Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Chiesa

Papa Francesco nella periferia che cercò di cancellare Dio

Public Domain / Mazur/catholicnews.org.uk

https://www.flickr.com/photos/catholicism/8657304105/in/photolist-e39xCm-ehTa95-e3wHuF-e3wp4R-ec1WTT-e3wJ9V-ec21hx-e4ptrx-e3wmxT-e3C8sd-e4x2yY-kwM3V2-kwP87y-kwM6GV-kwPaGd-kwM8s8-kwMuvP-kwMw8B-kwM2ZV-e3CrzS-e3vFaT-ehU2SJ-e3woKR-e4v1W3-e3C161-ec7GL5-ehU96m-e3C5iU-ehNdBB-e4vckm-ec1Tdr-nVPe2k-e4pKHD-e4v4vW-e3Cuk7-n6kCQk-eVC4R4-ec1Zri-e4qRYr-ehTtM3-e4x2jf-e4wrNY-e4x43u-e4roep-n6n6g5-ec7Dr3-ec243M-e3ws8V-e3C3Ey-jBVjNL

Maria Laura Conte - Fondazione Oasis - pubblicato il 18/09/14

Il direttore della Caritas albanese descrive l’attesa per questa visita inaspettata

«Se il peccato è l’allontanamento da Dio, allora l’Albania era il Paese in cui il peccato era sancito dalla Costituzione. E la vita dei credenti era diventata impossibile qui, in questa periferia del mondo. Una periferia che oggi si sente guardata, preferita, da Francesco». Così Albert Nikolla, 45 anni, sposato e padre di due figli, direttore della Caritas di Albania, e coordinatore della visita del Papa del prossimo 21 settembre, presenta il suo Paese. Dopo gli studi di teologia e un dottorato in antropologia in Italia, con l’incarico alla Caritas ricevuto un paio di anni fa, è potuto passare – come racconta lui stesso – dall’etica dei libri (era docente all’Università Cattolica di Tirana) all’etica concreta. Dirige una struttura che conta 200 dipendenti, 1000 volontari e sostiene in varie forme ogni anno più di 80.000 persone.

L’Albania è un Paese a maggioranza musulmana per il 60%. Chi e come sta aspettando Papa Francesco?

«L’Albania tutta attende Francesco: non solo la comunità cattolica, ma il Paese nel suo insieme è in grande attesa, perché quando Papa Bergoglio ha annunciato che sarebbe venuto qui ha presentato due motivazioni. La prima, per rinforzare e confermare la Chiesa nella fede, la seconda per incoraggiare e dire tutta la sua vicinanza a questo popolo che ha sofferto enormemente. Tutto il popolo albanese si è dunque sentito abbracciato da un Papa percepito come un amico della porta accanto, che suscita simpatia immediata, un pastore che si mescola alle sue pecore e cammina accanto a loro. Quando in un’importante intervista alla Civiltà Cattolica il Papa si è presentato come “un peccatore”, noi che siamo un popolo di peccatori, ci siamo subito sentiti accolti da lui ».

Venticinque anni dopo la caduta del comunismo, l’Albania ha chiuso i conti con il suo passato?

«No, venticinque anni non sono ancora bastati a sanare le ferite aperte nel Paese. In particolare l’Albania soffre per l’ingiustizia sociale diffusa: la corruzione, il mercato dilagante della droga, la miseria… Dicevo che siamo “peccatori”. Ma, come dice San Paolo, “dove abbonda il peccato, sovrabbonda la grazia”. Se lo stesso Papa Bergoglio si definisce un peccatore al quale il Signore ha guardato, anche l’Albania si può definire per analogia un Paese al quale il Signore, ora, attraverso il Papa, sta guardando. E questo sguardo può portare un bene a tutti».

Da direttore della Caritas, da quali questioni si sente più interpellato?

«Sono quotidianamente provocato dalla mancanza di giustizia sociale. Il Paese ha problemi più forti in alcune aree rispetto ad altre, ma in generale soffre per la massiccia migrazione interna. Sempre più persone si trasferiscono dai villaggi più poveri alle città, dove sperano di trovare un vita migliore, spesso senza riuscirci. Anzi. I governi postcomunisti si sono trovati completamente spaesati di fronte a esodi biblici. Mancano strutture in grado di aiutare le intere famiglie che migrano. Troppi bambini restano senza accesso alla scuola, troppi disabili non trovano alcun aiuto e sono costretti a rimanere chiusi in casa. C’è anche un grande bisogno di cura per i malati terminali. La Caritas è oggi l’unico ente in tutto il Paese che si occupa, grazie ad alcuni hospice, di somministrare le cure palliative a malati che si preparano a morire».

Di fronte a ferite così profonde, cosa può significare una visita di un giorno?

«Mia moglie dice che questa visita sarà un elettroshock spirituale per il Paese. Un grande catalizzatore. Un’occasione per rivedere ciò di cui il Paese ha bisogno realmente, dopo il comunismo e dopo l’onda di un capitalismo che presenta dei conti molto salati. La società albanese tutta non potrà restare indifferente a un Papa che ha sulla pelle l’esperienza diretta di cosa vuol dire essere e vivere da periferia. Lui ha toccato con mano la povertà. Anche l’Albania è periferia, ma come dice il vangelo, è stata “scelta” ».

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
albaniapapa francesco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni