Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 17 Ottobre |
Sant'Ignazio di Antiochia
Aleteia logo
home iconStile di vita
line break icon

E’ giusto spiegare ai bambini la sessualità?

© DR

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 16/10/14

IL PIACERE E IL CONTATTO AFFETTIVO
Lo psicologo evidenzia i punti critici di alcuni passaggi. Un comportamento da incentivare, si legge nel documento dell'OMS, sarebbe la “gioia e il piacere nel toccare il proprio corpo, masturbazione infantile precoce”. «Perché tutta questa focalizzazione nella libertà e nel piacere di toccare il proprio corpo? – si domanda Lambiase – Il piacere del contatto fisico, nell’infanzia, ha un valore primariamente affettivo – tramite il legame con i propri genitori – e poi anche di rassicurazione e consolazione personale. Il piacere, quindi, è uno strumento, non un fine».  

LA GENESI DELLE SENSAZIONI PIACEVOLI
E ancora: “Belle e cattive esperienze del proprio corpo. Cosa da' una sensazione piacevole?” «Questa del piacere sembra essere un’ossessione del documento, perdendo tutto il senso del piacere. Non sappiamo ancora perché il nostro corpo produce piacere per determinate azioni – ci sono molte ricerche e pubblicazioni in merito – eppure vogliamo farne un obiettivo prioritario». 

LA MASTURBAZIONE SPONTANEA
Critico è l'atteggiamento dello psicologo sul "gioco del dottore", cioè restare nudi e toccarsi. Recita il documento: “Esprimere i propri bisogni, desideri e limiti ad esempio nel “gioco del dottore”. «Quella che in natura è una fase spontanea e occasionale di alcuni bambini dovrebbe diventare un vero e proprio gioco, strutturato e di tutti. Essendo una fase naturale e transitoria qualcuno ha valutato le conseguenze negative di renderla un vero e proprio esercizio?». 

IL BAMBINO E IL SUO CORPO
Lambiase punta il dito anche contro l'indicazione, secondo cui “il mio corpo appartiene a me”. «Se è vero che da un certo punto di vista è un atteggiamento positivo in quanto alimenta la difesa di sé dagli abusi, è anche vero che il corpo è uno degli strumenti principali con i quali entriamo in relazione con gli altri e, quindi, è importante considerarlo proprio in funzione delle relazioni e non in modo individualistico ed egoistico. L’intersoggettività prevede proprio che non esista questa divisione così netta tra me e l’altro. Lo dicono anche i nuovi studi di neuroscienze sulla coscienza».

EVOLUZIONE DELLA SESSUALITA'
La sessuologa Noemi Grappone riesce a snocciolare una nota di merito per il documento: quel di focalizzare l'evoluzione sessuale in termini di percorso evolutivo. Il testo dell'OMS recita infatti che l’educazione sessuale influenza lo sviluppo della personalità del bambino. Studi di psicologia dell’età evolutiva, si legge, hanno dimostrato che i bambini nascono come esseri sessuali e che la loro sessualità si sviluppa attraverso diversi stadi collegati allo sviluppo infantile in generale e ai relativi compiti di sviluppo. 

EDUCAZIONE ESTENSIVA
«In particolare – evidenzia Grappone – si parla di educazione sessuale estensiva come processo che si dipana lungo tutto l’arco di vita poiché il bisogno di educazione sessuale non si esaurisce con la pubertà. Le varie fasi evolutive sono tutte caratterizzate da differenti ma ugualmente importanti compiti evolutivi connessi alla sessualità». 

I PRIMI SEI ANNI DI VITA
Lo sviluppo del comportamento sessuale, delle emozioni e cognizioni relative alla sessualità, inizia nel grembo materno e continua per tutto l’arco della vita di un individuo. In linea generale, scrive l'OMS, «si può dire che durante i primi sei anni di vita i bambini passano presto dalla completa dipendenza a una indipendenza limitata. Acquisiscono consapevolezza del proprio corpo. I bambini provano sensazioni sessuali perfino nella prima infanzia. Tra il secondo e il terzo anno di vita scoprono le differenze fisiche tra maschi e femmine». 

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
masturbazionesessualitàteologia del corpo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
ORDINATION
Francisco Vêneto
Ex testimone di Geova verrà ordinato sacerdote cattolico a 25 ann...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni