Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Cleopa
home iconChiesa
line break icon

Giovanni Paolo II insegna l’“educazione dell’amore”

© YOSHIKAZU MIKAMI / AFP

Roberta Sciamplicotti - Aleteia - pubblicato il 21/10/14

“Condizione indispensabile su cui basare il matrimonio”

Il punto da cui partire e allo stesso tempo a cui tendere tra tutti i temi attinenti al matrimonio è l'educazione dell'amore. Lo ha affermato Karol Wojtyła nell'articolo intitolato appunto “Educazione dell’amore”, pubblicato ora nella raccolta di Cantagalli “Educare ad amare. Scritti su matrimonio e famiglia”, che riunisce undici articoli scientifici e divulgativi da lui redatti negli anni 1952-1962.
Dall'educazione dell'amore, spiegava il futuro papa Giovanni Paolo II, “tutto prende inizio; l’affermazione 'matrimonio per amore' non significa altro”. Allo stesso modo, “è anche ciò a cui si tende poiché il matrimonio rappresenta sempre una certa prova in cui l’amore deve verificarsi, in cui deve confermarsi”.
Al momento delle nozze, indicava, l'amore è ciò che i due coniugi “conoscono” meglio, “eppure nello stesso tempo è la piu grande incognita che li attende nel comune futuro”, “un’incognita per certi versi ancora più grande di quella che attiene al loro destino”, poiché l’amore è qualcosa di “molto più profondo e basilare, nasconde in sé la capacità interiore di dominare il destino stesso della coppia”.

“Quand’anche tutto ciò che concorre a determinare il destino, come la prosperità e la felicità terrena portasse ad un esito deludente, ma l’amore perdurasse, la vita della coppia avrebbe colto la vittoria. Laddove, se al contrario l’amore deludesse, la vita subirebbe una sconfitta, anche se accompagnata da una sorte favorevole”.

Celebrando il matrimonio sacramentale, affermava Wojtyła, la donna e l’uomo “in un certo modo impegnano Dio e nello stesso tempo contano sul suo impegno a favore della loro comunità. In altre parole, essi contano sulla sua grazia e sul suo aiuto che, in maniera puramente interiore ma nondimeno reale, plasmerà tutta la loro vita comune. Pertanto, essi pongono dinanzi a Lui la loro unione e la confermano col giuramento; così il matrimonio acquista una forza particolare che li impegna completamente”.

Il problema così impostato, aggiungeva, richiede che l’amore fra i due sia “interiormente maturo e definitivo”, cosa che non può essere “fin dal suo nascere”, potendolo divenire “solo gradualmente”. Questo “divenire” necessita di essere orientato, e per questo si può parlare dell’educazione dell’amore.

Per chi è credente, sottolineava il futuro pontefice, educarsi all’amore significa “collaborare con la grazia”, concetto che può sembrare “astratto e irraggiungibile”, ma solo “se si accetta che l’amore si riduca alle sole reazioni e esperienze affettivo-sensuali che istintivamente non tendono ad altro che alla loro soddisfazione”.

Per Wojtyła, “sono solo le vie della grazia che permettono ad ogni amore umano di continuare ad unire fino alla fine, cosa che non riuscirebbe a raggiungere quand’anche fosse soggettivamente assorbente e reciprocamente sentito”.

“Come è indiscutibile che l’educazione dell’amore è la condizione indispensabile su cui basare il matrimonio, così bisogna aggiungere che il matrimonio-sacramento corrisponde solo a quell’educazione dell’amore che si sviluppa sulla base della verità che 'Dio e amore' e 'l’amore è da Dio'”.

“Realizzare queste verità significa collaborare con la grazia dell’amore”.

Per gli sposi, concludeva il futuro Giovanni Paolo II, qui “si realizza la magna pars della collaborazione con la grazia del sacramento del matrimonio”, collaborazione che include “tutto ciò che fa parte del cammino verso i valori umani del matrimonio, non evitando mai nulla”.

Tags:
matrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni