Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconChiesa
line break icon

Come si riceve l’Eucaristia: sulla lingua o in mano?

P.RAZZO/CIRIC

Aleteia - pubblicato il 12/09/14


Qual è il modo più rispettoso e corretto per ricevere l'Ostia consacrata?

La legge vigente della Chiesa latina stabilisce che la santa Comunione si riceva sulla lingua. Il 29 maggio 1969 la Congregazione per il culto divino, con l’istruzione Memoriale Domini, ha poi offerto alle Conferenze episcopali di poter chiedere per i fedeli di ricevere la Comunione sulla mano.Vari indulti concessi alle Conferenze episcopali che ne hanno fatto debita richiesta alla Santa Sede concedono che la santa Comunione possa essere ricevuta anche sulla mano, pur senza mai escludere il modo tradizionale di riceverla direttamente in bocca. L’Ordinamento Generale al Messale Romano al n. 161 afferma: “Il comunicando…riceve il sacramento in bocca o, nei luoghi in cui è stato permesso, sulla mano, come preferisce”.

La Conferenza episcopale italiana ha fatto questa richiesta nel 1989 e la possibilità è entrata in vigore il 3 dicembre dello stesso anno. Come ricevere l’ostia sulla mano? Ecco il testo del decreto dei vescovi italiani:  «Particolarmente appropriato appare oggi l’uso di accedere processionalmente all’altare ricevendo in piedi, con un gesto di riverenza, le specie eucaristiche, professando con l’"Amen" la fede nella presenza sacramentale di Cristo. Accanto all’uso della comunione sulla lingua, la Chiesa permette di dare l’eucaristia deponendola sulla mano dei fedeli protese entrambe verso il ministro, (la sinistra sopra la destra), ad accogliere con riverenza e rispetto il corpo di Cristo. I fedeli sono liberi di scegliere tra i due modi ammessi. Chi la riceve sulle mani la porterà alla bocca davanti al ministro o appena spostandosi di lato per consentire al fedele che segue di avanzare. Se la comunione viene data per intenzione, sarà consentita soltanto nel primo modo» (n° 14-15).

È evidente che al di là del modo di ricevere la santa Comunione (in bocca o sulla mano) l’atteggiamento interiore ed esteriore deve sempre essere ispirato a grande rispetto e somma pietà. Si tratta, infatti, di ricevere non semplicemente un segno sacro, ma il sacramento del Corpo del Signore veramente, realmente e sostanzialmente (cfr. Concilio Tridentino) presente sotto le specie del pane e del vino.

Anche le due posizioni del corpo nel ricevere la santa Comunione (in ginocchio o in piedi) sono ugualmente permesse. L’Ordinamento Generale del Messale Romano (III edizione) al n. 160 afferma: “I fedeli si comunicano in ginocchio o in piedi, come stabilito dalla Conferenza Episcopale…”. La determinazione dei gesti relativi alla recezione della santa Comunione deve essere desunta sia dalla tradizione liturgica, sia dalla natura intima del dogma della fede. Infatti, alla maggior comprensione del dogma corrispondono quei gesti che ne riflettono il suo contenuto con maggior efficacia. È così che lo sviluppo della dottrina eucaristica nei secoli è correlato a segni sempre più espliciti di adorazione al grande Mistero. In questa prospettiva si potrebbe riconoscere che ricevere la santa comunione in ginocchio e in bocca sia un gesto del tutto proprio al mistero che si riceve e più incline a suscitare il senso dell’adorazione e della pietà, mentre la recezione della santa Comunione in piedi e in mano, senza una costante vigilanza su se stessi, potrebbe indurre ad un rapporto col sacramento più superficiale e  meno adorabile.

L’accesso processionale dei fedeli alla mensa eucaristica può essere realizzato sia che la Comunione si riceva in piedi, sia che la si riceva in ginocchio.

Tags:
liturgia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni