Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 22 Giugno |
San Luigi Gonzaga
home iconChiesa
line break icon

Cosa intende il Sinodo sulla famiglia per “gradualità”?

ALESSIA GULIANI/CPP/CIRIC

Alice Heinzen - Aleteia - pubblicato il 14/10/14

Viaggio interiore di fede o accettazione di situazioni irregolari?

Il rapporto di metà Sinodo serve da punto centrale tra l’intenso ascolto della prima settimana e il raffinamento del dialogo della seconda. Questa “relatio” funge da sinossi abbozzata degli interventi e delle testimonianze che si sono susseguiti.

Come accade spesso, in queste bozze la terminologia può provocare confusione ed essere fraintesa facilmente. Un primo esempio è quello relativo all’uso del termine “gradualità”, menzionato per la prima volta nel rapporto all’apertura della seconda sezione, sottotitolata “Lo sguardo su Gesù e la gradualità nella storia della salvezza”.

Nel rapporto, il principio di gradualità è riferito al paragrafo 9 dell’esortazione apostolica Familiaris Consortio. Questo documento del 1981 descrive la gradualità e la sua importanza nella conversione personale in questo modo:

È richiesta una conversione continua, permanente, che, pur esigendo l’interiore distacco da ogni male e l’adesione al bene nella sua pienezza, si attua però concretamente in passi che conducono sempre oltre. Si sviluppa così un processo dinamico, che avanza gradualmente con la progressiva integrazione dei doni di Dio e delle esigenze del suo amore definitivo ed assoluto nell’intera vita personale e sociale dell’uomo.

È chiaro che la gradualità indica una via che si apre davanti a ciascuno di noi mentre procediamo verso Dio. Non è un salto di fede, quanto un processo passo dopo passo verso la santità personale. È un’ascesa, non un declino.

Quando ci è stata letta la “relatio”, ho temuto che il termine “gradualità” non sarebbe stato compreso dalla maggior parte dei lettori, perché sono pochi quelli che seguono il Sinodo e conoscono la piena spiegazione del termine della Familaris Consortio. La mia preoccupazione è che i lettori eguaglino “gradualità” e “relativismo”.

Il relativismo è del tutto diverso. È definito dal Merriam Webster come la convinzione che cose diverse siano vere, giuste, ecc., per persone diverse o in tempi diversi. In questo modo, il relativismo è la convinzione che tutti i punti di vista siano uguali; uno non è migliore dell’altro. La verità è condizionata dal tempo e dal luogo. Non è mai assoluta. La moralità dipende dalla valutazione individuale della situazione.

Nel contesto degli insegnamenti della Chiesa, la gradualità non è relativismo. La prima implica una via che porta tutti verso Cristo. È progressiva, il che vuol dire che ciò che una persona impara diventa un mattone su cui gettare il prossimo nuovo insegnamento e la prossima nuova esperienza. Il secondo suggerisce invece una varietà di passaggi più che una singola strada. Si riferisce a un insieme di esperienze e comprensioni che non costruiscono verso qualcosa o qualcuno. Sembra più un mucchio di pietre sparse a caso in un campo.

Il resoconto di metà Sinodo deve essere interpretato alla luce della terminologia corretta. Il principio di gradualità rivela un’unica via che ciascuno di noi sta percorrendo. Alcuni dei nostri sentieri sono dritti e stretti, altri si immergono in valli oscure e dirupi rocciosi. Ad ogni modo, tutte le vie vanno nella stessa direzione. Tutte portano a Dio, nostro Padre. Lentamente, passo dopo passo, siamo chiamati ad ascendere verso la nostra destinazione finale. È questo il messaggio della gradualità a cui si riferisce il documento.

——
Alice Heinzen è la coordinatrice della Pianificazione Familiare Naturale presso l’Ufficio per il Matrimonio e la Famiglia della diocesi di LaCrosse, Wisconsin (Stati Uniti). Insieme al marito Jeff, che dirige l’Ufficio, è a Roma per assistere al Sinodo straordinario sulla famiglia come uditore su invito di papa Francesco.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
sinodo famiglia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni