Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconChiesa
line break icon

Sinodo sulla famiglia, una veglia per illuminare la via

Jeffrey Bruno

Emanuele D'Onofrio - Aleteia - pubblicato il 26/09/14

Il prossimo 4 ottobre movimenti ed associazioni si uniranno al Papa in preghiera a piazza San Pietro

Dalla famiglia viene la forza per ogni azione dell’individuo e della società. Ecco perché riunire la famiglia dei cristiani per – nelle parole di papa Francesco– “pregare intensamente lo Spirito Santo, affinché illumini i Padri Sinodali e li guidi nel loro impegnativo compito” di trovare delle strade possibili per i temi più urgenti che riguardano l’istituto della famiglia è un’iniziativa dal fortissimo valore reale e simbolico. La richiesta di pregare arrivata dal papa, insieme alle sue nette decisioni prese in questi giorni, evidenzia quanto lo preoccupi ogni genere di minaccia che dal mondo esterno giunga a minare la sacralità della famiglia e l’innocenza dei minori.

Per questo, alla vigilia dell’apertura del Sinodo su “Le Sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell’evangelizzazione”, la CEI ha raccolto l’appello e lo ha esteso a movimenti ed associazioni che si riuniranno in piazza San Pietro il prossimo 4 ottobre, nella festa di San Francesco, tra le 18.30 e le 19 per pregare insieme. Per coloro che non potranno partecipare direttamente all’evento, dal nome “Accendi una luce in famiglia” è prevista una seconda modalità di adesione che è quella di creare nella stessa sera sul territorio, nella propria casa o nello spazio di una comunità, un incontro nel quale invocare lo Spirito Santo, anche attraverso un lume acceso posto sulla finestra della propria abitazione. Chi sicuramente sarà in piazza San Pietro insieme a papa Francesco è il Movimento per la Vita, da sempre in prima fila nella difesa dei valori della Famiglia. Aleteia ha intervistato Paola Mancini, segretaria generale del Movimento.

Come vi state preparando all’incontro del 4 ottobre?

Mancini: La cosa è partita da un desiderio comune di preghiera da parte delle associazioni e dei movimenti, perché questo Sinodo è un momento di riflessione sulle grandi sfide contemporanee che riguardano la famiglia. Parliamo di sfide perché questo è il momento in cui bisogna prendere delle direzioni, bisogna cercare di trovare una dimensione di comunione e non di recriminazioni o di lotte intestine. La forza di ognuno è la famiglia, quindi tutti i tentativi di trovare soluzioni per lo sviluppo e l’armonia della famiglia penso che abbiano il potere di chiamare a raccolta tutte le potenze intellettuali e morali dell’uomo. Per questo l’associazionismo cattolico ha accolto con grande gioia questo invito che è partito da papa Francesco. L’ha fatto suo, ed ecco che si è creata subito questa comunione di intenti.

Quali sono le sfide più delicate che il Sinodo dovrà affrontare?

Mancini: Lei sa benissimo che noi usciamo ora da una grande campagna di raccolta firme che abbiamo organizzato l’anno scorso al livello europeo, ognuno di noi. Il punto più forte su cui noi battiamo è che il bimbo non nato venga pienamente riconosciuto come membro già attivo. Ecco perché abbiamo scritto ai padri sinodali per chiedere che si rifletta su questo, che si ponga la vita come il valore assoluto da tutelare e custodire. Noi chiederemo che questo riconoscimento al bambino non nato dia la forza di identificare nel soggetto più debole e indifeso il prototipo stesso dell’amore.

Qual è lo stato di salute dell’istituto della famiglia, in questo periodo di crisi?

Mancini: Si tratta di inquadrare il discorso della famiglia nell’ottica giusta. Come istituzione la famiglia non potrà mai venire meno. A meno che non si guardi ad essa soltanto come un’aggregazione di persone. Come istituzione, come culla di formazione dell’essere umano, della persona, la famiglia non potrà mai venire meno. Io la vedo un po’ così: è stata attaccata da qualche virus, da qualche patologia che però può essere facilmente curata, perché la realtà della famiglia ha sfidato i secoli. Senza la famiglia non c’è progresso, non c’è società. La famiglia deve tornare ad essere culla d’amore e luogo di formazione armonico per la persona.

  • 1
  • 2
Tags:
famigliamovimento per la vitasinodo famiglia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni