eccitare i propri sostenitori, come se si fosse allo stadio. Non serve all’unità, ma alla conta dei voti, non cerca la verità, ma il potere.

  • 1
  • 2
Tags:
sinodo famiglia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
4
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni