Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 05 Marzo |
San Giovanni Giuseppe della Croce
home iconNews
line break icon

Medio Oriente: La Casa Bianca mette in difficoltà i cristiani siriani, ecco come…

© Muzaffar SALMAN / AP / SIPA

Erebmedioriente - pubblicato il 22/09/14

Gli USA più interessati a deporre Assad che a sconfiggere l'ISIS?

L’efferato regime di Bashar al Assad è in realtà il vero obiettivo della chiamata alle armi lanciata dagli Stati Uniti contro l’Isis. L’occasione è troppo ghiotta: fermare i tagliatori di teste islamici e rovesciare il regime siriano. Per raggiungere l’obiettivo la Casa Bianca sta tentando di tutto fino a tentare di convincere alti membri delle gerarchie delle Chiese orientali, da sempre al di sopra delle parti, a scegliere da che parte stare: o contro Assad o contro gli Stati Uniti.

Fonti di Erebmedioriente, anonime per motivi di sicurezza, raccontano le trame di questo complotto che piegherebbe la riluttanza di molti Paesi arabi come il Qatar e l’Arabia Saudita ad attaccare l’Isis, preferendo invece abbattere prima il regime di Assad per poi “concentrarsi” sui terroristi. Sauditi e qatarioti sono da sempre grandi sostenitori dell’estremismo islamico e fautori della stessa ideologia professata dai miliziani dell’Isis: il Wahaabismo.

Le fonti raccontano un retroscena della recente conferenza di tre giorni sulla situazione dei cristiani in Medio Oriente tenutasi dal 9 all’11 settembre a Washington. I giornali hanno ampiamente affrontato lo scontro verbale avvenuto fra il senatore repubblicano Ted Cruz che ha accusato i prelati presenti alla conferenza fra cui il cardinale Beshara al-Rai e il patriarca dei greco-cattolici Gregorio III Laham, di essere anti-israeliani, sottolineando che chi è contro Israele è contro l’America (v.). Ciò che nessuno ha però raccontato è quanto avvenuto il giorno dopo. Alcuni dei rappresentanti delle Chiese orientali, cattolica, ortodossa e protestante erano stati invitati alla Casa Bianca per discutere in modo informale con alcuni incaricati del presidente Barack Obama, probabilmente con lui stesso, le strategie da attuare sul campo. Tuttavia poco prima dell’incontro gli alti prelati hanno declinato l’invito a causa del vero argomento della conferenza: spingere i cristiani a rovesciare il regime di Assad, convincendo il dittatore a mollare il potere e ad accettare un processo per crimini contro l’umanità. L’Is, il dramma dei cristiani di Mosul e il futuro delle minoranze non islamiche non erano affatto in agenda. A confermare la doppia valenza dell’alleanza contro l’Is è l’intenzione da parte della Casa Bianca e dei suoi alleati di inviare altre armi ai ribelli moderati, considerando però che, almeno sul campo, essi sono quasi completamente scoparsi. Convenendo sul fatto che il leone di Damasco abbia realmente commesso crimini, come del resto tutti i dittatori del Medio Oriente, in questo momento un’eventuale caduta del regime trasformerebbe la Siria in una nuova Libia o in una nuova Somalia, trasformando la minoranza cristiana, finora al di sopra delle parti in traditori, con tutte le conseguenze del caso.  

In questi anni la Chiesa siriana, come molte altre chiese medio orientali hanno mantenuto un basso profilo sulla Rivoluzione siriana, preferendo attuare una strategia aperta e diplomatica in grado di smorzare i toni del conflitto unico modo per far sopravvivere, anche dopo una eventuale uscita di scena di Assad, la realtà multiculturale della Siria che con tutti i limiti è ad oggi l’unico Paese a maggioranza musulmana dove anche nel bel mezzo della guerra non sono avvenuti scontri confessionali fra cristiani e musulmani. Infatti sulla carta di identità non compare l’appartenenza religiosa. Secondo le fonti ci sono voluti oltre 30 mila miliziani provenienti da tutte le parti del mondo islamico e non per trasformare uno scontro politico in una guerra di religione fra sciiti e sunniti, con in mezzo i cristiani.  La presenza dei terroristi islamici ha nei fatti rafforzato il potere di Assad, giungendo alla situazione attuale con molti ex ribelli che combattono ora per il regime contro gli eserciti di Jabat al Nusra e dell’Is e con un governo degli Stati Uniti costretto a chiedere a Damasco il suo sostegno nella guerra contro lo Stato islamico.  

Le fonti spiegano che l’Isis, ora Stato Islamico, è in realtà sempre esistito nella mente dei sostenitori dell’estremismo islamico. L’idea di un finto scontro fra ideologie estremiste contrapposte sarebbe servita solo per prendere tempo, come dimostra la recente alleanza con al-Qaeda a cui presto seguirà quella di altri gruppi estremisti. Il macellaio Assad, come molti lo hanno soprannominato, ha però sempre detto una pericolosa verità: i terroristi islamici da tutte le parti del mondo erano veramente in Siria fin dall’inizio della Rivoluzione siriana.

Qui l’originale

Tags:
persecuzione cristianisiria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni