Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Ottobre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconApprofondimenti
line break icon

La grande confusione delle "unioni civili"

EITAN ABRAMOVICH

Manifestación ante el Congreso de Colombia en abril de 2013

Massimo Introvigne - La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 15/10/14

Dietro la lacunosità dell'etichetta un vero e proprio "cavallo di Troia"?

Il fatto che il Sinodo dei vescovi – anche nella relazione che riassume i lavori della prima settimana – insista sull’accoglienza delle persone omosessuali, menzionando pure che dal «prezioso» mutuo sostegno che due persone omosessuali si danno derivano diritti e doveri, ha portato alcuni vescovi italiani – da monsignor Mogavero al cardinale Scola, ognuno evidentemente con il suo stile e le sue idee – a intervenire con aperture di varia natura alle «unioni civili» tra persone dello stesso sesso, purché non le si chiami «matrimonio». Chi legge i giornali ha l’impressione che i vescovi, Renzi, Berlusconi ormai remino tutti nella stessa direzione. Ma non è proprio così, e un minimo di chiarezza è obbligatorio.

Comincio con il ricordare al paziente lettore che presiedo un comitato che si chiama «Sì alla famiglia» di cui fanno parte – aderendo ai suoi comitati locali – una quarantina di associazioni cattoliche e non cattoliche, le quali hanno sottoscritto un manifesto, lodato anche da diversi vescovi italiani e pubblicato sul sito del Pontificio Consiglio per la Famiglia, che pone su questa materia due paletti. Ricordando che, come insegna il «Catechismo della Chiesa Cattolica» le persone omosessuali devono essere accolte «con rispetto, compassione, delicatezza» evitando «ogni marchio di ingiusta discriminazione», abbiamo inteso chiudere le porte di «Sì alla famiglia» a chi non si riconosce nell’atteggiamento del «Catechismo» – che può essere evidentemente condiviso anche da non cattolici – e nell’invito di Papa Francesco a non giudicare le persone in quanto persone. Nello stesso tempo, affermando nel manifesto un «no» al «matrimonio» omosessuale e a «unioni civili» para-matrimoniali, che al «matrimonio» omosessuale non sono l’alternativa ma il battistrada, abbiamo pure escluso dall’ambito del nostro comitato chi sostiene che servono in Italia leggi sul modello delle «civil union» mandate in pensione in Inghilterra nel 2013 dopo avere svolto il loro lavoro, cioè appunto preparare la strada al «matrimonio» omosessuale introdotto in quell’anno.

Con poche eccezioni, nella Chiesa e – cosa meno importante, ma politicamente non irrilevante, nel centro-destra italiano – sembra che oggi tutti o quasi siano contrari al «matrimonio» omosessuale e nello stesso tempo favorevoli alle «unioni civili». Senonché, a leggere interviste e interventi, si scopre che parlando di «unioni civili» i diversi prelati e politici parlano ciascuno di una cosa diversa. Quando capita così, vuol dire che siamo di fronte a una parola insidiosa. Che cosa significa «unioni civili»? Nell’intervista a Ferruccio de Bortoli, pubblicata sul Corriere della Sera del 5 marzo 2014, Papa Francesco a una domanda su cosa pensasse delle unioni civili ha risposto: «Il matrimonio è fra un uomo e una donna. Gli Stati laici vogliono giustificare le unioni civili per regolare diverse situazioni di convivenza, spinti dall’esigenza di regolare aspetti economici fra le persone, come ad esempio assicurare l’assistenza sanitaria. Si tratta di patti di convivenza di varia natura, di cui non saprei elencare le diverse forme. Bisogna vedere i diversi casi e valutarli nella loro varietà». Premesso che un’intervista non è assolutamente Magistero, neppure ordinario, de Bortoli a differenza di Scalfari sembrerebbe non avere inventato nulla, e il testo rivela almeno la «mens» del Pontefice.

Il Papa ribadisce anzitutto che il matrimonio è solo fra un uomo e una donna, il che – almeno nella Chiesa, con poche eccezioni – non sembra essere in discussione. Quanto alle «unioni civili» il Papa ci dice in sostanza che l’espressione è come una scatola: bisogna aprirla e guardarci dentro, perché ci sono cose diverse, le «diverse forme» da esaminare e vedere una per una. Dalle convivenze – anche omosessuali – derivano diritti e doveri: il Papa parla di «aspetti economici» ma cita poi l’«assistenza sanitaria», intendendo evidentemente non l’Inps – non c’è un Inps speciale per gli omosessuali – ma la possibilità di assistere in ospedale il convivente. Come la nostra testata ha spiegato molte volte, con elenchi puntigliosi, questi diritti, in Italia, sono già garantiti dalla normativa vigente. Ne mancano solo tre: adottare bambini, avere assicurata una quota di legittima in caso di successione, e godere della pensione di reversibilità.

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
matrimonio gay
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Silvia Lucchetti
Rischiava l'amputazione delle gambe. Oggi ha ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni