Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 04 Marzo |
San Casimiro
home iconChiesa
line break icon

Skorka rivela i colloqui con il Papa

© ALESSIA GIULIANI/CPP

May 26, 2014: Pope Francis touches the Western Wall, Judaism's holiest prayer site, in Jerusalem's Old City.

Alver Metalli - Terre D'America - pubblicato il 07/10/14

Il rabbino argentino rivela le corrispondenze intercorse con Bergoglio dopo il conflitto tra israeliani e palestinesi

Il rabbino argentino Abraham Skorka l’aveva già detto commentando con Terre d’America la ripresa delle ostilità tra Israele e Hamas all’indomani dell’incontro per la Pace nei giardini vaticani: “Quello che sta succedendo in nessun modo certifica il fallimento dell’iniziativa di Papa Francesco a cui anch’io ho partecipato. Al contrario, conferma drammaticamente che bisogna continuare a generare ancor più gesti di incontro perché il coraggio prevalga sull’odio irrazionale” (Il Papa non ha fallito). Il rettore del Seminario rabbinico latinoamericano l’ha ripetuto nuovamente rivelando all’Agencia Judía de Noticias (AJN) le conversazioni personali che ha mantenuto con Francesco durante e dopo il conflitto tra israeliani e palestinesi: “Per la guerra (a Gaza) c’è stato molto dolore, ma come mi ha scritto in una mail, il polverone passerà e l’atto (la sua visita in Israele) brillerà con tutte le forze per illuminare azioni nel futuro”.

I cinquanta giorni dell’operazione “Margine di protezione” e le oltre 2000 vittime che ha lasciato sul terreno non ha gettato sconforto nel Papa. “In nessun momento si è sentito frustrato per la guerra” pur essendo esplosa poco dopo la sua visita di maggio in Medio Oriente “perché l’ha vista come qualcosa di congiunturale, un conflitto che doveva terminare, come di fatto è terminato e credo consideri la riunione nei giardini del Vaticano come un momento che urge quello che si deve continuare a fare nella costruzione di un mondo più maturo di quello strappato in cui ci troviamo oggi”.

Abraham Skorka è tra gli ispiratori del viaggio di Papa Francesco in Terra Santa prima, dell’incontro di preghiera per la pace in Vaticano poi. Il rabbino ha dichiarato all’agenzia ebraica argentina che il Papa continua a “pensare costantemente come proseguire e che cosa si deve fare”. “Quando parliamo e ci scriviamo, cerchiamo la strada per rafforzare e andare avanti con il dialogo, con l’avvicinamento, con tutto quello che può aiutare la pace, non solamente in Israele con i suoi vicini, ma ovunque ce ne sia bisogno”. Skorka si è detto anche convinto che le parole e i gesti compiuti in Israele “sono rimasti incisi solidamente e fortemente nella retina e nella memoria di tutti”.

In una delle mail ricevute il rabbino rivela che Francesco “è convinto di aver piantato un seme molto profondo”; ricorda quindi una frase che è solito dire: “Si può”, è possibile. Il dolore della guerra ci ha colpiti e abbiamo analizzato tutto quello che abbiamo fatto, con la ferma convinzione che in un futuro germinerà”.

Il rabbino argentino si è anche riferito alla minaccia che rappresenta in questo momento lo Stato islamico in Siria e in Irak. “La violenza terribile in nome di D’s è un’altra manifestazione che caratterizza il livello di demenza e cecità spirituale che stiamo vivendo. Anziché sedersi e cercare un dialogo profondo attraverso cui risolvere le differenze che ci sono tra popoli, nazioni, etnie, quello che vediamo sono massacri in Africa e Medio Oriente”.

“Stiamo vivendo un momento molto speciale e con chi ha la responsabilità della Chiesa cattolica Apostolica Romana ci preoccupa come realizzare un apporto, perché l’ISIS sta distruggendo la presenza cattolica in Oriente. La questione non riguarda esclusivamente l’ostilità verso gli ebrei, ma soprattutto i cattolici”.

Skorka, che prese parte al viaggio del Papa in Terra Santa, Cisgiordania e Giordania assieme al connazionale Omar Abbaud, ex segretario generale del centro islamico della repubblica argentina, non ha escluso un proprio ruolo nel futuro: “Se lo posso aiutare ben venga, altrimenti il suo cammino è quello di andare avanti”.

QUI L'ORIGINALE

Tags:
conflitto israelo palestinesepapa francescorabbino abraham skorka
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
7
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni