Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Approfondimenti

Discorso contro la felicità

© SHUTTERSTOCK

Enrique Anrubia - Aleteia - pubblicato il 10/10/14

Riflessioni su un luogo comune della cultura attuale

La storia della felicità è uno scherzo. Una distrazione, un discorso prototipo, una risposta anticipata, una favola, e anche se non arriva ad essere una “menzogna” assomiglia più a una chiacchiera che si è stanchi di ascoltare e di non vedere – o di non saper vedere – da nessuna parte. In questo articolo si vuole analizzare la frase “Voglio solo essere felice”.

Questa frase si pronuncia molto e si sente spesso in varie situazioni. Non sveleremo in questa sede cosa sia la felicità, dicendo invece qualcosa di più mondano e quotidiano: se la gente vuole essere davvero felice e se, desiderandolo, è possibile esserlo. Perché questa frase viene pronunciata molto, e con ottime intenzioni e molto sentimento, ma non sembra che si metta tanto in pratica. Qualcuno diceva che se una persona si chiede se è felice allora non lo è, fondamentalmente perché essere felici implica il fatto di non chiedersi se lo si è, ma di esserlo semplicemente. Immagino quindi che chi vi scrive non lo sia.

E questa è la prima analisi della nostra piccola sociologia quotidiana e delle sue contraddizioni: sembra che sia mal visto o generi dubbi il fatto che una persona dica con la massima pace – e sottolineo con la massima pace – “io non sono felice”. Sembra che la cultura in cui viviamo ci obblighi quasi a dover essere felici e a usare tutti i mezzi per esserlo, e chi non lo è o non vuole esserlo viene etichettato: pessimista, cinico, troppo serio, pazzo o semplicemente stupido.

Sinceramente, nessuno è costretto ad essere d’accordo con gli stereotipi della sua cultura. “Io non sono felice”, e non mi considero, né sono considerato dai miei amici, né un cinico né un pessimista o un pazzo.

Lo pseudo-obbligo culturale del nostro mondo di essere felici è ben indicato nella definizione della salute dell’OMS del 1948: la salute è lo “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia”. Non conosco una persona che sia un esempio di ciò.

In modo semplice e diretto: io non sono felice e non spendo molte energie per doverlo essere, o per volerlo essere. Ho chiaro di voler essere me stesso, e che essere felice non è un obiettivo prioritario nella mia vita. I pensatori classici – un po’ più svegli di noi – dicevano lo stesso, che la felicità non era un obiettivo raggiungibile di per sé, ma la conseguenza di molte altre cose. E inoltre, se la felicità è uno stato di perfezione, non sembra che si verifichi in questo mondo già solo per la semplice verità che esistono la morte, il dolore e la malattia, per menzionare le questioni più evidenti. Chi cerca la perfezione assoluta si cerchi un altro mondo. Noi abbiamo questo, e inoltre cristianamente è questo il mondo che ha bisogno di essere redento, non un altro.

Uscendo dalla mentalità dominante, sembra che non si possa dire “io non sono felice” dicendolo con pace e normalità senza essere guardati con condiscendenza – “poverino, vorrebbe esserlo e non lo è” – o con incredulità – “è squinternato” – o (ed è l’ipotesi peggiore) sentendosi dire: “dai, non preoccuparti, ti do la ricetta per esserlo”. Io non sono felice e non faccio molti sforzi per esserlo. Di fatto, quando mi sforzo di esserlo lo sono meno.

Teorie, teorie, teorie

Siamo sinceri: c’è gente che dice di esserlo, c’è gente che vuole esserlo e c’è gente che dice di vedere gente felice. Siamo ancora più sinceri: vedo molta gente, quella stessa gente, che non lo è, anche se dice di esserlo, e che in un millisecondo per una circostanza banale passa dall’essere sorridente all’essere arrabbiatissimo, che in un millisecondo scopre che il marito è infedele, e allora le crolla il mondo addosso e deve tornare a sollevarlo (chi ci riesce), o che suo padre è morto (e lì nessuno può farci niente). I più temerari diranno che bisogna avere fiducia in Dio o in qualcosa di più Grande, e che questo dà la possibilità di guardare alla sofferenza in altro modo: non lo discuto, è giusto, ma questa idea conferma proprio che una persona non è felice in questo mondo, che questo mondo non basta per ciò che desideriamo nel caso in cui dobbiamo desiderarlo.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni