Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Diritti della famiglia, cercasi interlocutori responsabili

John Corvera
Condividi

Al prossimo Sinodo torneranno d’attualità i punti che la Santa Sede elencò nella Carta dei diritti della famiglia

La richiesta era giunta proprio da un Sinodo dei vescovi, quello del 1980. E tre anni dopo, la Santa Sede emanò per volere di Giovanni Paolo II una Carta dei diritti della famiglia che, nelle intenzioni degli estensori, doveva raggiungere le autorità e le istituzioni e servire loro da traccia nella discussione delle politiche familiari. Si trattava di un documento estremamente moderno, che toccava temi etici ed antropologici nei suoi primi articoli e concludeva ricordando l’importanza del rapporto tra famiglia e lavoro, famiglia ed educazione, in tutti gli strati e le categorie sociali. Poco più di 30 anni dopo, i vescovi si ritroveranno tra pochi giorni per ridisegnare una mappa delle priorità delle aree che riguardano la famiglia. Per questo la Carta torna d’attualità, e viene da chiedersi in quanti e come, in tutti questi anni, si siano preoccupati di leggerla con attenzione e di ricavarne indicazioni utili. Soprattutto, oltre ai temi etici ed antropologici che oggi si guadagnano spesso le prime pagine, si pongono come centrali le questioni sociali che quello scritto toccava. Noi di Aleteia ne abbiamo parlato con Francesco Belletti, direttore del Forum delle Associazioni Familiari, e autore un anno fa insieme alla sociologa Gabriella Ottonelli de I diritti della famiglia: solo sulla carta? (Paoline, 2013), che invitava a tornare a riflettere sulla Carta del 1983.

A 31 anni dalla sua estensione, qual è lo stato di salute della Carta?

Belletti: Il principale valore di quel documento è stato l’aver dato un po’ di linguaggio anche in ambito ecclesiale a quella che è la rilevanza pubblica della famiglia. La Carta infatti metteva a tema una serie di esigenze che la famiglia pretendeva dal sistema pubblico al fine di tutelare la sua identità. Quindi era un documento molto laico, proposto ai governi in modo da chiedere, e così costruire, delle condizioni sociali per consentire alle famiglie di svilupparsi liberamente. Questo è stato importante perché a livello ecclesiale le riflessioni sulla famiglia spesso si interessavano della dimensione spirituale e delle scelte etiche all’interno delle relazioni familiari, e invece dentro la Familiaris Consortio, che era di due anni prima, c’era proprio questo esortazione pubblica a costruire la città dell’uomo, che è esplicitamente indirizzata alla famiglia cristiana. Devo dire che la Carta ha avuto uno scarso impatto pubblico-politico, però ha dato un orizzonte. In fondo, anche l’esperienza dell’associazionismo, del Forum delle associazioni familiari, si è riconosciuta in quel documento.

Lo scarso impatto pubblico-politico ha indebolito l’istituzione della famiglia in Italia?

Belletti: Sì, la debolezza della nostra famiglia parte anche dal rifiuto dello Stato di diventare interlocutore. Allargando il campo gli interlocutori di chi ha la responsabilità del bene comune sono gli interessi costituiti, i gruppi economici, le forze sociali organizzate, quelli che hanno anche più capacità operativa, e hanno la capacità di rivendicare i propri interessi e mettersi in campo come lobby. Invece il soggetto “famiglia” è prima di tutto interessato a vivere la propria vita, perché fare famiglia è già impresa, nelle tante accezioni di questo termine. Diciamo così, la famiglia si è trovata priva di un suo sindacato, ed è vero che l’intuizione della Carta del 1983 era quella di chiedere alla politica e alle grandi organizzazioni internazionali di porre le condizioni per far sì che il mondo fosse più a misura di famiglia. C’è una grande sintonia, curiosa ma veramente comprensibile, con l’ultimo messaggio dei vescovi italiani proclamato alla fine dell’ultimo Consiglio permanente, la settimana scorsa. Anche lì si fa un ragionamento di questo tipo: ringraziamo le famiglie perché sono soggetto, perché fanno una serie di azioni preziose per tutti, nonostante la grave mancanza di chi deve organizzare il sociale, di chi deve organizzare la politica e di chi deve organizzare il bene comune. Qui siamo ancora molto indietro purtroppo, la Carta dei diritti ha una grandissima attualità proprio perché è rimasta sulla carta.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni