Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 27 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
home iconNews
line break icon

Esiste la giustizia?

© Public Domain

Anna Pelleri - Aleteia - pubblicato il 09/09/14

Dal mondo delle carceri una riflessione sul vero significato della parola giustizia

Sovraffollamento e indulto. Problema, soluzione. Ci hanno abituato a parlare del tema delle carceri solamente in questi termini. La mentalità comune identifica i dentenuti completamente con il loro reato e duqnue li rittiene meritevoli solo di passare il resto dei loro giorni in carcere.

Chi si chiede, invece, che cos’è davvero la giustizia, non trova nel sovraffollamento il vero problema, nell’indulto una soluzione e parte da nomi e cognomi, cioè da persone che sono ben oltre il loro reato. In Italia questo accade in pochi luoghi, come a Padova, dove la Cooperativa Giotto ha sviluppato un progetto di formazione e lavoro all’interno del carcere Due Palazzi. Occuparsi del tema delle carceri diventa allora parte di una scommessa educativa sulle persone detenute, sul loro cambiamento attraverso il lavoro. E questo spesso accade con risvolti sociali ed economici davvero rilevanti: recidiva al 2%, costi minori e quindi risparmi per lo Stato da destinare ad altro. Perché allora progetti come questo non divengono il perno delle politiche sul tema delle carceri? E’ forse necessario riconquistare il senso vero della "giustizia"?

Aleteia ne ha parlato con Nicola Boscoletto, presidente di Officina Giotto.

Boscoletto, parliamo di giustizia. Come suona questa parola a chi come voi opera da 25 anni nel mondo del carcere?

Boscoletto: Dico una cosa che per la mia esperienza è chiarissima ma che penso possa comprendere bene anche chi non ha a che fare direttamente con il mondo del carcere. Nessuno riuscirà mai ad assicurare giustizia piena. Certo alcune aspettative di singoli potranno trovare soddisfazione, ma la giustizia in senso pieno è impossibile da raggiungere. Ci sono momenti storici più “giusti” (certamente preferibili), ma la giustizia piena non si raggiunge in questo mondo. Ad esempio sto cercando di aiutare i miei figli ad abituarsi all’idea che per tutta la vita ci potranno essere ingiustizie, e che andranno certamente affrontate, ma non con il problema di ottenere un’utopica giustizia totale, ma imparando a stare di fronte alla realtà, che a volte comporta anche torti e sacrifici.

La giustizia è comunque una necessità dell’uomo. Cosa ci possiamo aspettare realisticamente?

Boscoletto: È necessario passare dalla giustizia immediata, terrena, a una giustizia che non viene da mani d’uomo, e tanto meno dai magistrati che spesso si attribuiscono un valore onnipotente. Se si ricordassero che amministrano la giustizia da uomini, quali sono, e che l’uomo in quanto tale sbaglia, avremmo una giustizia più giusta. La giustizia in questo mondo non è assoluta e l’uomo non è perfetto. Per questo prima di tutto si dovrebbe togliere dai tribunali la frase “la legge è uguale per tutti” e non certo per giustificare disuguaglianze di trattamento. Spesso situazioni identiche vengono giudicate in modo opposto. Ogni giorno incontro esempi di questa applicazione discordante della legge e vedo i torti che subiscono molte persone.

L’esperienza cristiana in che modo aiuta a vivere questa giustizia?

Boscoletto: Quello che manca e che riguarda tutti, non solo i credenti, è la dimensione religiosa, che non vuol dire essere cristiani o mussulmani o buddisti. Mi riferisco a quelle domande di senso che l’uomo ha di fronte a tutto, alle situazioni favorevoli e a quelle difficili. Che senso ha ciò che accade? Questa dimensione religiosa, questa ricerca del senso ultimo propria di ogni uomo è stata ridotta. È necessario togliere tutte le macerie che la soffocano. In questo modo – io l’ho visto con i miei occhi – in qualsiasi condizione si trovi, anche nel carcere peggiore, l’uomo ridestato può esprimere la domanda, il senso religioso e cercare la risposta. Che approdi poi all’esperienza cristiana, mussulmana, buddista in un certo senso è secondario. A noi è capitato di trovare la risposta nell’esperienza cristiana. E io ne sono contento perché credo sia quella che dà il massimo del senso e della concretezza nel presente: non riguarda cioè promesse per il futuro ma il mio vivere quotidiano. Mi fa essere contento adesso.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
carceregiustizia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
4
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni