Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 09 Marzo |
San Giovanni di Dio
home iconChiesa
line break icon

Se Gesù ha assunto la natura umana perché non ha avuto moglie e figli?

Public domain

http://pixabay.com/en/the-first-communion-holidays-139665/

Toscana Oggi - pubblicato il 08/10/14

Non sarebbe stato più completo nella sua natura umana?

C’è una curiosità che ogni tanto mi torna in mente: si dice che Gesù ha assunto in tutto, tranne che nel peccato, la natura umana. Perché però non ha avuto una moglie, dei figli? Non sarebbe stato più completo nella sua natura umana? Magari è una sciocchezza, ma mi piacerebbe sapere come stanno esattamente le cose.
Lettera firmata

Gesù rivela indirettamente le ragioni del suo stato e del perché non si è sposato e non ha avuto figli, basta leggere Matteo 19,3-12, e specialmente il versetto 12, e lo fa in modo piuttosto chiaro.

L’annuncio, la missione, l’opera, la causa del «Regno dei cieli» è talmente prioritaria in lui e per gli uomini tutti, che richiede dedizione e donazione totale. L’attuazione e l’estensione dell’Amore di Dio, del suo Regno, della salvezza, della redenzione ha una priorità e un’urgenza su tutto che non può avere compromessi e mezze misure, richiede l’impegno e la consacrazione totale all’opera che è di Dio stesso: «vi sono alcuni che si sono fatti eunuchi per il Regno dei cieli».

Lo stesso concetto Gesù lo ribadisce poco dopo, quando i discepoli impressionati gli chiedono: «E noi che abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo dato retta e seguito? … Chi ha lasciato tutto: moglie, figli, genitori, parenti, amici, riceverà il centuplo» (cfr. Mc 10,28; Mt 19,27; Lc 18,28).

È interessante come Gesù si metta proprio ad elencare con pignoleria cosa viene lasciato, e che cominci dalle persone e cose più importanti, proprio a sottolineare che per coloro, che vogliono lavorare per il Regno dei cieli, sono realtà che vanno abbandonate. In altri termini nella mente di Gesù non c’è nessuna opera così importante, imprescindibile e pressante come l’annuncio della Misericordia di Dio per l’umanità, e a questa opera chiede a se stesso e a chi lo segue di «abbandonare» tutto. Questo è il motivo del perché non si è sposato.

Altra cosa legata a questa è il fatto che la natura umana assunta dal Verbo, o dalla persona divina del Figlio, non può che essere individua. Ora la natura umana, che chiameremo Gesù, assunta dal Figlio Divino, poteva in effetti fare diversamente da quanto il Padre domandava: Gesù con insistenza asfissiante dice sempre che voleva fare solo e soltanto la volontà del Padre. È chiaro che il Figlio non può fare diversamente dal Padre essendo con lui un unico Dio, quindi: chi può agire diversamente, se non la natura umana di Gesù, come si evince dalle tentazioni (cf. Mt, 4)? E Gesù poteva perciò fare e vivere diversamente dal progetto del Padre e del Figlio, e sposarsi e avere figli, senza compromettere niente e nessuno perché era pienamente umano e quanto avrebbe fatto lo faceva come uomo. Se perciò Gesù, ossia l’umanità del Cristo, con caparbietà e costanza ha voluto realizzare quanto il Padre aveva progettato, significa che niente e nessuno può essere anteposto al Regno dei cieli, alla sua missione e alla sua attuazione. Dunque come è anche visibile nella vita e nell’opera di San Paolo non c’è posto per la famiglia e per gli amici e per beni materiali ecc. in coloro che lavorano per il Regno dei cieli.

Ultima questione: il non sposarsi e il non avere figli è una reale menomazione della natura umana? Di per sé no, perché quando si nasce veniamo individuati nella perfezione e pienezza della natura umana, o detto altrimenti un uomo o è tale o non lo è, nell’essenza delle cose non ci sono vie di mezzo: o si nasce esseri umani o non siamo esseri umani. E allora perché nella natura umana sono presenti due forme, maschile e femminile, di sessualità? Qui il discorso si fa complesso e difficile. Mi esprimo con un esempio banale e poco esemplificante: un albero è tale o non lo è, se lo è, esso è pienamente un albero anche quando non ha dato frutti e non ha messo le foglie. È vero che un uomo nella sua ampiezza d’essere è in relazione alla donna, e con la donna forma una sola carne, come dice Genesi: saranno un solo uomo (c. 2). Ma questo «mistero» umano è comprensibile alla luce della Trinità in cui ogni Persona divina è Dio e nello stesso tempo costituisce l’unità di Dio. Così l’uomo – chiaramente mutatis mutandis perché in Dio le persone divine non sono 3 individui ma 3 distinte relazioni che formano l’unico Dio – è umanità perfetta nella sua individuale persona, anche se la esprime pienamente nella relazione colla donna. Gesù ci vuol dire che la relazione che l’individuo umano pone con Dio, nella scelta di lavorare per il Regno dei cieli, è addirittura più importante e più qualificante che non la relazione, certamente perfettiva ed estensiva, che l’uomo può attuare in connubio colla donna.

  • 1
  • 2
Tags:
celibatogesù cristo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Lucandrea Massaro
Blasfemia a Sanremo: “Perché mi percuoti?”
2
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
6
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
7
Franciscan Mission of Legnano
Cerith Gardiner
Gustatevi la gioia di questi frati e suore francescani che ballan...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni