Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Luglio |
San Pietro Crisologo
home iconNews
line break icon

Un cristiano può credere all’oroscopo?

© HASLOO GPS / SHUTTERSTOCK.com

Aleteia - pubblicato il 08/09/14

Si può credere a “ciò che dicono gli astri”?

Un vero cristiano non crede all’oroscopo. Anche se si tratta di una delle pratiche di superstizione più diffuse nella nostra società, l’oroscopo non serve per predire i futuri atti liberi delle persone. Oltre a questo, il futuro non è effetto dei movimenti o delle posizioni degli astri.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica afferma tassativamente che gli oroscopi devono essere rifiutati.

“Tutte le forme di divinazione sono da respingere: ricorso a Satana o ai demoni, evocazione dei morti o altre pratiche che a torto si ritiene che ‘svelino’ l’avvenire. La consultazione degli oroscopi, l’astrologia, la chiromanzia, l’interpretazione dei presagi e delle sorti, i fenomeni di veggenza, il ricorso ai medium manifestano una volontà di dominio sul tempo, sulla storia ed infine sugli uomini ed insieme un desiderio di rendersi propizie le potenze nascoste. Sono in contraddizione con l’onore e il rispetto, congiunto a timore amante, che dobbiamo a Dio solo” (CCC 2116).

Voler conoscere il futuro è pretendere di essere uguali a Dio – pretesa tanto superba quanto assurda. Dobbiamo affidare la nostra vita alla Provvidenza divina, confidare in Dio come il Padre che è.

La consultazione degli oroscopi non deve essere respinta solo “perché lo dice la Chiesa”. Esistono infatti anche altre motivazioni.

In primo luogo, dobbiamo dire che credere agli oroscopi è pericoloso. È quasi come credere in un’altra religione. Esistono persone che cercano di farci credere che non siamo liberi, ma che tutto è determinato dal nostro segno zodiacale. Non è la persona a realizzare la propria vita, ma tutto il suo agire è diretto da una forza estranea proveniente dalle stelle.

Nulla di ciò che affermano gli oroscopi è scientificamente provato. Quello che dicono sulle persone del Sagittario, ad esempio, lo diranno domani per quelle dei Pesci. È triste il fatto che si continuino a scrivere oroscopi, ma ancor peggiore è sapere che esistono persone che credono a tutto ciò che leggono.

Cosa si può fare nel campo dell’educazione, soprattutto nella formazione spirituale?

Bisogna istruire l’intelligenza e la coscienza. L’oroscopo è effetto dell’antica astrologia, non dell’astrologia naturale, che è madre dell’astronomia. Si tratta dell’astrologia giudiziaria, che si impegnava a scoprire l’influenza degli astri sul destino degli uomini e delle cose. In questo senso, è necessario collocarlo all’interno del fenomeno più ampio delle “arti di divinazione”, tra le quali la divinazione di ciò che avverrebbe ogni ora aveva molto peso tra i persiani e gli egizi (“oros-scopeo” significa “ore-guardare”). Gli astrologi antichi osservavano l’universo ogni ora, in ogni periodo, sperando di trovarvi dalla previsione del clima alle cause o agli avvisi degli eventi sociali, bellici, religiosi o sanitari.

Bisogna analizzare anche gli aspetti storici dell’astrologia e riconoscere i suoi effetti nella cultura. L’astrologia giudiziaria si è divisa, a volte, in vari settori: quella mondiale, che guarda ai processi nella storia e nella politica; quella genetica o individuale, per predire gli eventi personali; quella oraria o di consultorio, che cerca la risposta, mediante consultazione, alle domande concrete delle persone interessate.

È evidente che la predizione prospettiva, l’analisi dei risultati che dipendono da variabili osservabili, più che divinazione è predizione e previsione, con maggiore o minore grado di probabilità. Così accade con il tempo atmosferico o con l’evoluzione di una malattia. Ma la predizione di ciò che avviene per cause libere è evidentemente un inganno, una predizione giocando d’azzardo, al calcolo delle probabilità, che è ciò che accade nelle lotterie e nella maggior parte dei pronostici umani.

  • 1
  • 2
Tags:
astrologiamagiaoroscopo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
7
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni