Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 04 Marzo |
San Casimiro
home iconChiesa
line break icon

La pastorale si concentri sul vangelo della famiglia

Marcin Mazur/UK Catholic

Roberta Sciamplicotti - Aleteia - pubblicato il 10/10/14

Un libro esorta a metterlo al centro del Sinodo sulla famiglia in svolgimento in Vaticano

Il titolo del libro di Juan José Pérez-Soba e Stephan Kampowski, “Il vangelo della famiglia nel dibattito sinodale. Oltre la proposta del Cardinal Kasper” (Cantagalli), dice tutto: l'importanza del vangelo della famiglia nella Chiesa e nella sua vita e la necessità di non fermarsi solo alla questione della Comunione ai divorziati risposati e della loro posizione all'interno della realtà ecclesiale.

Per Pérez-Soba e Kampowski, la famiglia non è “una delle tante questioni umane”, ma “una parte essenziale della rivelazione divina”, perché “è imperniata nell’amore”.

Gli autori hanno preso come riferimento per il loro lavoro il testo del cardinale Walter Kasper “Il vangelo della famiglia”, che a loro avviso contiene “importanti riflessioni” ma anche “significative imprecisioni”, come il fatto di non essere stato in grado “di porre il vangelo della famiglia al centro delle sue riflessioni, a causa del suo essere troppo focalizzato su un punto, senz’altro importante, ma eccessivamente esiguo se assolutizzato”: la questione della Comunione ai divorziati risposati, di cui tratta il 30% del testo anche se il cardinale dice che non è l’argomento principale.

Anche il cardinale George Pell, arcivescovo emerito di Melbourne e Sydney e prefetto della Segreteria per l’Economia, affronta nella prefazione al libro la questione, indicando che la salute di un’organizzazione “si può misurare osservando la quantità di tempo e di energia dedicata alla discussione di vari argomenti. Le comunità sane non investono gran parte delle loro energie in questioni secondarie, e purtroppo il numero dei cattolici divorziati e risposati che ritengono di dover essere ammessi alla Comunione è molto ridotto”.

La questione dei divorziati risposati “è considerata sia dagli amici sia dai nemici della tradizione cattolica come un simbolo, una posta in palio nello scontro fra ciò che resta del cristianesimo in Europa e un neopaganesimo aggressivo”, osserva il cardinale. “Tutti gli avversari del cristianesimo vorrebbero che la Chiesa capitolasse su questo punto”. La dottrina e la prassi pastorale, però, “non possono essere in contraddizione fra loro”, e “non si può sostenere l’indissolubilità del matrimonio consentendo al tempo stesso ai 'risposati' di ricevere la Comunione”.

Pérez-Soba e Kampowski iniziano il loro testo affrontando la sfida culturale come chiave fondamentale per comprendere il ruolo della famiglia nel dialogo Chiesa-mondo, “un punto cardine per evitare le molte incomprensioni insufficienti del vangelo della famiglia”.

Proseguono scoprendo la centralità della famiglia nell’annuncio cristiano, “adottando la prospettiva di un Dio che si rivela come misericordia”, approccio che completano poi con una breve analisi di alcuni testi patristici che insegnano il modo in cui la Chiesa primitiva viveva la questione e passando quindi ad esaminare l’argomento dal punto di vista morale più attuale, considerando dunque “la strutturazione del soggetto morale mediante le sue azioni” e terminando col delineare quale potrebbe essere la pastorale adeguata alle sfide del nostro tempo.

“Dove si trova la bellezza della visione cristiana della famiglia?”, si chiedono gli autori. “Che cosa c’è di buono e che cosa c’è di nuovo nella buona novella che Cristo e la sua Chiesa hanno annunciato riguardo al matrimonio e alla famiglia?”

La vera novità portata da Cristo, spiegano, è il “per sempre”. “Il 'per sempre' è una buona novella. Chiunque abbia mai amato vuole che quest’amore duri per sempre. La questione è un’altra: non se lo vogliamo, ma se lo riteniamo possibile. E qui arriva la buona novella”. Ciò, riconoscono, va contro la cultura corrente, che come dice papa Francesco è una “cultura del provvisorio”.

La buona novella è che l'istante iniziale di un rapporto, la promessa dell'eros, può trovare il suo compimento nell'agape, che “la promessa dell'amore può essere mantenuta”, “l'amore può essere duraturo e fedele”. “Questa è la pietra angolare del magistero della Chiesa sulla sessualità umana e sul suo rapporto con l’amore”.

In questo contesto, “i requisiti dell’indissolubilità del matrimonio e dell’esclusività sessuale fra gli sposi non sono gravosi pesi che Cristo o la sua Chiesa addossano loro”, ma “i requisiti dell’amore stesso”, e l’insegnamento della Chiesa in materia di sessualità, matrimonio e famiglia come impartito lungo i secoli “non è affatto un ostacolo all’evangelizzazione, anzi”, come dimostra il declino delle adesioni a varie Chiese e realtà ecclesiali appartenenti alla tradizione anglicana e protestante che hanno rinunciato a insistere sugli aspetti moralmente più impegnativi del vangelo della famiglia – contraccezione, procreazione assistita, divorzio e secondo matrimonio, sesso prematrimoniale, benedizione delle unioni omosessuali – e il prosperare della Chiesa cattolica e di altre confessioni meno “indulgenti” al riguardo.

Per gli autori, il vangelo della famiglia va inteso come il punto di riferimento principale di tutta la pastorale, anche se “si tratta sicuramente di un desiderio piuttosto che di una realtà, poiché le nostre strutture pastorali sono ben lungi dal rispondere alle esigenze elementari della sfida culturale che la Chiesa deve affrontare”.

“Andare oltre Kasper significa precisamente invitare a compiere il passo che egli non ha compiuto, ovvero passare da una descrizione della bellezza del vangelo della famiglia alla sua capacità trasformatrice della pastorale della Chiesa, del soggetto morale e della cultura circostante”. “Voler risolvere un problema pastorale solo mediante il cambiamento di una norma è un errore e un legalismo non dichiarato”.

Tags:
sinodo famiglia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
7
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni