Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Chiesa

Il potere di Francesco e la “strategia” di Santa Marta

Catholic Church England

Don Mauro Leonardi - Come Gesù - pubblicato il 15/09/14

La politica dalle "porte aperte" ha una ragione: che sia più semplice avere accesso al papa

Dopo la pausa estiva, ricominciano oggi in Vaticano le riunioni del C9 quel comitato di nove cardinali – facile l’assonanza con il laico G8 – che Papa Francesco ha eretto con il compito di consigliarlo nel governo universale della Chiesa e nella riforma della Curia. Questo «consiglio», nato su suggerimento delle “congregazioni” precedenti il Conclave, è una delle manifestazioni più visibili del profondo lavoro di cambiamento che sta operando il pontefice.

Ce n’è un’altra però, per nulla evidente alla gente della strada, ed è la profonda trasformazione della figura del “segretario del Papa”. Quando arrivò al soglio pontificio, Bergoglio non aveva segretario. Si disse che presto sarebbe stato obbligato a cambiare idea e una conferma di ciò venne vista quando prese per sé don Alfred Xuereb, maltese, che era il secondo segretario di Papa Benedetto. Il primo, Georg Gänswein – per tutti, don Georg – il 7 dicembre 2012 era stato fatto vescovo e prefetto della Casa Pontificia, l’istituzione che ha il compito di organizzare l’attività “ufficiale” del Papa. Nell’immaginario della gente, perciò, Xuereb era diventato il nuovo don Georg: un po’ come il tedesco era stato – anche se diversamente – quello che don Stanislao era stato per Wojtyla. Don Stanislao Dziwisz, ora cardinale, primo e unico segretario di don Karol era stato da sempre al suo fianco perpetuando il modo di fare che aveva iniziato Giovanni XXIII con Loris Capovilla, anch’egli cardinale, e che aveva proseguito Paolo VI con Pasquale Macchi, storico segretario del Papa e, anche lui, morto arcivescovo.

Papa Francesco invece ha rotto questa procedura e ne ha introdotto un’altra della quale però, esclusi gli addetti ai lavori, nessuno si è accorto. In sintesi, si può dire che il segretario del Papa non esiste più. Intendo un segretario sullo stile di quelli che ho nominato, cioè un’unica persona attraverso la quale è obbligatorio passare per arrivare al pontefice. Sia chiaro che non sto criticando o elogiando: sto constatando che il segretario del Papa o meglio sarebbe dire i segretari del Papa ci sono, ma sono un’altra cosa. Perché parlo al plurale? Perché, a metà aprile di quest’anno, Xuereb è stato sostituito da don Yoannis Lahzi Gaid, sacerdote cattolico di rito copto, nato a Il Cairo. Sostituito? forse sì o forse no, perché già da tempo don Alfred Xuereb era stato affiancato da un argentino, Sebastian Pedacchio, che forse lo aveva già sostituito. Lascio questi “forse” proprio perché la notizia è proprio questa incertezza, anche se al momento don Fabian è il segretario numero uno e don Yoannis il due. Non sarebbe stato pensabile, per esempio, che don Stanislao non accompagnasse Wojtyla nei suoi viaggi, invece nell’attuale pontificato, persino gli addetti ai lavori devono faticare per capire se il segretario del Papa sta accompagnando o no il pontefice. Non è che sia un mistero, è che non è importante. È questa la profonda lezione pratica – artigianale – che sta impartendo il successore di Pietro. Adesso i segretari del papa hanno la normale importanza che hanno le persone con compiti organizzativi. All’inizio del pontificato il Papa disse che non voleva essere “schiavo” dei segretari perché chi organizza, comanda. E non lo sto dicendo in senso negativo.

Una volta un vescovo mi disse che se il segretario del vescovo è un prete, va a finire che in quella diocesi, per i preti, il vescovo è il segretario. È un fatto e non c’è malizia. Ricordo che da bambino non capivo, ascoltando i discorsi dei grandi, perché chi comandava nei partiti si chiamasse “segretario” e non “presidente”. Da grande capii che i partiti avevano semplicemente reso trasparente un processo fisiologico. Alla lunga, chi fa l’agenda del capo prende il posto del capo. Non voglio dire che sia avvenuto per i precedenti segretari: voglio dire che questo rischio Papa Francesco non lo vuole correre. Qualcuno che non gli vuole bene, dice che in questo modo 

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
papa francesco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni