Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 07 Dicembre |
Sant'Ambrogio
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Gli amici della “Zizzi”

Gli amici della Zizzi

© Associazione Amici della Zizzi ONLUS

Lucandrea Massaro - Aleteia - pubblicato il 17/10/14

Uno sguardo nel mondo dell'affido familiare: dove si è genitori per sempre anche se per breve tempo

L’Associazione Amici della Zizzi ONLUS, guidata da Riccardo e Roberta, opera da 27 anni nel campo della prevenzione e recupero dei minori con problemi economici e sociali, occupandosi principalmente di affido. “Zizzi” era il soprannome della mamma di Riccardo, una professoressa di Livorno molto conosciuta per il suo impegno nel sociale. Sono una realtà abbastanza nota nell'ambito livornese.

Aleteia ha contattato Riccardo Ripoli, fondatore e responsabile dell'associazione. Raggiunto telefonicamente, l'accento toscano e la parlantina incalzante ci sommergono, ma si scorge il pathos per chi fa quello in cui crede: “Abbiamo 7 'bimbi' in affido, noi li si chiama 'bimbi' anche se tre sono maggiorenni – spiega – . Il tribunale, quando serve, ci chiama per gli affidamenti. Io e Roberta dal 1986 lavoriamo insieme per questa opera”.

Ci apre un mondo quello dell'affido e dell'adozione, che non è esattamente come lo immaginavamo. I problemi sono innanzitutto quelli della burocrazia, poi segue il fatto che le strutture di affidamento dipendono da leggi regionali, ma poi dall'attenzione e dal bilancio dei comuni, e dunque cambia molto l'attenzione verso queste esigenze anche solo facendo un chilometro in più. “Ora – mi spiega Riccardo – abbiamo fatto un passo in più e abbiamo comprato con notevoli difficoltà un grosso appartamento a Livorno per 'fortificarci' e diventare a tutti gli effetti una Comunità Educativa per aiutare anche i bambini più grandi. In questo modo – dice -, potremo accogliere altri 6 ragazzi oltre ai 7 che già abbiamo".

Che differenza esiste tra adozione e affido?
Ripoli: Sia affido che adozione sono regolati dalla stessa legge, con l'adozione (preceduto da un periodo di cosiddetto "preaffido") si “prende” per così dire un bimbo, gli si da il cognome ed è una procedura che in un certo momento diviene irreversibile. Per esperienza, noi siamo abbastanza contrari alle adozioni internazionali, perché sono difficili specie se i bambini sono cresciuti, spesso hanno un senso di straniamento nel dover cambiare cultura e ricominciare da capo con la lingua. La cosa ideale sarebbe che le adozioni avvenissero nei Paesi d'origine. Il problema è che in Italia di bimbi da 0 a 3 (quelli più richiesti dalle famiglie adottive, ndr) non ce ne sono molti, mentre di ragazzi di 10-12 anni ce ne sono moltissimi, ma sono poche le famiglie che si prendono questo impegno. A questi bambini spesso vengono in aiuto le famiglie affidatarie.

L'affidamento è un aiuto momentaneo che si da ad un bambino e alla sua famiglia finché ce n'è bisogno, magari durante le separazioni oppure se un genitore è malato o in carcere. Se l'ambiente familiare non torna ad essere accogliente per i figli, allora gli affidi possono essere anche “sine die”.

Come vi sostente?
Ripoli: Con mille iniziative! C'è la lotteria natalizia. Ogni anno facciamo un calendario con un “vip” che ci permette di avere un po' di visibilità, quest'anno ci da' una mano Melita Tognolo. Altri anni abbiamo avuto Marcello Lippi o addirittura la Marina Militare. Io poi ho scritto tre libri. Il primo ed il secondo "Lacrime silenziose 1 e 2", di qualche anno fa che parte dalla nostra esperienza quotidiana di dialogo coi ragazzi: leggiamo il Vangelo del giorno, e cerchiamo di parlare con i bambini dopo aver preparato delle paginette (che sono finite nel libro…), che stimolano la discussione a partire dalla Scrittura e dai fatti del giorno. Ora un altro “La montagna dell'affido”, un racconto-reportage con i nostri ragazzi come protagonisti. Non mancano poi mercatini e naturalmente anche la beneficienza diretta.

Dallo Stato nulla?
In teoria i bimbi in affido hanno diritto una retta, di 7 che ne abbiamo ci riconoscono di fatto uno solo. Dal comune di Livorno non arrivano neppure i soldi dovuti. Ora con la trasformazione in Comunità Educativa (con elevazione di standard sia nelle dimensioni delle stanze che nel numero di persone che sono a contatto con i bambini, ndr) le cose dovrebbero essere più facili con accordi ben precisi con regioni e comuni. Purtroppo i costi sono alti e ci sono gli stipendi da pagare: degli educatori, così come la psicologa, gli animatori e il personale delle pulizie e almeno 7-8 persone per ogni comunità ed è per questo che alcune realtà chiudono e solo le comunità con almeno 10 bambini funzionano. Molte famiglie a volte sono impreparate, gli assistenti sociali non fanno abbastanza formazione e quindi si assiste ad un fallimento dell'affido con costi (economici ma anche politici) che i comuni spesso non vogliono affrontare, per questo siamo molto lasciati a noi stessi…

* * *

Ringrazio Riccardo e lo saluto, mi informo sul libro, che magari può essere un bel regalo di Natale, non solo per chi lo riceve, ma anche per finanziare quest'opera di amore e accoglienza. La Montagna dell'Affido è un libro che narra le storie di alcuni ragazzi che Riccardo Ripoli, l'autore, ha accudito attraverso l'Associazione "Amici della Zizzi" da lui fondata a ventun anni dopo la morte della sua mamma. Racconti veri, a volte crudi, tutti visti come montagne da scalare, percorsi su cui inerpicarsi per raggiungere la vetta, per salvare un bambino da una vita di maltrattamenti e di stenti senza andare troppo lontano perché certe brutte cose accadono anche nel nostro paese. Alcuni racconti sono visti con l'occhio di chi li ha vissuti, con gli occhi dei bambini che tanto hanno subìto. Tutte le iniziative editoriali sono autoprodotte e possono essere richieste qui.

Tags:
affidamentofamiglia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni