Aleteia
martedì 29 Settembre |
Santi Arcangeli
Stile di vita

E' giusto spiegare ai bambini la sessualità?

© DR

Gelsomino Del Guercio | Aleteia | Thu Oct 16 2014

Petizione on line per ritirare gli "Standard per l'educazione sessuale in Europa" dell'OMS

100mila firme raccolte su Citizengo.org per chiedere il ritiro del documento "Standard per l'educazione sessuale in Europa" a cura della sezione europea dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Il documento intende orientare e dirigere l'insegnamento dell'educazione sessuale per i bambini sin dalla primissima età, da 0 ai 4 anni e successivamente. 

Nelle linee guide sulla sessualità c'è l'introduzione di comportamenti sessuali a partire dalla primissima infanzia. «La gioia e piacere nel toccare il proprio corpo, masturbazione infantile precoce», la «scoperta del proprio corpo e dei propri genitali», il fatto che «la gioia del contatto fisico è un aspetto normale della vita di tutte le persone», «tenerezza e contatto fisico come espressioni di amore e affetto». Entro i 4 anni andrebbe acquisita «consapevolezza dell’identità di genere», «parlare delle sensazioni (s)piacevoli del proprio corpo», «esprimere i propri bisogni, desideri e limiti, ad esempio nel “gioco del dottore”». 

Dal punto di vista emotivo si incentiva «il concetto che le emozioni si esprimono in molti modi differenti», i «sentimenti positivi verso il proprio sesso e il proprio genere (è bello essere una femmina – o un maschio!)», l’opinione che «le proprie emozioni siano giuste e che sia giusto esprimerle». 

IL PUNTO DI VISTA DELLA CHIESA

Nel documento Orientamenti educativi sull'amore umano – Lineamenti di educazione sessuale a cura della Congregazione per l'Educazione Cattolica, le linee guide viaggiano in una direzione piuttosto differente rispetto a quella dell'OMS. «Nella visione cristiana dell'uomo – si legge – si riconosce al corpo una particolare funzione, perché esso contribuisce a rivelare il senso della vita e della vocazione umana. La corporeità è, infatti, il modo specifico di esistere e di operare proprio dello spirito umano».

LA PRUDENZA DEL CONCILIO

Trattando dell'educazione cristiana, «il Concilio Vaticano II ha segnalato la necessità di offrire "una positiva e prudente educazione sessuale" ai fanciulli e ai giovani». Scrive ancora la Congregazione: «L'educazione sessuale deve condurre i giovani a prendere coscienza delle diverse espressioni e dei dinamismi della sessualità, dei valori umani che devono essere rispettati. Il vero amore è capacità di aprirsi al prossimo in un aiuto generoso, è dedizione all'altro per il suo bene». L'istinto sessuale, invece, «se abbandonato a se stesso, si riduce a genitalità e tende a impadronirsi dell'altro, cercando immediatamente una soddisfazione personale».

PADRONANZA DEGLI IMPULSI

Lo scopo di un'autentica educazione sessuale è quindi «favorire un progresso continuo nella padronanza degli impulsi, per aprirsi a suo tempo a un amore vero e oblativo». Un problema «particolarmente complesso e delicato, che può presentarsi, è quello della masturbazione e delle sue ripercussioni sulla crescita integrale della persona». La masturbazione, «secondo la dottrina cattolica, "costituisce un grave disordine morale", principalmente perché fa uso della facoltà sessuale in un modo che contraddice essenzialmente la sua finalità, non essendo a servizio dell'amore e della vita secondo il disegno di Dio».

TUTT'ALTRO CHE SCIENTIFICO

Se questo è il punto di vista ufficiale della Chiesa in materia di educazione sessuale, anche tra gli psicologi si denotano più aspetti negativi che positivi nei suggerimenti dell'OMS. «E' un documento incompleto e in alcuni casi sbagliato», sentenzia Emiliano Lambiase ad Aleteia. E i limiti sono molteplici. «Non si fonda sulle più recenti ricerche in ambito di sessualità infantile secondo cui – spiega lo psicologo – dicono che è un ambito ancora tutto da scoprire; nonostante queste lacune si decide comunque cosa insegnare, in quali tempi e con quali modi. Non si fa riferimento, inoltre, a teorie scientifiche che giustifichino i punti di vista ma vengono fatte affermazioni come se fossero state già dimostrate. Si decide, in modo arbitrario, quali sono i principi che dovrebbero regolare lo sviluppo globale della persona, decidendo anche i valori che dovrebbero avere i bambini e chi glieli dovrebbe insegnare».

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
masturbazionesessualitàteologia del corpo
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: "Ho visto i ...
HOLDING HANDS
Comunità Shalom
Il demonio non sopporta che gli sposi si amin...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LUXOR FILM FESTIVAL
Zoe Romanowsky
Un filmato potente di appena un minuto sul ma...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
LORELLA CUCCARINI,
Silvia Lucchetti
Lorella Cuccarini accusata di omofobia: la su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni