Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Pio da Pietrelcina
home iconStile di vita
line break icon

Perché sposarsi?

Gabriel Li

Roberta Sciamplicotti - Aleteia - pubblicato il 05/10/14

Un libro aiuta il discernimento delle coppie che progettano il matrimonio

Perché sposarsi? Si tratta di una domanda sempre più frequente in una società in cui sono caduti tabù come la convivenza o le nascite fuori dal vincolo coniugale, e in cui quindi il matrimonio non è più una sorta di passo obbligato dal quale in passato erano esclusi solo soggetti emarginati.

Giulia Paola Di Nicola e Attilio Danese cercano di rispondere a questa delicata domanda in “Perché sposarsi? Viaggio tra obblighi, convenienze e scelte liberanti” (San Paolo), che mira a “riuscire a motivare l’importanza del matrimonio” “in senso sincronico e diacronico” “per dare spessore storico-antropologico, dal punto di vista umano, sociale e politico, a questa istituzione altrimenti recepita come imposizione”.

Le nuove generazioni, constatano gli autori, sono più demotivate nei confronti del matrimonio e “non tollerano una difesa dell’istituzione basata soltanto o prevalentemente sulla tradizione o sulla religione. Non sono disposte a sposarsi ad occhi chiusi come un tempo”. “Valutano la convenienza di una simile scelta di vita in relazione al miglioramento della qualità della loro esistenza e cercano di proteggersi dal rischio di peggiorarla o renderla insopportabile con paventati divorzi, separazioni e conflitti, di cui fanno esperienza quotidiana nella produzione letteraria, cinematografica, televisiva e all’interno delle famiglie allargate”.

Troppo spesso si riscontra “una prudente circospezione, che si trasforma in diffidenza e rinuncia al matrimonio sull’onda di una diffusa cultura del sospetto”. Appare “un’impresa” trovare la persona giusta, e si ritiene azzardato contare sulla tenuta della promessa d’amore nel tempo.

Non è facile per i giovani trovare chi li aiuti a “vederci più chiaro”, e del resto “non sarebbe possibile rispondere per procura, caricare sulle spalle degli altri la responsabilità. Ciascuno deve trovare dentro di sé la soluzione confacente e decidersi: sposarsi è giocare la propria vita, suppone una scelta personale, libera e responsabile, di cui ciascuno, in coscienza, si assume oneri e onori”.

In questo contesto, Di Nicola e Danese hanno scelto di trattare il tema declinando dieci ragioni fondamentali che fanno del matrimonio una risorsa indispensabile alla vita umana, anche indipendentemente dalla sua dimensione religiosa e sacramentale.

Non è escluso, osservano, che la crisi contemporanea del matrimonio possa “preparare in futuro coppie di coniugi più mature e motivate rispetto agli sposi 'tradizionali', regolarmente sposati in Comune e in Chiesa, che hanno conservato stabile il matrimonio, ma non di rado a prezzo di micro-violenze e sofferenze soffocate tra le mura domestiche”, così come al contrario non è raro constatare che convivenze giudicate “precarie e immorali” hanno “qualcosa da insegnare sul modo di impostare le relazioni interpersonali, per complicità e rispetto reciproco”.

Tra gli ostacoli che i giovani vedono oggi al matrimonio figurano il lavoro, spesso precario quando non inesistente, la casa, le spese per la festa, il costo di eventuali separazioni, divorzi e annullamenti, le difficoltà soggettive e culturali, la paura dell'altro.

Quanto all'ultimo aspetto, il tasso di incertezza implicito in ogni matrimonio viene moltiplicato da “una cultura individualistica, che esalta la libertà dell’io, facendo credere che è impossibile realizzarsi in due, senza la frustrazione di almeno una delle parti”.

La diffusione di modelli coniugali negativi, di dati sull’aumento di divorzi, separazioni, femminicidi e crisi matrimoniali ormai all’ordine del giorno, anche all’interno delle famiglie più tradizionalmente stabili e cattoliche, non fa che rincarare la dose.

  • 1
  • 2
Tags:
matrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni