Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 18 Ottobre |
San Luca
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

“Essere sposi è difficile come essere sacerdoti”

© Corinne SIMON/CIRIC

Radio Vaticana - pubblicato il 15/10/14

Per me il problema non è ‘comunione sì, comunione no’. Ma, ‘quel matrimonio c’è stato o non c’è stato?’. ‘E’ nato o non è nato?’ ".

"Nel mio intervento al Sinodo – prosegue Menichelli – mi sono soffermato sulla ‘durezza del cuore’ di cui Gesù parla nel Vangelo di Matteo rivolgendosi ai farisei. Anche oggi quanta ‘sclerocardia’ c’è nella comprensione di questo grande mistero tra l’uomo e la donna che dovrebbe essere il segno visibile dell’alleanza di Cristo con la Chiesa? Ridurre tutto a ‘comunione sì e comunione no’ mi sembra troppo poco. Per questi fratelli e sorelle serve un accompagnamento. Io lo faccio in diocesi da tre anni, svolgendo incontri mensili con un gruppo di 80-90 persone, divorziati e separati, che vengono, ascoltano, si sentono consolati, capiscono il problema, non sono arrabbiati con la Chiesa e sanno che il cammino della conversione non è né facile, né frettoloso".

Quanto alle persone omossessuali – in un passaggio che è stato molto ripreso dalla stampa – la ‘Relatio post disceptationem’ afferma che "hanno doti e qualità da offrire alla comunità cristiana".

"Ogni persona – commenta l’arcivescovo Menichelli – è un dono di Dio e ha qualcosa da offrire all’altro. Nessuno, in questo senso, può cancellare ciò che un fratello o una sorella omosessuale può offrire". "Il problema è ciò che queste persone chiamano diritto e non corrisponde al progetto di Dio contenuto nella Bibbia. 

Qui, credo ci sia da fare un ragionamento molto sereno. Noi – come ha ricordato Papa Francesco – non possiamo entrare nella coscienza delle persone, non siamo chiamati a giudicare. Siamo chiamati ad accompagnare e a educare, perché anche queste persone capiscano il messaggio del Vangelo, che non è contro di loro. Ma ‘a favore di loro’ nel senso che li può aiutare a capire la loro identità e a viverla".

QUI L’ORIGINALE

  • 1
  • 2
Tags:
famigliamatrimoniosinodo famiglia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
2
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
3
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni