Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Chiesa

"Essere sposi è difficile come essere sacerdoti"

© Corinne SIMON/CIRIC

Radio Vaticana - pubblicato il 15/10/14

Mons. Menichelli al suo primo Sinodo: "Dobbiamo comprendere le problematiche e le fatiche che la famiglia sopporta"

di Fabio Colagrande

"E’ la prima volta che partecipo a un Sinodo e sono rimasto rallegrato interiormente dalla modalità con cui abbiamo accolto l’invito del Papa a parlarci con franchezza e ascoltarci con umiltà. Ho avuto l’impressione che sia cresciuto questo senso di comunione circa un comune interesse pastorale sulla famiglia che tanto ci preoccupa."

Mons. Edoardo Menichelli, Arcivescovo di Ancona-Osimo, tra i partecipanti al Sinodo straordinario sulla famiglia, traccia un bilancio della prima settimana di lavori e commenta la ‘Relazione dopo la discussione’, presentata in aula lunedì 13 ottobre. "In questi giorni ho imparato la cordialità tra noi vescovi, la responsabilità che sentiamo. Ho imparato dal Papa la capacità di ascoltare. E poi ho appreso che dovunque la famiglia è riconosciuta e voluta come una bellezza indispensabile per la società, ma che in giro per il mondo le ferite sono ampie e diffuse".  

La ‘Relatio’ afferma che la famiglia "va innanzitutto ascoltata nella sua complessità". Mons. Menichelli chiarisce: "Un punto fondamentale, venuto fuori durante le nostre discussioni, e su cui c’è una grande convergenza, è che la famiglia non deve essere tanto un destinatario, un ‘oggetto’, della pastorale, quanto piuttosto deve essere recuperata come ‘soggetto’ di pastorale.

Ciò significa che noi vescovi dobbiamo tener conto del sacerdozio degli sposi. Sono loro che fanno il matrimonio come sacramento. Il sacerdote benedice, convalida, accoglie, intercede per la grazia di Dio, ma i soggetti del matrimonio sono loro e questo va recuperato". Dalla ‘Relatio’ emerge anche la necessità che la Chiesa cambi il "linguaggio" con cui annuncia il Vangelo della famiglia. Ancora mons. Menichelli: "Questo avverrà solo quando saremo capaci di far dialogare i due sacramenti: il nostro sacerdozio e il loro sacerdozio. Noi vescovi e sacerdoti dobbiamo comprendere le problematiche e le fatiche che la famiglia sopporta a vari livelli"

Ma cosa significa in concreto porsi in una "prospettiva inclusiva" rispetto alle "forme imperfette" della realtà nuziale, come afferma la ‘Relatio post disceptationem’ del Sinodo sulla famiglia? "In definitiva – spiega mons. Menichelli – significa che noi, come Chiesa, dobbiamo veramente ascoltare di più. Viviamo in un mondo così complesso che non possiamo, come Chiesa, incasellare tutto in certi termini o certi concetti precisi che siamo stati abituati ad usare.

Oggi molta realtà ci sfugge. Dunque noi siamo chiamati ad entrare dentro queste nuove dinamiche e accompagnare con intelligenza, amore, passione, e con un pizzico di umiltà – o forse un po’ di più di un pizzico – questo impegno tra due sposi. Perché essere sposi è difficile come è difficile essere sacerdoti". 

Essenziale, secondo la ‘Relatio post disceptationem’, è poi una "adeguata preparazione al matrimonio cristiano".  "Su questo punto – prosegue Menichelli – credo che la Chiesa tutta intera debba chiedere perdono per una sorta di ‘non voluta’, ma ‘realizzata’, disobbedienza. Nella ‘Familiaris consortio’ di S. Giovanni Paolo II, si parlava infatti di una preparazione matrimoniale remota, prossima e immediata. In realtà, ormai, oggi ci limitiamo solo a quella immediata e i nubendi arrivano all’altare con scarsità di fede e una cultura infettata. Non bastano solo pochi incontri".

Circa la situazione dei separati, divorziati e divorziati risposati, la ‘Relatio post disceptationem’ sottolinea che "non è saggio pensare a soluzioni uniche o ispirate alla logica del ‘tutto o niente’ ". "Significa che, in questi casi, noi non possiamo far finta che non sia successo qualcosa, ma, allo stesso tempo, non possiamo far finta che le situazioni non debbano essere valutate. 

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
famigliamatrimoniosinodo famiglia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni