Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Bashar al-Assad non è il massimo, ma l’Isis è peggio

sirianews
Condividi

I leader cristiani della Siria avvertono gli USA

Basta con gli aiuti ai ribelli, che combattono il Presidente Bashar al-Assad: è quanto hanno chiesto agli Stati Uniti i cinque principali leader cristiani siriani giunti in delegazione a Washington, grazie all’aiuto dell’Istituto Westminster e del “Barnaba Aid”, due organizzazioni di sostegno alle comunità dei fedeli minacciati.

Il viaggio è avvenuto in un momento particolarmente incandescente non solo sul fronte internazionale, bensì anche sul fronte interno, dopo la dura presa di posizione del sen. John McCain, ex-candidato alla Presidenza degli Stati Uniti, scagliatosi contro la rappresentanza cristiana. Secondo la quale, invece, è vero l’opposto: è ora di cambiare radicalmente strategia, anche esercitando forti pressioni su Arabia Saudita, Qatar e Turchia, affinché cessino di inviare in Siria nuovi terroristi, molti dei quali reclutati anche in Occidente.

Secondo mons. Armash Nalbandian, primate della Chiesa armena di Damasco e membro della delegazione, gli Usa devono «cambiare politica e scegliere la via della diplomazia e del dialogo, non sostenere i ribelli, né tanto meno chiamarli "combattenti per la libertà"».


Secondo i cinque membri giunti negli Usa, sarebbe opportuno mantenere una posizione prudente, che non incoraggi i miliziani jihadisti, pur non apparendo come un sostegno incondizionato alla politica del Presidente Assad.

Qui l’originale

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.