Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 23 Giugno |
Paolino di Nola
home iconNews
line break icon

Dalla lapidazione alla brava cuoca, i volti choc della donna jihadista

© Public Domain

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 21/10/14

Sul web sdegno per un video di una donna lapidata davanti al padre

A seconda dei casi l’Isis "utilizza" le donne per umiliarle e ucciderle o per diventare le amanti e le cuoche dei jihadisti. 

IL MASSACRO DELLA DONNA
Nel primo caso la donna è trattata brutalmente. Il video della lapidazione di una ragazza in Siria davanti a suo padre ad opera dei jihadisti sta facendo il giro del mondo. A riportarlo è il gruppo “Raqqa viene massacrata silenziosamente” e confermato dall’Osservatorio siriano per i diritti umani, che non è riuscito però a fornire la data dell’uccisione (Tempi.it, 21 ottobre). 

CINQUE MINUTI DI PAZZIA
Le immagini durano cinque minuti e mostrano la ragazza, in piedi, davanti al padre, affiancato da due uomini dello Stato islamico. La ragazza viene accusata di adulterio e il padre rigetta per quattro volte le richieste della figlia di perdonarla. Alla fine, si fa convincere dai terroristi islamici che la cosa migliore è lapidarla «secondo il volere di Allah».

IL RUOLO DEL PADRE 
Il padre lega quindi la figlia e la dispone all’interno di una buca. Mentre un gruppo di uomini raccoglie delle pietre e si prepara a lapidarla, un jihadista dice alla ragazza che «dovrebbe essere contenta» di fare quella morte orribile perché, essendo la prima donna lapidata ad Hama, sarà lei a dare il via a una tradizione. Il filmato prosegue mostrando la lapidazione della ragazza sotto gli occhi del padre.

PROPAGANDA FOLLE
L’altro volto dell’Isis è rassicurante. E sfrutta i social network. E’ nato così il gruppo per le sorelle jihadiste e un video per istruirle al pronto soccorso, alla preparazione di una buona cena per gli uomini che vanno a combattere e per fare jogging in modo da non diventare un peso per i soldati in caso di fuga. È l’ultimo passo della folle propaganda di Isis che dopo averle stuprate, sottomesse e chiuse in casa ora si rivolge alle donne per ottenere il loro appoggio (Corriere della Sera, 21 ottobre). 

DONNE ESPLOSIVE
Per raggiungere questo obiettivo, come di consueto – spiega il Corriere –, Isis usa i mezzi più moderni, da YouTube, passando per Facebook e Twitter, su cui sono stati aperti gli account del gruppo al-Zawra. Come sottolinea anche il sito di intelligence Site, il gruppo però non è per tutte. Ma si rivolge alle donne che sono “più interessate alle cinture esplosive che a un abito bianco o a un castello”. 

CUCINA E PRONTO SOCCORSO
Per mandare questo messaggio la potente propaganda del Califfato usa colori e disegni che ricordano quelli delle principesse Disney, con un risultato che davvero rasenta la schizofrenia. Per preparare le donne alla jihad al Zawra propone classi e corsi di cinque tipi, compresi la cucina, l’economia domestica, il pronto soccorso, la legge e la sharia islamica. 

SHOPPING E SOCIAL
Poi l’addestramento all’uso dei social media, strumento particolarmente usato dalla propaganda per reclutare. Senza dimenticare i consigli per la vita quotidiana: «Andate a far shopping tutti i giorni per non diventare un peso per i vostri fratelli jihadisti in caso di fuga». E ancora: «Imparate a usare le armi guardando i video su YouTube».

Tags:
estremismo islamicoisis
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni