Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Che differenza c’è tra santi e beati?

© Public Domain
Condividi

Non sono Sante, anche se non riconosciute, tutte le persone accolte in Cielo?

La distinzione che fa la Chiesa tra beatificazione e santificazione mi sembra proprio inutile. Un Beato, riconosciuto ufficialmente tale, non è già Santo? Come, del resto, sono Sante, anche se non riconosciute, tutte le persone che, dopo morte, sono accolte in Cielo?
Gian Gabriele Benedetti

Risponde padre Valerio Mauro, docente di Teologia Sacramentaria
Una tradizionale suddivisione della comunione dei santi, che costituisce la Chiesa come popolo di Dio, distingue la Chiesa pellegrina, la nostra condizione nella storia, da quella ormai gloriosa, i santi in cielo, e da quella in uno stato di purificazione, i defunti per cui preghiamo.

La domanda del lettore si inserisce in questa relazione di preghiera che unisce ogni membro del popolo di Dio. In fondo, quando di una persona la Chiesa ne riconosce la santità (per ora usiamo questo termine in senso generico) avviene un passaggio preciso: il nostro rapporto verso quel cristiano o quella cristiana passa da una preghiera per lui o per lei, in suo favore, ad una richiesta di preghiera rivolta a lui o a lei. Certamente l’invito alla preghiera reciproca ha valore per tutti, come ci ricorda l’apostolo Giacomo: «pregate gli uni per gli altri» (Gc 5,16). Abbiamo bisogno di preghiere da parte dei fratelli nella fede durante il nostro cammino verso il Regno di Dio o per la nostra ultima purificazione.

I santi e i beati intercedono per noi, mentre da parte loro sono ormai in una comunione definitiva con Dio, nell’attesa della manifestazione del Signore Gesù Cristo quando ritornerà nella gloria alla risurrezione dei morti. La tradizione ortodossa esprime bene questo passaggio con una liturgia formale, detta glorificazione e distinta in due parti: nella prima si svolge per l’ultima volta una preghiera in favore del defunto, passando poi per la prima volta ad una liturgia nella quale si rivolgono preghiere ufficiali al nuovo santo. L’indomani viene celebrata per la prima volta la Divina Eucaristia durante la quale il santo è onorato come tale, per grazia e a gloria di Dio.

Il culto dei santi, dunque, appartiene ai modi con cui la Chiesa manifesta la sua fede attraverso la preghiera, personale e comunitaria. Come ogni espressione storica della vita ecclesiale ha vissuto cambiamenti e modifiche nel corso dei tempi, ripercorrendo i quali la domanda del lettore riceve una prima chiarificazione. Le prime attestazioni di una preghiera pubblica rivolta a santi sono quelle verso i martiri, legati ad una comunità particolare. Pensiamo alle sante tradizionali come Lucia, Agata, Cecilia oppure agli apostoli, il cui martirio in una città ha dato luogo ad un culto preciso. In modo singolare la morte dei santi Pietro e Paolo a Roma ha deciso per il ruolo ecclesiale unico del vescovo di quella città. In modo parallelo il culto verso la Vergine Maria si lega a manifestazioni particolari in questo o quel luogo. In sintesi, il culto verso i santi nasce legato ad un luogo, ad una comunità locale. Solo col tempo si estende ad altre comunità. I primi santi non martiri dei quali si conosce un culto sono Antonio, padre del monachesimo e Martino di Tours, il primo santo non martire del quale abbiamo un ufficio liturgico.

Il culto pubblico verso un santo o una santa era affidata all’acclamazione popolare oppure ad una decisione episcopale: momento decisivo era la traslazione del corpo presso un altare, che diventava il centro del culto a lui rivolto. Nel Medioevo la Chiesa comincia a regolare in modo formale e universale il riconoscimento di un culto liturgico verso i santi. Siamo in periodo di crescente autorità del papa nella Chiesa e assistiamo a vari interventi dei pontefici. Nel XIII secolo Gregorio IX riserva le canonizzazioni al ministero del papa, istituendo il processo per il riconoscimento della santità di un cristiano (Francesco d’Assisi fu il primo per cui si svolse un’investigazione attraverso testimonianze sulla vita e sui miracoli). Nel 1588 Sisto V fonda la Sacra Congregazione dei riti, incaricandola di esaminare le varie candidature al culto pubblico. Con Urbano VIII e Benedetto XIV si elaborarono norme ancora più precise, definendo la distinzione fra beati e santi: il beato gode solamente di un culto pubblico locale, il santo, invece, viene proposto al culto della Chiesa universale.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.