Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconChiesa
line break icon

Quel San Francesco così attuale della Leggenda dei tre compagni

© Public Domain

Emanuele D'Onofrio - Aleteia - pubblicato il 08/09/14

In uscita una nuova edizione del piccolo testo biografico scritto alla metà del Duecento

Un nuovo capitolo si aggiunge all’affascinante storia delle fonti francescane. La cosiddetta Leggenda dei tre compagni è il testo che risale al 1246 e che deve il suo titolo alla lettera insieme alla quale venne reso pubblico molti anni fa. Lettera firmata dai tre compagni di Francesco: Leone, Rufino ed Angelo. In realtà, lo si capì nel corso dei secoli successivi, quei tre nomi non avevano nulla a che vedere con la composizione del testo, dal momento che quella lettera venne aggiunta solo successivamente. Tuttavia il titolo del testo è rimasto, insieme però ad un certo alone di mistero rispetto a chi fosse il vero autore. Oggi una nuova edizione della Leggenda dei tre compagni (Paoline, 2014) ci offre un’ipotesi davvero suggestiva: a scriverla sarebbe stata un laico, concittadino e contemporaneo di Francesco. Ne parliamo con colui che è giunto a questa conclusione, e che ha ritradotto e curato questa edizione, don Felice Accrocca, docente di Storia della Chiesa presso la Pontificia Università Gregoriana.

Che Francesco ci racconta questo testo?

Accrocca: La Leggenda dei tre compagni si concentra sul percorso di conversione di Francesco. I tre quarti del testo ci parlano dei primi anni. Questo fa sorgere tante domande. Probabilmente all’inizio questo testo non era tanto una vita completa, ma si proponeva di scrivere alcune fasi della vita di Francesco sulle quali la prima opera, quella di Tommaso da Celano, era stata molto negativa. Tommaso aveva dipinto un Francesco pre-conversione come un “debosciato”, come un uomo eccessivamente vanitoso, i genitori come eccessivamente tolleranti. Aveva dato una visione piuttosto negativa della famiglia e anche della classe mercantile di Assisi della quale quella era espressione. Per questo la città di Assisi reagì duramente. Bisogna tener presente che la vita di un santo era un volano pubblicitario nel Medioevo, e gli assisiani non ci stavano alla rappresentazione ombrosa che Tommaso aveva dato di loro. Tra l’altro potevano dire: “noi l’abbiamo conosciuto molto più di te”. Per questo, quando a circa venti anni dalla morte di Francesco emerge il bisogno di completare la prima vita di Tommaso, perché ci si rende conto che molte cose erano rimaste fuori, gli assisiani capiscono che è il momento di dire la loro. Fanno scrivere allora ad uno del luogo questo testo. È difficile dire a chi, ma la mia proposta è che questa sia l’unica “vita” di tutto il corpus delle fonti agiografiche su Francesco che è scritta da un non frate, se non addirittura da un non chierico. E questo autore, deputato dai cittadini, dalle classi più potenti e forti, riscrive, usando fonti precedenti e ricordi personali di chi aveva conosciuto Francesco, le prime fasi di quella storia. O meglio, a quelle prime fasi dedica un’attenzione particolare. La fonte si rivela preziosissima perché contiene una miniera di informazioni inedite: sono episodi straordinariamente belli, tanto poi che Tommaso da Celano, completando la sua prima opera, se ne servirà. Io lo considero un testo di prim’ordine, con cui i compagni di Francesco hanno poco a che fare. Sono i concittadini di Francesco, i laici, che descrivono il loro Francesco.

Così essi si riappropriano di colui che avevano allontanato?

Accrocca: In qualche modo è così. I cittadini di Assisi erano anche dei buoni commercianti, Tommaso lo dice già e tutte le fonti lo mostrano con chiarezza. Essi avevano tutto l’interesse a riappropriarsi già del corpo di Francesco, tanto che negli ultimi mesi di vita lo fanno scortare dalle guardie armate per paura che lui muoia altrove ed altri se ne impossessino. È una storia non sempre edificante la loro, ma quando Tommaso dà una visione così negativa nella quale la loro città viene colpita, considerano questa una pessima operazione di marketing a loro danno, e tentano in qualche modo di dare una visione più oggettiva delle cose. È così che ci danno tante informazioni di prima mano, spesso confermate dal confronto con altre fonti. Ad esempio, questa è l’unica fonte che ci dice che il padre di Francesco, durante lo scontro con il figlio, lo cita davanti ai consoli. E Francesco non va dai consoli perché si ritiene al servizio di Dio e così facendo si pone sotto la tutela di un altro foro, quello ecclesiastico. È allora che il padre lo fa chiamare dal vescovo. L’unica fonte che faccia menzione dei consoli in questa vicenda è la Leggenda, ma è vero che quegli anni sono gli ultimi ad Assisi della fase consolare prima del passaggio alla fase del potestà. Ci troviamo di fronte ad una fonte che va presa in grande considerazione.

  • 1
  • 2
Tags:
san francesco d'assisistoria della chiesa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni