Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 18 Giugno |
Beato Joseph-Marie Cassant
home iconChiesa
line break icon

Il Papa a Sant’Egidio: la guerra non ripara le ingiustizie

AFP/Alberto Pizzoli

Radio Vaticana - pubblicato il 08/09/14

"Il rispetto reciproco, il dialogo e la cooperazione aiuteranno a bandire il sinistro fantasma del conflitto armato"

di Francesca Sabatinelli

Rispetto, dialogo e cooperazione, sono le armi con le quali sconfiggere le guerre. La parola di Papa Francesco arriva forte ai leader religiosi, ma anche ai politici e agli intellettuali, riuniti qui ad Anversa per l’incontro di Sant’Egidio. Il Papa fa riferimento ai conflitti che insanguinano i nostri giorni, partendo dalle lezione impartita cento anni fa dallo scoppio della prima guerra mondiale: “Questo anniversario – dice Francesco – ci insegna che la guerra non è mai un mezzo soddisfacente a riparare le ingiustizie e a raggiungere soluzioni bilanciate alle discordie politiche e sociali”. Ogni guerra, aggiunge Francesco  citando Benedetto XV nel 1917: “è una inutile strage”.  “La guerra trascina i popoli in una spirale di violenza che poi si dimostra difficile da controllare, demolisce ciò che generazioni hanno lavorato per costruire e prepara la strada a ingiustizie e conflitti ancora peggiori”.

Il Papa non cita direttamente alcun luogo di conflitto, ma parla delle ‘guerre’ che oggi affliggono gli uomini, rovinano la vita a giovani e anziani, avvelenano la convivenza tra gruppi etnici e religiosi diversi, costringendo intere comunità all’esilio, non si può rimanere passivi di fronte a tanta sofferenza e a tanti “inutili stragi”. Ecco quindi che le varie tradizioni religiose, unite dallo Spirito di Assisi, possono dare un contributo alla pace, con la forza della preghiera e del dialogo. “La guerra – aggiunge il Papa – non è mai necessaria, né inevitabile”. Si può trovare sempre un’alternativa: è la via del dialogo dell’incontro e della sincera ricerca della verità.

Francesco invita quindi i leader religiosi riuniti in Belgio affinché “cooperino con efficacia all’opera di guarire le ferite, di risolvere i conflitti” e li richiama “ad essere uomini e donne di pace”. Le nostre comunità, conclude il messaggio, siano “scuole di rispetto e di dialogo con quelle di altri gruppi etnici o religiosi, luoghi in cui si impara a superare le tensioni, a promuovere rapporti equi e pacifici tra i popoli e i gruppi sociali e a costruire un futuro migliore per le generazioni a venire”. 

Quale il senso di questo incontro in un momento in cui in molte parti del mondo la parola pace è stata svuotata del suo significato?Francesca Sabatinelli lo ha chiesto a Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio:

R. – E’ un clima di guerra, dal Medio Oriente al conflitto tra Russia e Ucraina, a tanti conflitti ancora aperti in Africa,  penso particolarmente al Centrafrica. E dunque, ci si chiede che cosa significhi parlare di pace in un momento in cui la guerra sembra prevalere, perché ancora molti pensano – purtroppo – che l’unico modo per sconfiggere la guerra sia con altra guerra. Invece, qui ad Anversa, con tanti leader religiosi da ogni parte del mondo, seguendo lo Spirito di Assisi, noi siamo convinti esattamente del contrario: che l’unico modo per superare la guerra sia vincerla con la pace.

D. – L’Africa è sempre stata nel cuore di Sant’Egidio e di questi incontri, e anche quest’anno, tra i tanti panel, ve ne sono dedicati a questo continente. Ce ne sarà uno, in particolare, sulla Nigeria, Paese che sta vivendo un momento di forte violenza a causa dell’avanzata di "Boko Haram"…

R. – E’ molto interessante il fatto che in tante crisi africane, come in Nigeria o in Centrafrica, ci sia un nuovo ruolo delle religioni per la pace. Questo conferma come l’intuizione di Giovanni Paolo II, nel 1986 ad Assisi, sia stata profetica. Cioè, ridare alle religioni il ruolo di pacificatori nel mondo. Per quanto riguarda in particolare il conflitto nigeriano, si tratta ora di chiamare i cristiani, sia cattolici che protestanti, e i musulmani che seguono la via giusta dell’islam, a individuare come sia possibile isolare il discorso di "Boko Haram" dalla religione. Noi vogliamo, cioè, evitare qualsiasi ambiguità tra religione e violenza, eliminare tutte quelle ambiguità che ancora esistono in certi personaggi che si appropriano della religione per portare avanti un discorso violento di guerra. Questo è lo scopo, anche, del panel particolare sulla Nigeria: separare, cioè, la religione dalla violenza.

  • 1
  • 2
Tags:
comunità sant'egidiopapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
7
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni