Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconStile di vita
line break icon

La piattaforma digitale di Scholas per collegare le scuole di tutto il mondo

Aleteia - pubblicato il 04/09/14

Globant, Line64 e Google hanno partecipato all'ideazione, elaborazione e messa on-line del sito

“Costruire la Pace attraverso l’Educazione e la Tecnologia”. Queste le parole con cui Scholas ha presentato questo mercoledì la prima piattaforma on-line collaborativa, multireligiosa e aperta a tutta la comunità educativa, che cerca di collegare istituzioni educative di tutto il mondo e trasformare in realtà i loro progetti.

L’annuncio è stato preceduto da un’intensa settimana di attività nel contesto del III Congresso Educativo Mondiale di Scholas.

Lunedì 1° settembre, papa Francesco ha aperto l’incontro con un’udienza nell’Aula Paolo VI alla quale hanno partecipato i giocatori e i familiari dei calciatori che sarebbero poi stati i protagonisti della prima partita interreligiosa per la pace.

“La tecnologia e l’educazione sono fondamentali per combattere le radici della violenza”, ha affermato José María del Corra, direttore mondiale di Scholas, durante la conferenza stampa nell’Aula vaticana. “Possono aiutare ad abbattere le barriere fisiche che ci separano e i pregiudizi sulla via della Pace”, ha aggiunto.

La nuova Piattaforma Scholas.Social unirà le istituzioni educative di tutti i credo e le culture del mondo, per costruire uno spazio che generi la cultura dell’incontro. Il sito fa sì che alunni e docenti scambino esperienze per imparare gli uni dagli altri e condividere quei progetti che richiedono un aiuto extra, sia che si tratti di risorse finanziarie che di volontari. Questi ultimi possono percorrere la piattaforma e accedere facilmente alle scuole e ai loro progetti per identificare quali sono quelli che possono avvalersi maggiormente del loro aiuto.

L’iniziativa è ispirata a due progetti creati dal cardinal Bergoglio quando era arcivescovo di Buenos Aires: la Escuela de Vecinos e Escuelas Hermanas. Entrambi i progetti si concentrano sulla condivisione delle problematiche degli studenti di quartieri di diversa estrazione sociale per cercare soluzioni in modo congiunto, promuovendo così la partecipazione e lo scambio. Scholas è nata un anno fa nella stessa città, quando papa Francesco ha raccomandato di costruire una rete di scuole che potesse cambiare il modo in cui imparano gli studenti.

Portare questa idea su scala globale ha richiesto lo sviluppo di una piattaforma robusta ma facile da usare. A questo scopo, tre imprese tecnologiche si sono unite all’iniziativa e hanno offerto il proprio lavoro: l’impresa di sviluppo di software Globant ha progettato e concepito il sito, mentre Line64 ha realizzato la programmazione. Google è stata invece responsabile dell’integrazione degli strumenti educativi Apps per l’educazione.

All’evento erano presenti anche rappresentanti di queste tre imprese: Enrique Palmeyro, anch’egli direttore mondiale di Scholas, e Martín Umaran, di Globant, Santiago Carmuega in rappresentanza di Line64 e Adriana Noreña di Google SpLatam.

Scholas.Social combina varie caratteristiche delle piattaforme sociali e collaborative. Permette agli utenti di elaborare progetti e li incoraggia a partecipare ad altre iniziative offrendo conoscenze, tempo o materiali. La piattaforma promuove questa partecipazione attraerso varie strategie di “gamification”, una tendenza mondiale che implica il fatto di portare le dinamiche del gioco in contesti non ludici per promuovere l’impegno degli utenti. In una seconda tappa del progetto, Scholas e i suoi cooperatori continueranno a includere più strumenti e funzionalità nel sito per continuare a costruire l’Aula del Futuro.

Per conoscere la piattaforma, http://scholas.social

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
educazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
5
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni