Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ascoltare gli esclusi, per ritrovarci al cuore di noi stessi

© Trey Ratcliff - stuckincustoms.com / Flickr
This is Manea 

Manea's dream is to go back to Romania and find his mother. He smiles inside his beard, looking upward.

 

Manea is currently homeless and thinks his mother may be dead, or worse, she may not remember him.

 

Recommended Viewing: Large On Black

 

All Rights Reserved - Trey Ratcliff - From Stuck In Customs www.stuckincustoms.com
Condividi

Un nuovo libro ci invita a percorrere alcune strade delle “periferie esistenziali”

“Ci dobbiamo s-collocare”, oltrepassando i nostri consueti punti di vista per capire davvero la realtà. Questo era stato l’invito di papa Francesco nel novembre del 2013 ai Superiori Generali. Il testo intero di quell’esortazione compare, come ad indicare la direzione agli autori, nelle prime pagine di Esclusi. Nelle periferie esistenziali con papa Francesco, il libro ora in libreria di Nandino Capovilla e di Betta Tusset (Paoline, 2014), che racconta otto storie di emarginazione e di indifferenza. Eppure, man mano che ci si inoltra nella lettura di queste storie, si comincia a sentire che “gli esclusi” non sono coloro che camminano ai bordi della società, ma noi stessi, che lo siamo in qualsiasi momento ci “chiudiamo” all’ascolto della realtà che abbiamo intorno. Per questo gli autori nell’introduzione del libro, che include anche la prefazione dell’ex-ministro all’integrazione On. Cécile Kashetu Kyenge, chiedono di lasciarsi “coinvolgere insieme a noi dai nostri amici che la vita ha reso ‘scarti’ scomodi o addirittura invisibili. Fino a che, piano piano, incoraggiati dalle parole e dai gesti di papa Francesco, da vicini di treno proveremo tutti a divenire compagni di viaggio”. Aleteia ha intervistato uno degli autori, don Nansino Capovilla, ex-coordinatore di Pax Christi Italia.

Chi sono gli esclusi, nel 2014?

Don Nandino: L’occhio corre sempre al titolo, di un evento o di un libro. Anche in questo caso il titolo colpisce per la sua essenzialità, ma anche per la storia che racchiude o per le evocazioni che sono in questa parola, “esclusi”. C’è dunque una storia di esclusione, vedere l’umanità con gli occhi degli uomini, uomini che guardano per forza di cose “da un punto di vista”, da un paese, da Nord, da Sud, dall’alto, dal basso, dalla ricchezza o dalla povertà. Questo presuppone quindi un punto di osservazione. Nella storia questo approccio ha fatto sì che nascesse un progetto politico, una dittatura, da una parte o dall’altra, o di altre situazioni di esclusione, anche di popoli interi. In questo s’inserisce anche il messaggio evangelico che invece parte da un’alleanza di fondo e da una figliolanza che ci fa uguali. E allora per parlare di esclusione io non temerei di fare riferimento anche a periodi storici che magari hanno una loro ambiguità, dove questa stagione ha prodotto anche lotta di liberazione, non temerei – e mi sembra che sia anche la linea di papa Francesco, “non temiamo” – di dover prendere atto di un’esclusione che ci vede accondiscendenti, troppo poco attenti a capirne le conseguenze. La Chiesa stessa è stata spesso troppo leggera nell’accordare un’approvazione a progetti di esclusione. Quindi il libro parla del presente che ci consegna il messaggio evangelico che tutte le mattine da Santa Marta risuona fortissimo per noi cristiani, un messaggio che soprattutto diventa una presa di coscienza per il mondo laico di quanto oggi la Chiesa stia veramente proponendo un progetto di convivenza umana che parte proprio dall’idea che nessuno va escluso

Chi sono le persone di cui ci raccontano le storie?

Don Nandino: Sono le persone che incrociamo nella quotidiana accoglienza della nostra piccola comunità cristiana, ma che diventano storie di tutti coloro che possiamo incontrare sul bus o alla stazione. La differenza consiste nel fatto che negli incontri quotidiani che facciamo per la strada “l’altro” ci fa paura. Soprattutto, sentiamo il bisogno di definirlo: barbone, clochard, senzatetto, un possibile pericolo per la mia incolumità. Eppure quando gli si aprono le porte, come accade nella nostra piccola comunità, coloro che vengono a fare colazione la domenica mattina e nei giorni di festa diventano immediatamente fratelli. È curioso, sappiamo che è così, però la predisposizione ci fa immediatamente dire “queste storie di chi sono?”. Sono storie di migranti, di persone che vivono nel pianerottolo lì davanti, italiani, stranieri, donne e uomini. Le più diverse. In questo caso metà italiani e metà no.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni