Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 14 Aprile |
Beato Rolando Rivi
home iconNews
line break icon

Sako sprona i cristiani: tre consigli per uscire dallo stallo dell’Iraq

AP Photo

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 05/09/14

Il patriarca: più attenzione ai profughi. Segnalati primi casi di lebbra. La solidarietà dei sunniti

Tre linee guide per uscire dallo stallo in cui si trova l’Iraq ad un mese esatto dall’offensivo degli estremisti islamici dell’Isis. Le consegna il Patriarca di Babilonia dei Caldei, Louis Raphael I Sako in una lettera inviata alle agenzie cattoliche internazionali Asianews e Fides (4 settembre). 

SAKO DENUNCIA: GOVERNO INCAPACE
Contro l’aggressione dei jihadisti dello Stato Islamico, che ha provocato l’esodo da città in città della Piana di Ninive di centinaia di migliaia di iracheni, tra cui circa 120mila cristiani, yazidi ed altre minoranze, si è fatto troppo poco secondo il Patriarca: «Si è manifestata una incapacità della macchina del governo a garantire ordine e rispetto della legge».

SQUADRA E COMITATO PER I CRISTIANI
Pertanto Sako invita i cristiani a creare una sorta di «squadra» che fronteggi la crisi, raccogliendo dati accurati sul numero e la dislocazione delle famiglie rifugiate, in modo da richiedere al governo il dovuto risarcimento per i danni subiti e la perdita delle proprietà a opera dei jihadisti e dei loro sostenitori. Viene proposta anche la creazione di un «comitato per l’educazione», che censisca lo status accademico e le cifre degli studenti sfollati, per poi chiedere al governo del Kurdistan di ospitarli nelle scuole e nelle università e impedire così che perdano l’anno scolastico. 

SICUREZZA PER I PROFUGHI
Il Patriarca suggerisce pure di appellarsi al Consiglio di Sicurezza Onu per il futuro delle aree cadute sotto il controllo dell’auto-proclamato “Califfato Islamico”. La proposta è la realizzazione di «una forza di peace-keeping in collaborazione con le forze di sicurezza irachene e i Peshmerga curdi, al fine di liberare la Piana di Ninive» e di garantire la sicurezza ai profughi di ritornare ai propri villaggi nativi, dove i loro antenati vivevano «da migliaia di anni».

IN FUGA GRAZIE AI SUNNITI
Intanto si moltiplicano le storie di cristiani riusciti a sfuggire alla furia dei fanatici grazie alla solidarietà dei musulmani moderati. Un gruppo a Mosul, si è dovuto addirittura travestire da sunnita per evitare le minacce degli jihadisti. «Il primo a cui ci è venuto in mente di chiedere aiuto è stato proprio il nostro vicino di casa, Abu Mahmoud, sunnita», racconta ad Adnkronos International (4 settembre) un cittadino cristiano residente nel quartiere di al-Barid. Ed è stato lui a prendersi carico di tutta la famiglia, chiedendo alle donne di indossare il niqab per sfuggire ai controlli.       

TIMORI DI EPIDEMIE DI LEBBRA
Ogni fuga dalla furia dei fanatici conduce nei campi profughi, dove attualmente sono ammassati migliaia di cristiani. Ed è in queste enormi distese di tende che la situazione inizia a farsi critica. «Abbiamo paura che i problemi sanitari si convertano in epidemie. Si sono verificati, infatti, già diversi casi di lebbra», denuncia don Benham Benoka, il parroco di Ankawa, sobborgo a maggioranza cattolica di Erbil, che nei giorni scorsi ha ricevuto la telefonata di Papa Francesco. Don Benham ha raccontato ai microfoni di Tv2000 (4 settembre), la drammatica situazione che stanno vivendo migliaia di cristiani all’interno del campo rifugiati ad Ankawa. 

Tags:
cristiani perseguitati in iraqiraqisis
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
5
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
6
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni