Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconNews
line break icon

Della depressione post parto risentono anche i figli

© forestpath/SHUTTERSTOCK

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 14/10/14

Ne soffre una donna su 7. Lorenzin: non abbandonare le mamme a se stesse

Depressione post partum, questa sconosciuta: se ne parla solo nei casi estremi, quando una madre "inspiegabilmente" uccide la propria creatura. Allora ci si chiede perché nessuno avesse saputo prevenire e curare. Ma di Depressione post partum (Ddp) soffrono 80mila delle 550mila donne che partoriscono ogni anno in Italia, ovvero una ogni sette (Avvenire, 13 ottobre).

RISCHIO DISABILITA’ PER I FIGLI
E quel che è peggio è che i loro figli in molti casi ne risentiranno con disabilità anche gravi, come dimostra una vasta letteratura scientifica: quoziente intellettivo più basso di 5 punti, tendenza ad ammalarsi 7 volte maggiore, comportamenti violenti in età adolescenziale e adulta.

ASSENZA DI FIGURE FEMMINILI
«Il problema è che oggigiorno le altre figure femminili spesso mancano – spiega il dottor Antonio Picano, dirigente psichiatra al San Camillo di Roma – perché il primo parto avviene a 35 anni, quando la madre e le sorelle sono già attempate o lontane, così la donna resta sola». Una solitudine che è alla base anche delle depressioni vere e proprie. 

MAMME LASCIATE SOLE
La questione è stata affrontata anche dal ministro della Salute. «La depressione Post Partum è un fenomeno che può accadere e che deve essere conosciuto», ha detto Beatrice Lorenzin, «Le mamme non possono essere lasciate completamente sole all’indomani della gravidanza. Nel passato, nel momento in cui si diventava genitori, essere mamme era socializzato e contestualizzato in un clima di accoglienza, avveniva all’interno di famiglie allargate in cui le donne anche nei primi 40 giorni difficilmente erano lasciate sole» (Agi, 13 ottobre).

POCA INFORMAZIONE
«Il tema di cui dibattete oggi – ha spiegato il ministro – è estremamente importante sia dal punto di vista sanitario, sia dal punto di vista culturale. Purtroppo, e troppo spesso, la depressione post partum viene stigmatizzata da un punto di vista sociale, non compresa, e soprattutto non vengono informati nel modo adeguato i genitori, le coppie e le giovani mamme» (Adn Kronos, 13 ottobre). 

NON CHIUDERSI A RICCIO
Non bisogna vergognarsi, è il ragionamento di Lorenzin, «bisogna parlarne e riuscire anche a condividere un momento che è bellissimo, ma che presenta tante novità che ovviamente possono mettere in crisi in modo inusuale anche chi pensa che il proprio percorso sia molto più semplice e naturale».

Tags:
depressionematernità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
7
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni