Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 28 Febbraio |
Sant'Auguste Chapdelaine
home iconNews
line break icon

La cura del creato è il frutto della santità

Bernd-Thaller-CC

Aleteia - pubblicato il 29/09/14

I papi recenti, il patriarca ortodosso e i gruppi cattolici insistono sul fatto che i cambiamenti climatici sono una questione seria

Mark Gordon

Le Nazioni del mondo hanno una “responsabilità condivisa di proteggere il nostro pianeta e la famiglia umana”, ha affermato il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato vaticano, martedì al Summit sul Clima delle Nazioni Unite svoltosi a New York.

Leader di tutto il mondo hanno offerto i propri punti di vista per risolvere il problema dei cambiamenti climatici. Il Presidente statunitense Barack Obama si è rivolto al gruppo pubblicizzando i progressi compiuti dagli Stati Uniti con il suo progetto, e ha esortato a condividere nuovi strumenti tecnologici e a studiare i dati con la comunità internazionale.

Il 21 settembre, quasi 400.000 persone si sono riunite a Manhattan per partecipare a quella che gli organizzatori hanno descritto come la “Marcia climatica della gente”. L’evento è stato promosso da più di 1.500 organizzazioni attiviste, soprattutto di centrosinistra, e ha visto tra i partecipanti celebrità come Leonardo DiCaprio, Mark Ruffalo e il Segretario Generale dell’ONU Ban Ki-moon.

Tutta questa attività è un precursore della Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici che si svolgerà a Parigi dal 30 novembre all’11 dicembre 2015. L’obiettivo dichiarato è incontrarsi per “raggiungere, per la prima volta in più di vent’anni di negoziati ONU, un accordo vincolante e universale sul clima da parte di tutte le Nazioni del mondo”.

Il 2015 si appresta ad essere un anno importante per l’ambiente anche nella Chiesa cattolica. Insieme al traffico di esseri umani e all’assistenza ai poveri, l’ambiente è una preoccupazione costante di papa Francesco. Ora si dice che progetti di fare dell’ambiente il punto focale della prima enciclica scritta da solo (i lettori attenti ricorderanno che la Lumen fidei è in gran parte lavoro del papa emerito Benedetto XVI e la Evangelii gaudium è un’esortazione apostolica, non un’enciclica).

“Francesco ha già inviato segnali nelle dichiarazioni sull’ecologia che ha rilasciato finora”, ha detto William Patenaude, un ingegnere che scrive su CatholicEcology.net. “Sta portando avanti gli stessi messaggi dei suoi predecessori. Ovviamente lo farà nel proprio stile e con il suo ‘fascino’ personale, ma sarà lo stesso messaggio: la questione dell’ecologia è intimamente collegata ad altre questioni morali, soprattutto questioni relative alla vita”.

Se i segni a cui allude Patenaude sono una guida, la nuova enciclica probabilmente riprenderà molti temi “francescani” ora familiari. Il Santo Padre potrebbe smussare le nette distinzioni tra “ecologia umana” ed “ecologia ambientale”, preferendo stabilire la loro interdipendenza. Probabilmente inserirà la cura del creato all’interno della sua critica al consumismo, al materialismo e agli eccessi del capitalismo, e probabilmente collegherà la difesa del creato e la cultura della vita.

Per un ecologista professionista e cattolico fedele come Patenaude, è un momento importante. “I papi San Giovanni Paolo II e Benedetto XVI sono stati giganti nel loro pensiero ecologico”, ha dichiarato. “Francesco può riprendere molto, e dedicare un’intera enciclica alla questione sarà uno splendido contributo”.

Il tema dell’ecologia ha anche un momentum ecumenico. Bartolomeo I, il patriarca ecumenico di Costantinopoli, è da tempo un deciso sostenitore dell’ambiente. L’“enciclica patriarcale” di quest’anno per inaugurare il nuovo anno liturgico nella Chiesa orientale è stato dedicato interamente all’ambiente. “Lo sfruttamento illimitato e insaziabile delle risorse naturali del creato, che rappresenta la causa principale della distruzione dell’ambiente naturale, è – secondo la testimonianza di teologia, scienze ed arti – il risultato della caduta dell’uomo, ovvero della nostra disobbedienza al comando del Signore e del nostro non conformarci alla volontà di Dio”, ha scritto Bartolomeo, che è stato definito “il patriarca verde”.

  • 1
  • 2
Tags:
ambientecreato
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
4
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
5
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
6
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni