Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 22 Giugno |
Paolino di Nola
home iconChiesa
line break icon

La confessione di Giusy

UK Catholic/Marcin Mazur

Gilberto Borghi - Vinonuovo.it - pubblicato il 06/10/14

Lei ha colto che un sentimento, anche quello per Dio, è un volere, mentre la sola emozione al massimo ci fa sentire attraversati da qualcosa che non scegliamo noi

Da quest’anno, Giusy a ricreazione mangia solo una mela. Ma come sempre resta in classe. Il più delle volte, seduta sul davanzale della finestra, guarda fuori a rincorrere i suoi sogni impossibili. Riflessiva, un po’ introversa, sicuramente considerata "strana" dagli altri. Ma, come tutti gli introversi, dentro ha un "mondo". Io, per regolamento, devo restare in aula durante la ricreazione. In questo inizio d’anno dove i computer non vanno, ne approfitto spesso per aggiustare i registri e i verbali. Quasi all’improvviso, l’altra mattina, rientra in aula Martina. "Prof. lo sa, questa estate, sono andata a confessarmi da un prete che mi ha quasi messo paura!", mi dice tra la rabbia e la sorpresa. "Ah, ti confessi? Bene. Perché paura?", le dico.

"Ma prof. non si può! Questo ha cominciato a farmi un sacco di domande sulle cose che gli dicevo. Un po’ mi vergognavo di rispondergli e un po’ mi sembrava che lui fosse troppo interessato … una curiosità brutta dai. Mi son presa paura perché ho pensato che forse era un mezzo matto, di quelli che poi ti si attaccano e ti rompono le scatole". "Ah, capisco – le rispondo -. Certo il prete deve capire di cosa stai parlando e se resti sul vago può anche farti domande. Di solito però non dovrebbero mai essere domandi invadenti, irrispettose o troppo personali. Il prete in quel momento è solo un intermediario tra te e Dio, attraverso cui ti arriva la certezza concreta del perdono". "Ecco appunto – ribatte Martina – per me un prete non dovrebbe fare così, perché è stato molto invadente". E mentre lo dice sta già armeggiando col borsellino per trovare una moneta per l’acqua dalla macchinetta. In un nano secondo, come entrata, se ne va.

Guardo verso la finestra e incrocio gli occhi di Giusy: "Sa prof. una volta anche a me succedeva così. Poi ho cominciato a confessarmi spesso, magari da preti diversi. Non ha senso prendersi paura … o anche simpatia … tanto Dio ti perdona comunque se sei sincera". "Ah, interessante. Vuoi dire che riesci a distinguere quello che provi per il prete da quello che provi per Dio?". Ci pensa un attimo. Forse non si aspettava la domanda. "Beh, forse sì … Il mio vecchio parroco faceva così … mi faceva mettere in ginocchio direttamente davanti al crocifisso … e lui stava dietro di me a sentire quello che io dicevo a Dio … e mi sono abituata a pensare che se vado a confessarmi è perché sento che con Dio non sono a posto … insomma il prete ti può essere simpatico o no … meglio se é simpatico certo! Però in quel momento io voglio parlare con Dio, non col prete."

Le dico: "Potresti dire, quindi, che l’emozione che provi per il prete non sposta il sentimento che hai per Dio?". Ci pensa a lungo e poi: "Eh sì, più o meno è così. Per Dio è una cosa difficile da spiegare, ma è come se dal fondo del mio cuore qualcosa viene su e io decido di confessarmi, è qualcosa che è mio, che non dipende da chi ho attorno in quel momento. E’ qualcosa di bello anche quando mi dice che ho fatto una cazzata, che quasi quasi è un dolore buono che dopo ti fa stare meglio". Resto di sasso. E la meraviglia mi si stampa sul volto. Giusy lo vede, diventa rossa, sorride e si storce un po’: "Perché mi guarda così, prof.? Cosa ho detto?"

"Sono stupito, e molto contento di quello che dici. È raro trovare questo sentimento oggi, soprattutto in una ragazza della tua età. E ti fa molto onore che tu possa riconoscerlo e sentirlo". "Veramente prof, mi ci ha fatto pensare lei, con la sua domanda", mi dice, rifugiandosi in un piccolo morso alla sua mela. Poi riprende: "In fondo non decido io se un prete mi è simpatico o no, non dipende da me. Quello che sento quando penso a Dio invece è una roba che mi riguarda, è mia, non so come dirlo… dipende anche un po’ da me".

  • 1
  • 2
Tags:
confessione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni