Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 18 Giugno |
Beato Joseph-Marie Cassant
home iconChiesa
line break icon

Da qui “Pippo il Buono” iniziò il giro delle sette chiese

Public Domain

<span style="font-family:arial, sans-serif;font-size:13px;">Francis taking possession of Lateran Basilica</span>

La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 06/09/14

Iniziò con una semplice passeggiata tra amici uno dei più popolari pellegrinaggi della cristianità

Di amico in amico… Iniziò proprio così, con una semplice passeggiata tra amici, la consuetudine di uno dei più popolari pellegrinaggi, l’ormai proverbiale giro delle sette chiese. Siamo a Roma, anno del Signore 1551, più precisamente maggio. Padre Filippo Neri e i suoi discepoli cominciarono, durante le loro scampagnate, a fare visita alle chiese giubilari, ovvero ai luoghi più cari della memoria cristiana, riprendendo, in realtà, un’antica tradizione dei pellegrini medievali che erano soliti recarsi a pregare sulle tombe degli Apostoli. Dall’esiguo nucleo iniziale, Filippo riuscì a coinvolgere migliaia di partecipanti, istituendo una pratica religiosa ancora in vita. 

Dal sagrato della Chiesa di Santa Maria in Vallicella, poi Chiesa Nuova, si avviavano verso la prima tappa obbligatoria, San Pietro, e in due giorni di cammino raggiungevano la basilica di San Paolo, le catacombe di San Sebastiano, San Giovanni in Laterano, San Lorenzo fuori le Mura, Santa Croce in Gerusalemme e Santa Maria Maggiore. Ci incamminiamo anche noi sulle orme di San Filippo Neri partendo proprio dalla chiesa divenuta sede della congregazione da lui fondata. 

Nella stessa bolla con la quale Gregorio XIII riconosceva la neonata Congregazione dell’Oratorio, il pontefice le affidava contestualmente la chiesa di Santa Maria in Vallicella, nonostante le precarie condizioni dell’edificio dovute alle continue esondazioni del Tevere e alla sua veneranda età.  Pare, infatti, che una primitiva costruzione fosse presente fin dal VI secolo, dai tempi di Gregorio Magno. Fu commissionato all’architetto Matteo di Città di Castello il progetto di quella che fu subito battezzata Chiesa Nuova sorta, in principio, a navata unica, con cappelle laterali, e triplicata successivamente su progetto di Giacomo della Porta. Consacrata nel 1599, solo nei primi anni del 1600 fu dotata di facciata a due ordini di lesene e timpano triangolare, la cui superficie è aperta al centro da una finestra con balaustra, al fianco della quale due nicchie contengono i simulacri di San Gerolamo e San Gregorio. 

A dispetto di quanto auspicato da S. Filippo Neri, "Pippo il Buono" per i romani, che lo avrebbe preferito semplicemente imbiancato, l’interno, sontuoso e barocco, venne decorato da Pietro da Cortona che intervenne nella volta a botte che copre la navata centrale, nella cupola e nell’abside affrescando, rispettivamente La Madonna e San Filippo, il Trionfo della Trinità e l’Assunta tra Angeli e Santi. La pala dell’Altare Maggiore venne richiesta a Pietro Paolo Rubens che realizzò una Madonna con Bambino e Angeli sotto cui si conserva la miracolosa immagine trecentesca della Vergine che prodigiosamente sanguinò, colpita da un sasso, nel 1535. Ai suoi lati altre due opere del maestro fiammingo, lastre di ardesia con riproduzioni di santi, sono gli unici suoi lavori rimasti a Roma.

Per chi desiderasse intraprendere il pellegrinaggio l’appuntamento è per il prossimo 19 settembre sul sagrato della chiesa.

Leggi qui l’originale

Tags:
pellegrinaggio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni