Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Agosto |
Sant'Alfonso Maria de' Liguori
home iconChiesa
line break icon

Una mia alunna è diventata buddista. Ho fallito l’obiettivo?

Gilberto Borghi - Vinonuovo.it - pubblicato il 14/10/14

La testimonianza di un'insegnante di religione di fronte a una studentessa che "si sente a casa" nell'incontro Buddhista

Stranamente questo lunedì è arrivata prima. Di solito entra in aula non prima delle 8 e 10. Oggi, invece, sono le 8 appena ed è la terza ad arrivare. Gloria mi ha sopportato per cinque anni. La prima ora della prima mi disse: "Io non ho voglia di fare religione, ma mia madre mi costringe". Accolsi la sua lamentela dicendole che aveva diritto di far valere la sua scelta e che io non avevo nessuna intenzione di obbligarla ad una cosa che non voleva.

Forse riconosciuta, o tranquillizzata, se ne stette tutto l’anno a decidere, dandomi il minimo sindacale. Ma sentivo che, al di là del suo atteggiamento, aveva delle domande aperte, che infatti lentamente vennero fuori in seconda. Però di fronte ad ogni risposta che sottolineava l’amore di Dio per gli uomini, la sua reazione era sempre di sfiducia e indisponibilità. Così lentamente avevo capito che Gloria cercava altro, un altro tipo di risposta che fosse più capace di sintonizzarsi su ciò che lei sentiva di sé stessa.

Questo lunedì arriva verso la cattedra sorridendo. I suoi profondi occhi neri, spesso inquieti, segnano invece una nota nuova. Mi mette sulla cattedra un librettino azzurro, senza titolo. E mi dice: "Prof. lo sa cos’ è questo?". Lo sfoglio e scopro, con un po’ di sorpresa, che è un piccolo manuale per la meditazione buddhista, secondo la "rilettura" di Nichiren Daishonin. "E’ un libro di preghiere Buddhista", le dico. "Esatto prof. sono stata ad un incontro a Bologna. Una roba splendida!"

"Ah, che bello! – rispondo -. Come mai ti ha stuzzicato?". "Prof. lo sa, io sto sempre strana. Non son mai tranquilla. Mi sbatto per qualsiasi cosa e con un niente vado fuori. È da un po’ che spero di trovare qualcosa che mi aiuti ad uscire da questa roba. Una mia amica mi ha detto che lei era come me, e poi ha trovato nel buddhismo una bella pace. Mi ha invitata e ci sono andata".

"E ti sei trovata bene, mi sembra". "Sì, prof. Non so perché. Mi hanno sorriso quando sono entrata e una ragazza mi è venuta incontro, mi ha abbracciato e si è presentata; si chiama Elena. Mi ha detto che era contenta di conoscermi e ci ha accompagnato dentro il cerchio. Come se fosse una nuova amica, dai. Poi nella presentazione lei si è seduta vicino a me e mi ha detto: "Non ti preoccupare, ti presento io". E così ha fatto, se no io ero imbarazzata. Dopo, un signore ha fatto un lungo discorso che ho capito poco. Ed Elena mi ha detto: "Non ti preoccupare, piano piano capirai, se ti va di continuare".
Poi abbiamo fatto la meditazione. E prof., è stata una roba che mi ha preso dentro. Non so, questa strana musica, fatta solo con le voci, o non so, recitare una roba che non conoscevo. Ad un certo punto ho respirato in fondo, e per un attimo mi sono davvero sentita bene. Era come se fossi a casa, lì. Ho chiuso gli occhi ed era come se fossi … non so… boh.. ecco, cullata, sì, cullata da loro".

Sorride, è contenta. E io con lei. Ma un dubbio, una domanda e una riflessione si affacciano.

Il dubbio. Se dopo cinque anni di ora di religione cattolica, una mia studentessa si trova a casa nel buddhismo devo dire che ho fallito o che ho centrato l’obiettivo? Certo non dipende solo da me, sia nel bene che nel male. Ma la sensazione di non essere riuscito a farle sentire che il Dio di Gesù Cristo la ama ce l’ho. Eppure so che io lavoro perché loro possano arrivare ad una loro scelta, personale, consapevole, qualsiasi sia, che le permetta di far vivere e sviluppare la propria dimensione spirituale. Se così non fosse la dimensione culturale della mia professione sparirebbe, sostituita da quella prettamente evangelizzante. E allora Gesù Cristo è assente dal Buddhismo?

La domanda. Le note che mi racconta Gloria su come lei è stata accolta non possono non farmi pensare alla differenza con cui molte volte (non sempre certo!) noi non facciamo "accoglienza". Soprattutto alla differenza tra una modalità di accoglienza molto "fisica ed emozionale", come quella che Gloria ha sperimentato, e quella troppe volte presente nelle nostre comunità, molto "rituale e fredda". E da come Gloria la racconta, questa differenza è una quota molto rilevante della motivazione che la spinge a "trovarsi a casa" nel buddhismo. Incarnazione vuol dire anche questo? Che la relazione verticale con Dio si nasconde dentro la relazione orizzontale con i nostri simili? È pur vero che una non si risolve nell’altra, ma altrettanto è vero che nessuna delle due può darsi senza l’altra.

La riflessione. È da tempo che penso che oggi la spiritualità non abita più nell’anima, ma nel corpo. Gloria dice: "Ad un certo punto ho respirato in fondo, e per un attimo mi sono davvero sentita bene. Era come se fossi a casa, lì. Ho chiuso gli occhi ed era come se fossi … non so… boh.. ecco, cullata, sì, cullata da loro." Vuol dire che lei riconosce una risposta alla sua ricerca di senso quando la sperimenta nel proprio corpo, non quando mentalmente si convince della verità di tale risposta.

L’esperienza vale molto, molto più della comprensione. E viene molto prima. Ma nella Chiesa l’abbiamo capito?

QUI L’ORIGINALE

Tags:
religione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni