Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Ogm, nella Chiesa cresce il fronte dei favorevoli

Ogm Chiesa

© Public Domain

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 15/10/14

Aperture di Turkson e Papa Francesco. La Pontificia Accademia delle Scienze spinge per l'ingegneria genetica

«Quei semi migliorano la vita. A chi è contro gli Ogm chiedo un ripensamento». L’appello di Umberto Veronesi, uno dei maggiori oncologi internazionali è rivolto all’uso in agricoltura di prodotti geneticamente modificati: «Il loro uso previene le malattie e in futuro permetterà di sfamare un mondo in cui saremo sempre più numerosi» (La Repubblica, 6 ottobre).

L’AUGURIO DI SORONDO
Di fronte all’agricoltura transgenica, cioè agli Ogm, come si comporta la Chiesa cattolica? Osteggia la loro diffusione? O condivide il percorso dell’ingegneria genetica? In realtà negli ultimi anni si sono registrate delle aperture importanti. Il Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze, monsignor Marcelo Sanchez Sorondo ha difeso la trasformazione transgenica in agricoltura purché contribuisca ad alleviare la fame nel mondo e non si trasformi in attività speculativa che colpisce la giustizia sociale (Adn Kronos, 2 marzo 2013). 

I DUBBI DEI VESCOVI AFRICANI
Ma una bocciatura sia pure con qualche distinguo per gli Ogm era arrivata dal sinodo dei vescovi africani (Nigrizia, ottobre 2012). Nell’occasione le chiese del grande continente si erano pronunciate criticamente contro l’invasività nelle agricolture locali degli Ogm che cancellano le colture tradizionali e sfruttano per interessi economici le terre dei Paesi più poveri e soprattutto gli agricoltori rendendoli dipendenti dalle grandi multinazionali. 

IL CAMBIO DI PASSO NELL’ANNO DEL GIUBILEO
La Chiesa si era interrogata ufficialmente sull’argomento in due occasioni. Con il documento-studio sull’Uso di ‘Piante geneticamente modificate’ per combattere la fame nel mondo, rilasciato alla fine della Sessione Plenaria del Giubileo su “La scienza e il futuro dell’umanità”, novembre 2000, che apriva all’ingegneria genetica. «Non vi è nulla di intrinseco, nell’impiego dell’ingegneria genetica per il miglioramento delle colture, che renderebbe pericolose le piante stesse o i prodotti alimentari da esse derivati», una delle conclusioni più importanti sancite dal documento. 

AIUTO AI POVERI
E ancora: «La comunità scientifica dovrebbe essere responsabile della ricerca e dello sviluppo, che possono portare a progressi nella produttività agricola e dovrebbe vigilare affinché i benefici ad essi associati vadano a vantaggio sia dei poveri che degli abitanti dei paesi sviluppati che attualmente godono di un tenore di vita relativamente alto». 

IL DOCUMENTO DELL’ACCADEMIA
Il secondo approfondimento sull’argomento è venuto con la settimana di studio in Vaticano nel maggio 2009 intitolata “Le piante transgeniche per la sicurezza alimentare nel contesto dello sviluppo” e sponsorizzata dalla Pontificia Accademia delle Scienze. In quell’occasione si è continuato a sostenere l’importanza degli Ogm. «La tecnologia dell’ingegneria generita usata in maniera appropriata e responsabile – si legge nelle conclusioni – può, in molte circostanze, fornire un contributo essenziale alla produttività agricola tramite il miglioramento delle colture».  

POTRYKUS TRANQUILLIZZA
Il professor Ingo Potrykus, tra i maggiori esperti mondiali di Ogm e membro della Pontificia Accademia delle Scienze, ha detto ad Aleteia: «Ho un grande rispetto per Umberto Veronesi. Non si dovrebbe aver paura degli Ogm non perché sono utili per prevenire il cancro, ma perché c’è un consenso scientifico sul fatto che non presentano alcun rischio nuovo o inusuale, e perché non esiste neanche un caso documentato di danno nonostante siano usati in tutto il mondo da 15 anni. Non è giusto perché non c’era e non c’è un’opinione comune. C’erano e ci sono sostenitori e oppositori».

TURKSON E PAPA FRANCESCO
L’esperto precisa che la Pontificia Accademia delle Scienze non rappresenta il punto di vista ufficiale della Chiesa. «Ancora una volta, non c’è un’opinione comune sugli Ogm – precisa – ad ogni modo, si è verificato qualche cambiamento verso una visione più razionale in settori importanti della Chiesa». Il cardinale Turkson, come guida del Dicastero vaticano Giustizia e Pace, «si è pronunciato a favore di un atteggiamento più aperto», e papa Francesco «ha benedetto il "Golden Rice“ (riso Ogm ndr) come esempio positivo».

LOBBY ANTI-OGM
Segnali indubbiamente positivi verso l’uso dei prodotti Ogm «Non c’è dubbio che essi siano – e potrebbero esserlo ancor di più – efficaci nella lotta alla fame e alla "fame nascosta“». E a chi dice che questo tipo di sementi potrebbero danneggiare gli ecosistemi, Potrykus replica secco: «Non si possono "tranquillizzare“ coloro che fanno parte della lobby anti-ogm, perché diffondere disinformazione sugli Ogm è la loro professione e attira un consistente sostegno finanziario. I fatti scientifici sono chiari: gli Ogm proteggono gli ecosistemi anziché danneggiarli».

MULTINAZIONALI FAVORITE
Al contempo, il membro della Pontificia Accademia ammette il rischio che «gli Ogm siano usati soprattutto nell’interesse delle corporazioni multinazionali. Il motivo di questa situazione indesiderabile non è la tecnologia Ogm, ma l’"estrema regolamentazione precauzionale“ ingiustificata, applicata al suo uso. La regolamentazione rende l’applicazione della tecnologia così cara ed esigente in termini di tempo che solo le corporazioni finanziariamente potenti possono usarla per progetti industriali su larga scala».

CONTRO IL BENE PUBBLICO
La regolamentazione, conclude Potrykus, «è lo scandalo che ostacola l’uso della tecnologia per il bene pubblico, e da parte del settore pubblico o delle piccole e medie imprese. Se l’opposizione fosse onesta, combatterebbe contro l’attuale regolamentazione sugli Ogm e per una regolamentazione basata sulla scienza relativa alle caratteristiche e non alla tecnologia».

[Con il contributo di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
cancroogm
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni