Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Gennaio |
Santi Mario e Famiglia
home iconChiesa
line break icon

Che differenza c'è tra santi e beati?

© Public Domain

Toscana Oggi - pubblicato il 20/10/14

Non sono Sante, anche se non riconosciute, tutte le persone accolte in Cielo?

La distinzione che fa la Chiesa tra beatificazione e santificazione mi sembra proprio inutile. Un Beato, riconosciuto ufficialmente tale, non è già Santo? Come, del resto, sono Sante, anche se non riconosciute, tutte le persone che, dopo morte, sono accolte in Cielo?
Gian Gabriele Benedetti

Risponde padre Valerio Mauro, docente di Teologia Sacramentaria
Una tradizionale suddivisione della comunione dei santi, che costituisce la Chiesa come popolo di Dio, distingue la Chiesa pellegrina, la nostra condizione nella storia, da quella ormai gloriosa, i santi in cielo, e da quella in uno stato di purificazione, i defunti per cui preghiamo.

La domanda del lettore si inserisce in questa relazione di preghiera che unisce ogni membro del popolo di Dio. In fondo, quando di una persona la Chiesa ne riconosce la santità (per ora usiamo questo termine in senso generico) avviene un passaggio preciso: il nostro rapporto verso quel cristiano o quella cristiana passa da una preghiera per lui o per lei, in suo favore, ad una richiesta di preghiera rivolta a lui o a lei. Certamente l’invito alla preghiera reciproca ha valore per tutti, come ci ricorda l’apostolo Giacomo: «pregate gli uni per gli altri» (Gc 5,16). Abbiamo bisogno di preghiere da parte dei fratelli nella fede durante il nostro cammino verso il Regno di Dio o per la nostra ultima purificazione.

I santi e i beati intercedono per noi, mentre da parte loro sono ormai in una comunione definitiva con Dio, nell’attesa della manifestazione del Signore Gesù Cristo quando ritornerà nella gloria alla risurrezione dei morti. La tradizione ortodossa esprime bene questo passaggio con una liturgia formale, detta glorificazione e distinta in due parti: nella prima si svolge per l’ultima volta una preghiera in favore del defunto, passando poi per la prima volta ad una liturgia nella quale si rivolgono preghiere ufficiali al nuovo santo. L’indomani viene celebrata per la prima volta la Divina Eucaristia durante la quale il santo è onorato come tale, per grazia e a gloria di Dio.

Il culto dei santi, dunque, appartiene ai modi con cui la Chiesa manifesta la sua fede attraverso la preghiera, personale e comunitaria. Come ogni espressione storica della vita ecclesiale ha vissuto cambiamenti e modifiche nel corso dei tempi, ripercorrendo i quali la domanda del lettore riceve una prima chiarificazione. Le prime attestazioni di una preghiera pubblica rivolta a santi sono quelle verso i martiri, legati ad una comunità particolare. Pensiamo alle sante tradizionali come Lucia, Agata, Cecilia oppure agli apostoli, il cui martirio in una città ha dato luogo ad un culto preciso. In modo singolare la morte dei santi Pietro e Paolo a Roma ha deciso per il ruolo ecclesiale unico del vescovo di quella città. In modo parallelo il culto verso la Vergine Maria si lega a manifestazioni particolari in questo o quel luogo. In sintesi, il culto verso i santi nasce legato ad un luogo, ad una comunità locale. Solo col tempo si estende ad altre comunità. I primi santi non martiri dei quali si conosce un culto sono Antonio, padre del monachesimo e Martino di Tours, il primo santo non martire del quale abbiamo un ufficio liturgico.

Il culto pubblico verso un santo o una santa era affidata all’acclamazione popolare oppure ad una decisione episcopale: momento decisivo era la traslazione del corpo presso un altare, che diventava il centro del culto a lui rivolto. Nel Medioevo la Chiesa comincia a regolare in modo formale e universale il riconoscimento di un culto liturgico verso i santi. Siamo in periodo di crescente autorità del papa nella Chiesa e assistiamo a vari interventi dei pontefici. Nel XIII secolo Gregorio IX riserva le canonizzazioni al ministero del papa, istituendo il processo per il riconoscimento della santità di un cristiano (Francesco d’Assisi fu il primo per cui si svolse un’investigazione attraverso testimonianze sulla vita e sui miracoli). Nel 1588 Sisto V fonda la Sacra Congregazione dei riti, incaricandola di esaminare le varie candidature al culto pubblico. Con Urbano VIII e Benedetto XIV si elaborarono norme ancora più precise, definendo la distinzione fra beati e santi: il beato gode solamente di un culto pubblico locale, il santo, invece, viene proposto al culto della Chiesa universale.

  • 1
  • 2
Tags:
causa di canonizzazionesanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
4
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
5
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel m...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni