Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 15 Maggio |
San Mattia
home iconStile di vita
line break icon

Vuoi valutare la tua maturità? Dai un’occhiata…

© YanLev/SHUTTERSTOCK

Javier Ordovás - Aleteia - pubblicato il 22/09/14

La forza, una virtù coinvolta nella maturità che è necessario scoprire

L’essere umano porta dentro di sé l’aspirazione alla pienezza, alla perfezione, alla maturità. Una persona matura è quella che cerca di portare alla loro pienezza tutte le dimensioni proprie della persona. Crescere armoniosamente in tutte le virtù è la via per la maturità.

Alla persona matura spetta una coerenza tra il pensiero e l’azione, e la veracità visibile che permette agli altri di comprendere il suo modo di procedere, la sua integrità.

In questa relazione costante con gli altri, sa porsi in modo adeguato sul piano di uguaglianza, superiorità o inferiorità che le spetta in ogni caso.

La maturità fisiologica presuppone uno sviluppo organico normale che è compatibile con la malattia.

La maturità psicologica si misura dalla capacità di condursi razionalmente, di dominare le funzioni intellettuali: capacità di attenzione, dominio dell’immaginazione, abitudini di ragionamento.

Maturità affettiva: controllare l’affettività, capacità di moderare i piaceri e di sopportare i dolori, integrazione della sessualità, stabilità d’animo, prendere decisioni ponderate, giudicare rettamente gli eventi e le persone, avere fiducia in se stessi.

La maturità spirituale permette alla persona di possedere alcune direttrici generali, assunte coscientemente, che organizzano la sua vita. Presuppone di avere sufficiente cultura sul mondo e la società, di possedere valori, convinzioni e criteri morali veri, di aver stabilito relazioni umane soddisfacenti e di avere obiettivi personali, una vocazione, un’idea di ciò che si vuole nella vita, con la conseguente responsabilità di assumere le conseguenze delle proprie decisioni.

Nella maturità della persona sono coinvolte tutte le virtù. Potremmo dire che qualcuno ha una personalità matura quando possiede tutte le virtù. Per un cristiano, la sua fisionomia spirituale, senza smettere di essere propria, si identifica con quella di Cristo. La virtù della forza gioca tuttavia un ruolo di primo piano per la maturità, perché è la virtù che porta a resistere alla sofferenza per il bene e ad attaccare con decisione gli ostacoli che impediscono di raggiungere il bene.

In genere si dice che nulla fa maturare tanto quanto il dolore. È vero, senza dimenticare che il dolore non si accetta in sé, ma per il bene che favorisce. Quello che cerca il coraggioso non è il dolore in sé, ma il bene, malgrado la sofferenza che bisogna sopportare per raggiungerlo.

L’impegno per acquisire la forza è anche una lotta per la maturità. Chi possiede la virtù della forza mantiene in genere un animo stabile davanti alle contrarietà e alle sofferenze fisiche o morali; affronta gli ostacoli e le difficoltà non per ambizione o orgoglio, ma per il bene, tenendo conto delle proprie forze e giudicando adeguatamente le dimensioni dell’ostacolo.

La virtù della forza, dandoci un animo stabile, ci permette di restare sereni per prendere le decisioni più opportune e prudenti. Ci rende più liberi non solo riguardo alle nostre passioni e ai nostri sentimenti, ma anche di fronte all’influenza dell’ambiente che cerca di convincerci che non vale la pena il bene, e men che meno impiegare le nostre energie per raggiungerlo.

Il dolore e la sofferenza fisica o morale, quando si riceve come venuta dalla mano di Dio e si porta per amor Suo, trasforma positivamente la nostra personalità: ci rende più comprensivi con gli altri, ci aiuta a valutare le cose oggettivamente, lima le asperità del nostro carattere.

Qualche anno fa, una persona anziana diceva al nostro gruppo di giovani: “Non preoccupatevi, è impossibile che siate maturi, perché non avete vissuto un numero di anni sufficiente a sperimentare la vostra debolezza, né quella altrui; non potete essere umili, per questo siete ancora immaturi”.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
virtu cristiane
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni