Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconApprofondimenti
line break icon

Il cognome paterno potrebbe diventare un optional

US Air Force

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 25/09/14

La Camera vara la legge. Si potrà scegliere anche quello materno

La Camera elimina l’obbligo del cognome paterno ai figli. Alla nascita il figlio potrà avere il cognome del padre o della madre o tutti e due. In caso di disaccordo avrà i due cognomi in ordine alfabetico. E i fratelli avranno lo stesso cognome del primogenito. La proposta di legge votata a Montecitorio, adesso passerà all’esame del Senato (Avvenire, 24 settembre). 

Il principio vale anche per i figli nati fuori del matrimonio e riconosciuti dai due genitori, così come per i i figli adottati: il cognome (uno solo) da anteporre a quello originario è deciso dai coniugi, se manca l’accordo, vale l’ordine alfabetico. Chi ha due cognomi può trasmetterne solo uno. Il figlio che ha un solo cognome a 18 anni può aggiungere l’altro. Se è nato fuori del matrimonio, non può prendere il cognome del genitore che non l’ha riconosciuto.

AGGRESSIONE ALLA FAMIGLIA
«Questo provvedimento si colloca nel quadro delle iniziative legislative tese ad aggredire la famiglia – sentenzia Giancarlo Cerrelli, vicepresidente dei Giuristi Cattolici – il tratto negativo del testo, non è certo a livello di provvedimenti come quelli in discussione sul divorzio "sprint" o le unioni civili, ma apporta un contributo non marginale a quella disgregazione dell’identità familiare che in questa fase storica sta venendo fuori da un punto di vista culturale, antropologico e anche giuridico». 

"DUELLO" TRA I GENITORI
La proposta di legge che lascia all’autodeterminazione dei genitori la possibilità di scegliere il cognome dei figli presenta lacune evidenti. «In altre nazioni si possono utilizzare entrambi i cognomi dei genitori e se fosse così non ci sarebbe nulla da dire – prosegue il giurista – in Italia invece sono i genitori che decidono se assegnare uno dei due, o entrambi al figlio. E se non sono d’accordo…il cognome si sceglie in base a quello che viene prima nell’ordine alfabetico».

ADDIO GENEALOGIA
L’assenza di «regole certe» sulla nuova procedura di assegnazione del cognome, con relativa modifica del Codice civile, «non potrà che provocare confusione». «Penso anche – ragiona il vicepresidente dell’Unione Giuristi Cattolici – che potrebbe dare sostanza ad una certa "identità liquida". La famiglia, infatti, non avrà più una chiara genealogia. Il cognome degli ascendenti potrebbe perdersi nel tempo e davvero non capisco l’esigenza e i benefici di questa proposta di legge».

SI DEPOTENZIA LA FIGURA PATERNA
Dal 1968, è il duro giudizio di Cerrelli, «vi è un processo legislativo, culturale, nel quale ci si serve della legge per cambiare le strutture della società, in primis la famiglia. Il processo è iniziato con la legge sul divorzio, poi nel 1975 la riforma del diritto di famiglia, che ha eliminato la patria potestà e la potestas maritatis, depotenziando la figura paterna. Se da una parte c’erano abusi, e quindi quella legge doveva viaggiare nella direzione di limitare quegli abusi, dall’altra ha alimentato la disgregazione e il disaccordo all’interno della famiglia stessa». 

COME UN OPTIONAL
Il cognome che può essere scelto arbitrariamente si incanala in questo percorso. «Ognuno gestisce la famiglia come vuole, con provvedimenti che creano una privatizzazione del distretto familiare, facendolo a proprio uso e consumo. Si deciderà il cognome come fosse un optional. Di fronte ad una situazione del genere è davvero inaccettabile restare in silenzio». 

Tags:
famiglia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni