Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Gennaio |
San José Vaz
home iconChiesa
line break icon

Solido come un crocifisso

© costanzamiriano.com/

Il blog di Costanza Miriano - pubblicato il 17/10/14

Un crocefisso che parla di Lui, di te, della vita, del lavoro, del senso di tutto, di dolore, fatica e gioia

di Paolo Pugni

Si dice che san Francesco abbia così distinto il lavoro dall’arte: “chi lavora con le mani e la testa è un artigiano, chi lavora con mani, testa e cuore è un artista”. Se è così allora sono artisti i fratelli Marchesi che il cuore lo mettono dentro al vetro per tirarci fuori il significato della vita, vale a dire il crocifisso.

Che dentro nella sua fragilità mostra in effetti tutto quello che c’è da capire. E quello che hanno deciso di fare è il segno che si può sempre andare oltre la superficie, oltre l’acqua che si scontra con il vento e ti sballotta nel dolore e nella confusione, puoi sempre immergerti sotto e lasciarti andare con dolcezza a cercare il senso.

Un po’ come fa Andrea Giovanoli che sbuccia la quotidianità per regalarti la polpa che sta dentro e che ti parla al cuore.

Così loro, che dentro ad un tubo di vetro freddo e banale, una provetta senza fondo, che fa scivolar via lo sguardo, dentro a questo nulla c’hanno visto il dolore e l’amore, la carezza e la luce e l’hanno estratta poco alla volta, perché così si fa, perché questo è il lavoro fatto con il cuore, che tira fuori dall’atto il suo significato divino, colmo, il contributo alla creazione, il compimento del compito che Dio c’ha assegnato: coltivare la terra, lavorare con santità.

Qui, dentro quest’oggetto che pare frangibile, intimidito, ci sta la forza della solidità, il sangue versato che ti ricorda che senza di Lui sei debole, basta un urto a mandarti in mille pezzi, mille schegge che ti riducono il futuro ad un rompicapo del quale non sai trovare la soluzione.

Ed è trasparente perché ci guardi attraverso la vita, attraverso di Lui la vedi come deve essere, e dentro quella vita ci sei perché è riflessa su di lei la tua immagine.

Un crocefisso che parla di Lui, di te, della vita, del lavoro, del senso di tutto, di dolore, fatica e gioia. Perché il vetro è luce e la luce ha tanto da raccontarti.

QUI L’ORIGINALE

Tags:
spiritualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni