Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Troppa tecnologia e poco sonno. Manca forse l’educazione?

© sean dreilinger / Flickr CC
https://www.flickr.com/photos/seandreilinger/3069425637
Condividi

I figli, ancora prima di ascoltare, guardano il comportamento e lo stile di vita dei propri genitori

Mamme e papà, probabilmente sarete già caduti nella tentazione di lasciare i vostri bambini giocare con tablet, computer, console e smartphone fino a tarda sera, lasciandoli andare a letto ai vostri orari. Tranquilli, nessuna accusa: si tratta di una constatazione che è stata oggetto di studio dell’Osservatorio nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza (Paidòss).   

Insonnia under 14
L’Osservatorio infatti anticipa la discussione del suo primo Forum Internazionale che si terrà a Napoli dal 25 al 27 settembre e che tratta il tema dell’insonnia tra i più piccoli (un argomento, per gli adulti, già affrontato qui). “I bambini fra i tre e i cinque anni dovrebbero dormire dalle 11 alle 13 ore, per arrivare a 8-9 ore dagli 11 ai 13 anni”, ha spiegato Giuseppe Mele, presidente Paidoss, che sottolinea inoltre come nell’ultimo secolo, i bimbi italiani abbiano perso almeno un’ora di sonno e ad oggi la maggioranza dorme in media 40 minuti meno del dovuto. (Si24, 22 settembre)

Tutta colpa della tecnologia?

Sembrerebbe di no: in oltre otto casi su 10 infatti, i motivi sono legati a tutta una serie di “fattori legati all’organizzazione della giornata e alla molteplicità di stimoli che ricevono”. Il primo consiglio è dunque quello di mandare i figli a letto presto, non più tardi delle 21. Per gli esperti il ciclo biologico giorno-notte va rispettato e per restituire agli under 14 notti di buon riposo, i pediatri presentano dunque le “Regole dei 5 sensi” per favorire il sonno.

Vista
“La luce dei dispositivi elettronici – ha spiegato Mele – altera la produzione di melatonina, l’ormone che favorisce il riposo”, niente tablet, computer e tv dunque almeno un’ora prima di andare a letto.

Gusto
Evitare una cena pesante, magari ricca di grassi, e preferire piuttosto alimenti che stimolano la produzione di serotonina, come pesce, latte, pollo e uova.

Tatto
Non fare indossare pigiami troppo pesanti e cercare di mantenere la camera da letto a una temperatura d 18 gradi.

Olfatto
Utilizzando detersivi o profumi a base di lavanda, aiuta il bimbo a rilassarsi grazie alla loro fragranza.

Udito
Silenzio assoluto in casa almeno 30 minuti prima di mettere a letto i bambini. Qualora si vivesse in una zona movimentata, si può utilizzare un suono di fondo omogeneo, come quello dei ventilatori o degli umidificatori.

Tutte queste regole possono aiutare a donare un buon riposo ai propri bimbi. Senza dimenticare che i figli, innanzitutto, guardano i propri genitori: i fatti, i comportamenti, lo stile di vita valgono più di mille raccomandazioni.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.