Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 22 Settembre |
San Maurizio
home iconNews
line break icon

Che conseguenze ha WhatsApp sui rapporti di coppia?

© DR

LaFamilia.info - pubblicato il 15/09/14

In realtà il problema non è WhatsApp né lo smartphone, ma il cattivo uso che se ne fa

WhatsApp, il sistema di messaggistica istantanea, sta imponendo un nuovo modo di interazione tra le persone, che ora preferiscono scrivere che parlare. È anche diventato il metodo preferito per comunicare con il coniuge. Questo fatto può influenzare la coppia? In che senso?

“È più economico, più rapido, più facile, puoi comunicare in ogni momento”. Ecco ciò che pensa un numero sempre maggiore di persone in tutto il mondo grazie all’uso esteso degli smartphone, che stanno favorendo senza dubbio un cambiamento significativo guidato dalle applicazioni di messaggistica o dalle cosiddette “chat”. “Vent’anni fa aspettavi che ti chiamassero a casa. Dieci anni fa aspettavi che ti chiamassero o ti mandassero un SMS sul cellulare. Cinque anni fa aspettavi un’email o un messaggio sulla chat di Hotmail. Oggi aspetti un WhatsApp”, riferisce Jaime Hoyos sul portale LaInformacion.com.

Come in tutto, però, ci sono i pro e i contro. Analizziamo quindi i benefici ma anche gli svantaggi di questo cambiamento promosso dalla tecnolpogia.

I punti a favore
I progressi tecnologici hanno i propri meriti e suscitano ammirazione. In questo caso stiamo parlando di un sistema che supera le frontiere. Senza pagare un solo centesimo, dà la possibilità di stabilire una conversazione in tempo reale con persone che possono essere solo a qualche metro di distanza o dall’altra parte del mondo.

Nel caso di rapporti vicini, come quello coniugale, la chat è diventata il canale di comunicazione prediletto da molte coppie, perché può facilitare l’interazione mentre i coniugi sono al lavoro o impegnati nelle occupazioni quotidiane.

Secondo Mireia Fernández, ricercatrice dell’Universitat Oberta de Catalunya ed esperta delle implicazioni sociali della telefonia mobile, “le coppie usano i cellulari, SMS o messaggistica istantanea come WhatsApp, per dirsi carinerie, mettersi d’accordo o per gestire il quotidiano e prendere decisioni minori, come comprare qualcosa per la casa. Le applicazioni più avanzate permettono di inviare fotografie all’istante o anche messaggi vocali, divenendo quindi il mezzo ideale perché le coppie siano in costante contatto, senza bisogno di parlare davanti agli altri, preservando quindi l’intimità. Essendo gratuiti, inoltre, possono essere usati continuamente”.

Come ogni nuova tecnologia, però, WhatsApp deve essere ben utilizzato per evitare problemi, visto che le particolarità di questo canale possono provocare rapporti più freddi, ansia e paradossalmente mancanza di comunicazione all’interno della coppia.

E quelli negativi?
Una delle questioni che possono diventare motivo di conflitto è il fatto che WhatsApp o altri sistemi di comunicazione istantanea sono appunto “istantanei”, il che implica che l’utente deve essere disponibile tutto il tempo e deve rispondere rapidamente ai messaggi che gli vengono inviati. “Non importa se sei al lavoro, stai facendo sport o sei a un funerale. Non importa neanche se il tuo messaggio ha fatto doppio ‘check’. La risposta deve essere istantanea. Se permetti che questa dinamica si applichi al tuo rapporto di coppia, la polemica è servita”, osserva Hoyos.

In alcune persone questo può provocare ansia, e a volte sfiducia o dubbi: “Perché non risponde?”, “Dove sarà?”. “Bisogna saper amministrare la propria connessione, altrimenti WhatsApp può danneggiare la privacy”, ha spiegato lo psicologo Pablo Viudes. “La disponibilità delle persone è la base della loro autoaffermazione”, ha aggiunto. “Se non puoi rispondere, non puoi”.

Gli esperti consigliano di parlare con il partner quando si presentano situazioni che possono provocare malintesi. La freddezza è un altro degli aspetti che preoccupano maggiormente nel mondo virtuale, e nella coppia può essere ancor più grave. Gli apparecchi tecnologici devono essere strumenti di appoggio, ma non potranno mai sostituire un appuntamento con il coniuge, una parola affettuosa o un abbraccio. Bisogna saper usare ogni cosa nel modo adeguato, di modo che nessuno venga danneggiato.

Allo stesso tempo, si suggerisce di non usare questo canale di comunicazione in modo esclusivo per interagire con il coniuge, combinandolo invece con il tradizionale e mai obsoleto contatto fisico. Dedicare un tempo settimanale per condividere con il coniuge è fondamentale. Deve essere un momento di intimità per godere della compagnia dell’altro e poter parlare di tante cose che le corse della vita quotidiana fanno accantonare.

In realtà il problema non è WhatsApp né lo smartphone, ma il cattivo uso che se ne fa. Anche se può essere uno strumento fantastico, può essere un ostacolo al rapporto coniugale.

Fonti: LaInformacion.com, LaVanguardia.com, CasaCocheCurro.com.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
smartphonetecnologiawhatsapp
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni