Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Luglio |
Santa Marta di Betania
home iconStile di vita
line break icon

Papa Francesco allenta le regole presiedendo il matrimonio di coppie conviventi?

AP Photo/Alessandra Tarantino

Catherine Ruth Pakaluk - pubblicato il 19/09/14



Che tipo di pastorale è meglio, allora? Supponendo di affrontare una cultura cristiana in cui la gente sa – sente e ha capito – cosa sia il matrimonio, allora la via migliore può davvero implicare il fatto di chiamare le coppie alla riforma, a pregare e a studiare prima di prendere in considerazione il matrimonio. E credo che al giorno d’oggi ci siano alcune comunità, come quella nella quale sono cresciuta, in cui questa descrizione suona ancora come vera. Da bambina, ho avuto la benedizione di conoscere molte famiglie che vivevano la chiamata di Dio al matrimonio e alla famiglia con fede e fecondità. Dall’altro lato, se viviamo in un mondo in cui le coppie che cercano il matrimonio non hanno mai capito cosa voglia dire essere sposati – se sono quasi del tutto prive di catechizzazione, evangelizzazione e conversione –, allora l’approccio giusto potrebbe essere più simile a quello dei missionari nelle nuove terre. È molto difficile immaginare che chiederebbero alle popolazioni locali di astenersi dal vivere in modo coniugale, pentirsi e solo allora sposarsi in modo adeguato.

Si potrebbe obiettare, ovviamente, che questi nativi non conoscevano il Vangelo. Non avevano il catechismo. Non potevano aver peccato vivendo insieme senza essere propriamente sposati. E io direi che è proprio questo il punto. Per cui si arriva alla domanda relativa a quale tipo di mondo pensiamo di abitare.

Credo che possiamo leggere quando descritto nel New York Times come argomentazione piuttosto decisa del fatto che viviamo in un mondo simile a quello trovato dai missionari, e questo è scoraggiante quando consideriamo i sacrifici fatti da questi grandi uomini e donne. In questa vita, però, non c’è nulla che garantisca che le culture progrediscono sempre. Se c’è infatti una norma, è che le culture nascono e crollano. Non c’è alcuna marcia gioiosa sempre in avanti.

E papa Francesco? Penso che la Evangelii Gaudium sia un’apologia per eccellenza di ciò che ha in mente. Nel testo ci dice piuttosto chiaramente quale tipo di mondo pensa che sia il nostro: un mondo in cui dobbiamo “porre tutto in chiave missionaria” (EG, 34).

È davvero difficile pensare che il papa non avesse in mente la cura pastorale delle coppie quando ha scritto:

“ci sono norme o precetti ecclesiali che possono essere stati molto efficaci in altre epoche, ma che non hanno più la stessa forza educativa come canali di vita. San Tommaso d’Aquino sottolineava che i precetti dati da Cristo e dagli Apostoli al popolo di Dio «sono pochissimi». Citando sant’Agostino, notava che i precetti aggiunti dalla Chiesa posteriormente si devono esigere con moderazione «per non appesantire la vita ai fedeli» e trasformare la nostra religione in una schiavitù, quando «la misericordia di Dio ha voluto che fosse libera»” (EG, 43).

Il pontefice prosegue affermando che “queste convinzioni hanno anche conseguenze pastorali che siamo chiamati a considerare con prudenza e audacia. Di frequente ci comportiamo come controllori della grazia e non come facilitatori. Ma la Chiesa non è una dogana, è la casa paterna dove c’è posto per ciascuno con la sua vita faticosa” (EG, 47).

E conclude: “Usciamo… mentre fuori c’è una moltitudine affamata e Gesù ci ripete senza sosta: «Voi stessi date loro da mangiare» (Mc 6,37)”.

Catherine Ruth Pakaluk è assistente di Economia presso l’Ave Maria University, Faculty Research Fellow presso lo Stein Center for Social Research e Senior Fellow in Economia presso l’Austin Institute for the Study of Family and Culture. La sua ricerca si concentra sui settori della demografia, del genere, degli studi sulla famiglia e dell’economia dell’educazione e della religione. Lavora anche sull’interpretazione e la storia del pensiero sociale cattolico. Ha conseguito un dottorato in Economia presso l’Università di Harvard (2010). Vive ad Ave Maria, in Florida, con il marito Michael e i loro sette figli.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
Tags:
matrimoniopapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
4
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni