Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Maurizio
home iconApprofondimenti
line break icon

«Il sangue dei martiri, una guida contro nuove dittature»

Massimo Introvigne - La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 22/09/14

Il viaggio di Papa Francesco in Albania per spiegare la libertà garantita dal cristianesimo e la possibilità di vivere in pace con l'Islam

Il 21 settembre 2014 Papa Francesco ha compiuto la sua attesa visita pastorale in Albania, dedicata – come aveva anticipato – alla celebrazione dei martiri uccisi dalla sanguinosa persecuzione comunista e alla messa in valore della coesistenza fra islam e cristianesimo, negli ultimi secoli più pacifica in terra albanese che altrove. Caduta la dittatura comunista, ha detto il Papa nella visita, che ha concluso con un commovente incontro con i bambini in difficoltà al Centro Betania di Bubq, oggi siamo tutti minacciati dalle dittature del fondamentalismo, del relativismo e di nuove ideologie persino più «subdole» delle precedenti, cui potremo resistere solo guardando ai martiri e riflettendo su quanto il martirio sia cruciale nella storia e nella vita della Chiesa.

Intervenendo a braccio nei vespri celebrati nella cattedra di Tirana, il Pontefice ha confidato che «in questi due mesi, mi sono preparato per questa visita, leggendo la storia della persecuzione in Albania. E per me è stata una sorpresa: io non sapevo che il vostro popolo avesse sofferto tanto! Poi, oggi, nella strada dall’aeroporto fino alla piazza, tutte queste fotografie dei martiri: si vede che questo popolo ancora ha memoria dei suoi martiri, di quelli che hanno sofferto tanto! Un popolo di martiri…». «Hanno sofferto fisicamente, psichicamente, e anche quell’angoscia dell’incertezza: se fossero stati fucilati o no, e vivevano così, con quell’angoscia». Ma, mentre colpevolmente in altri Paesi tanti si disinteressavano dei martiri dell’Albania e di altri Paesi, il Signore «li consolò perché c’era gente nella Chiesa, il popolo di Dio – le vecchiette sante e buone, tante suore di clausura… – che pregavano per loro».

Se non ci lasciamo scuotere dall’esempio dei martiri – ha detto Francesco rivolgendosi anzitutto ai sacerdoti – ci intristiremo in una routine che non porta frutto. I martiri «ci dicono qualcosa! Ci dicono che per noi, che siamo stati chiamati dal Signore per seguirlo da vicino, l’unica consolazione viene da Lui. Guai a noi se cerchiamo un’altra consolazione! Guai ai preti, ai sacerdoti, ai religiosi, alle suore, alle novizie, ai consacrati quando cercano consolazione lontano dal Signore! Io non voglio “bastonarvi”, oggi, non voglio diventare il “boia”, qui; ma sappiate bene: se voi cercate consolazione altrove, non sarete felici! Di più: non potrai consolare nessuno, perché il tuo cuore non è stato aperto alla consolazione del Signore. E finirai, come dice il grande Elia al popolo di Israele, “zoppicando con le due gambe”».

Fin dal primo incontro con le autorità nel Palazzo Presidenziale di Tirana, il Papa ha celebrato l’Albania come «terra di eroi, che hanno sacrificato la vita per l’indipendenza del Paese, e terra di martiri, che hanno testimoniato la loro fede nei tempi difficili della persecuzione». Nell’omelia a Tirana in Piazza Madre Teresa, Francesco ha detto agli albanesi che per lunghi decenni «la porta del vostro Paese è stata chiusa, serrata con il catenaccio delle proibizioni e prescrizioni di un sistema che negava Dio e impediva la libertà religiosa. Coloro che avevano paura della verità e della libertà facevano di tutto per bandire Dio dal cuore dell’uomo ed escludere Cristo e la Chiesa dalla storia del vostro Paese, anche se esso era stato tra i primi a ricevere la luce del Vangelo».

«Ripensando a quei decenni di atroci sofferenze e di durissime persecuzioni contro cattolici, ortodossi e musulmani – ha detto ancora il Pontefice nell’omelia – possiamo dire che l’Albania è stata una terra di martiri: molti vescovi, sacerdoti, religiosi e, fedeli laici, ministri di altre religioni, hanno pagato con la vita la loro fedeltà. Non sono mancate prove di grande coraggio e coerenza nella professione della fede. Quanti cristiani non si sono piegati davanti alle minacce, ma hanno proseguito senza tentennamenti sulla strada intrapresa!». Anche se non ha potuto farlo di persona, il Papa ha affermato di volersi recare «spiritualmente a quel muro del cimitero di Scutari, luogo-simbolo del martirio dei cattolici dove si eseguivano le fucilazioni, e con commozione depongo il fiore della preghiera e del ricordo». «Non dimenticate le piaghe – ha affermato Francesco – ma non vendicatevi»: il sangue dei martiri sia piuttosto seme di evangelizzazione.

  • 1
  • 2
Tags:
albaniadialogo interreligiosomartiripapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni