Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 23 Giugno |
San Giuseppe Cafasso
home iconChiesa
line break icon

Biagio, croce sulle spalle, accoglie i poveri della stazione

© Public Domain

Vinonuovo.it - pubblicato il 25/09/14

La singolare opera del laico consacrato di Palermo rischia di chiudere a causa della burocrazia

Una croce sulle spalle, il suo solito saio verde, il bastone da pellegrino, i sandali ai piedi e tantissime immaginette di Gesù nelle tasche. Che fosse un po’ bizzarro lo sapevano tutti, dopo quasi venticinque anni di missione a Palermo, ma vederlo addirittura trascinare una croce lungo la Circonvallazione, diretto sulle colline attorno alla città, ha destabilizzato molti. Qualcuno lo ha preso per pazzo, qualcun altro lo ha tacciato di teatralizzare il bisogno, seppur reale. La maggior parte di coloro che l’hanno visto compiere l’ennesimo atto fuori moda, però, gli è andato incontro col sorriso di chi non giudica, ma chiede preghiere e benedizioni.

Biagio Conte, il laico consacrato che a Palermo ha fondato la missione Speranza e Carità con oltre mille "ultimi" della società in tre strutture attorno alla Stazione centrale, ha scelto la ribellione del silenzio. Una scelta controcorrente in un mondo dove tutti urlano e usano la violenza per affermare pseudo-diritti.

"Il mio unico conforto è la montagna, mi metterò in ascolto con il buon Dio e sento nel mio cuore che Lui, Dio, mi dirà come mi devo comportare nei prossimi giorni", ha detto due settimane fa salutando i volontari e gli altri fratelli della missione. E sì che di motivi per urlare Biagio ne ha da vendere. Il 3 settembre scorso aveva lanciato un duro atto d’accusa e contemporaneamente un appello alla città, dicendosi "stanco di lottare contro i mulini a vento, l’eccessiva burocrazia e l’indifferenza che mi opprimono e mi schiacciano quotidianamente. Siamo ormai al limite delle forze fisiche e mentali". Biagio Conte che ha dedicato la sua vita ai senzatetto e ai migranti si era detto pronto "a malincuore a restituire le tre preziose strutture" e coloro che vi sono accolti. "Purtroppo non riesco più a garantire loro la luce, il gas l’acqua, i viveri, le medicine e i tantissimi bisogni per poter portare avanti le comunità, come una mamma che non ha da dare da mangiare al proprio bimbo ed è costretta ad abbandonarlo". Parole di disfatta e di sconforto: "Tutti siete a conoscenza di quanto la missione ha donato per aiutare questa città martoriata, ma mi rendo conto adesso che non si può fare niente di buono in questa terra di Sicilia, Italia, Europa".

Frasi durissime, dopo le quali le istituzioni (Comune, Regione, Demanio) hanno deciso di sedersi attorno a un tavolo per trovare le soluzioni adatte a permettere alla missione di continuare a svolgere la sua opera sociale dal valore insostituibile. C’è una cartella esattoriale da 84 mila euro di tassa sui rifiuti non pagata. Ci sono 300 mila euro di debiti per utenze di acqua, luce e gas, mentre le donazioni diminuiscono in tempo di crisi. Ci sono inerzie burocratiche che rendono impossibile perfino installare un impianto fotovoltaico già esistente, che renderebbe quasi autonoma la produzione di energia elettrica in missione.

Così Biagio ha detto basta e si è ritirato in silenzio. Le migliaia di persone che lo stimano per quello che fa hanno fatto sentire la loro vicinanza, offrendo un contributo, scrivendo messaggi su Facebook, organizzando raccolte di beneficenza. Adesso finalmente Biagio è tornato a casa, "fisicamente stremato", ma carico spiritualmente: "Non vado via. Il mio cuore è qua. Ma anche la croce di legno è qua, pronta a partire di nuovo".

Leggi qui l’originale

Tags:
caritapoveri
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni