Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 26 Gennaio |
Conversione di Paolo
home iconApprofondimenti
line break icon

La battaglia di Lepanto e la libertà religiosa

© Public Domain

Pablo Yurman - Aleteia - pubblicato il 08/10/14

La battaglia chiave che ha segnato il destino dell'Occidente vista con gli occhi di oggi

La battaglia di Lepanto, avvenuta il 7 ottobre 1571, è forse nota a livello popolare perché vi combatté l’autore del “Don Chisciotte”, Miguel de Cervantes Saavedra, che a causa di una ferita subita perse la mobilità di un braccio, il che da allora gli valse il soprannome di “monco di Lepanto”. Non c’è dubbio sul fatto che il suo capolavoro, che rappresentava gli ideali massimi dell’ispanicità, sintesi del Secolo d’Oro spagnolo, debba molto a quella battaglia.

Non è un’esagerazione dire che quel 7 ottobre ha sigillato il destino dell’Europa, e con esso quello di buona parte del mondo nei secoli successivi. Nel golfo di Lepanto, di fronte alle coste greche del Peloponneso, si scontravano due cosmovisioni: da un lato la Lega Santa, composta da Spagna, Stati Pontifici, Venezia, Genova e Malta, che rispondendo alla richiesta di papa Pio V, e davanti alla vergognosa indifferenza di Inghilterra e Francia, riunirono 200 navi da guerra; dall’altro i turchi, che professavano la religione musulmana e costituivano già un grande impero che non cessava di avanzare sull’Europa e aveva il controllo navale nel Mediterraneo. Contava su una forza navale simile a quella cristiana, ma con molti più uomini arruolati per il combattimento.

Il riferimento al fatto che a Lepanto si scontrarono due cosmovisioni non riguarda solo il dato religioso, che ad ogni modo fu forse l’elemento di maggior spicco di quella giornata. L’Europa che resisteva all’invasione ottomana su richiesta del papa era quella che uscendo dal Rinascimento si sarebbe avventurata nel pieno del Barocco e che, dopo aver elaborato una sintesi tra fede e ragione, assumeva l’esistenza di un ambito spirituale e di uno terreno.

Le truppe cristiane, guidate tra gli altri da Giovanni d’Austria e da Andrea Doria, misero fuori gioco i musulmani, guidati da Mehmed Pascià. Il trionfo è stato sempre attribuito all’intercessione della Vergine Maria nella sua invocazione di Nostra Signora del Rosario, perché il pontefice veniva dall’ordine dei Domenicani, che iniziarono la tradizionale recita del Santo Rosario, e perché si mise il destino del continente nelle sue mani. È per questo che ogni 7 ottobre, oltre a ricordare quel combattimento, si celebra anche la festa di Nostra Signora del Rosario.

Lepanto e i diritti umani

Se Lepanto salvò l’Europa come ambito culturale con le caratteristiche sottolineate, bisogna chiedersi se questo concetto non affronti oggi nuove incursioni nemiche che ne sfidino l’essenza.

Forse il quid della questione culturale in un’epoca agitata e conflittuale come quella che attraversiamo è stato messo nero su bianco da papa Benedetto XVI, che nel suo discorso ai parlamentari tedeschi riuniti nel Reichstag il 22 settembre 2011, caratterizzando l’Europa come qualcosa di più complesso dell’aspetto meramente geografico o economico, ha detto: “Sulla base della convinzione circa l’esistenza di un Dio creatore sono state sviluppate l’idea dei diritti umani, l’idea dell’uguaglianza di tutti gli uomini davanti alla legge, la conoscenza dell’inviolabilità della dignità umana in ogni singola persona e la consapevolezza della responsabilità degli uomini per il loro agire.

Queste conoscenze della ragione costituiscono la nostra memoria culturale. Ignorarla o considerarla come mero passato sarebbe un’amputazione della nostra cultura nel suo insieme e la priverebbe della sua interezza. La cultura dell’Europa è nata dall’incontro tra Gerusalemme, Atene e Roma – dall’incontro tra la fede in Dio di Israele, la ragione filosofica dei Greci e il pensiero giuridico di Roma. Questo triplice incontro forma l’intima identità dell’Europa”.

  • 1
  • 2
Tags:
libertà religiosastoria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
4
Perdonare
Bret Thoman, OFS
I 4 passi del perdono secondo un esorcista
5
Silvia Lucchetti
A 18 anni, sola in ospedale: il pianto di un neonato mi ha ridato...
6
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
7
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni