Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconChiesa
line break icon

Chi non accetta il sacrificio di Gesù si salva ugualmente?

Grassroot Films

Toscana Oggi - pubblicato il 04/09/14

In che relazione stanno la fede e le opere?

Nella Bibbia, sopratutto nei quattro vangeli e nella Prima Lettera di San Paolo ai Corinzi, si legge che Gesù mentre si trovava a tavola con i dodici apostoli in un primo tempo prese il pane e lo spezzò e in un secondo tempo fece uguale col vino quale segno del suo corpo e del suo sangue versato per noi in remissione dei nostri peccati, poiché ogni volta che mangiamo del suo pane e beviamo il suo sangue siamo stati salvati non tanto per merito delle nostre opere ma per la «Grazia» di Gesù, continua ancora San Paolo. Nell’epistola di San Giacomo si leggono queste parole: «la fede senza le opere è morta a se stessa». Per dire che la fede deve essere e le opere devono viaggiare alla pari. La nostra salvezza sta nell’accettare Gesù come Signore e Salvatore e successivamente arrivano le opere. La mia domanda è questa: chi non accetta il sacrificio di Gesù e non lo riconosce come Signore e Salvatore si salva oppure viene condannato esattamente come dice il Vangelo di Giovanni quando Gesù dialoga col Dottore della Legge Nicodemo (Capitolo 3, Versetti 1-31)?

Marco Giraldi

Per fortuna stabilire chi si salva e chi si danna spetta a Dio solo. Gesù lo dice espressamente: non sono venuto né a giudicare, né a condannare ma per dare la salvezza e la vita, in particolare nei confronti dei peccatori. A maggior ragione noi non possiamo fare giudizi né di condanna né di salvezza, ma solo cercar di capire quali delle azioni di una persona siano buone o cattive. L’uomo è un soggetto etico e quando agisce fa sempre o il bene o il male, che poi quell’uomo andrà all’inferno o in paradiso questo è tutto un altro discorso che rientra nel rapporto tra Dio e quella persona. Perciò dormiamo sonni tranquilli: non spetta a noi giudicare, ma solo voler bene al nostro prossimo. Sottolineo questo aspetto perché è talmente raro che uno (e in particolare proprio tra coloro che si dicono cristianoni) non giudichi il prossimo su questo punto che viene da pensare che Dio abbia delegato tanti suoi fedeli per il giudizio universale.

Tuttavia, come dice il lettore, Gesù ci ha lasciato regole e norme che ci permettono di distinguere un agire buono da un agire cattivo. E di questo ne dobbiamo con lucidità avere cognizione, perché la «condanna» prima che ci venga da Dio, ce la facciamo da soli quando da Lui ci allontaniamo. Infatti se Gesù è venuto per darci la vita e la salvezza, queste ce le dà subito, non dobbiamo aspettare a morire, e la vita che ci promette si attua subito al momento che mettiamo in atto le sue norme. Per esempio se uno riuscisse a amare il prossimo suo e Dio come se stesso: subito è nella vita eterna; così se sa perdonare, essere mite, essere povero: subito è nella vita eterna, non deve aspettare a morire, ma subito deve sentire il beneficio della «vita data in abbondanza» (Gv10,10). Altrimenti si fa di Gesù un millantatore, perché nessuno è venuto indietro dalla morte per dirci come si sta dopo. E di contrappunto vediamo, in genere, che chi fa il male non è che viva bene e sia molto contento, quasi a indicare che è entrato da se stesso nella zona della non-vita.

Che cosa significa essere salvato e in che relazione stanno la fede e le opere? M. Lutero ritiene che il Cristo o ci salva o no. Se la sua incarnazione, che noi accettiamo col battesimo, ci salva, siamo salvi e basta. Le opere, ossia il dopo, ha poco senso, perché se dopo essere stati salvati, spettasse ancora a noi, alle nostre opere, decidere la salvezza o no, allora il Cristo sarebbe servito a poco, solo a dare lo spunto. Così secondo Lutero la salvezza è totale e una volta salvati lo siamo sempre, basta rimanere fedeli a questa fede. La Chiesa Cattolica invece ritiene che il Cristo ci salvi col battesimo (come i protestanti), ma pur essendo «cristiani-salvati» l’uomo è sempre, finché vive, libero di conservarsi nella salvezza seguendo i comandi di Gesù, oppure rinunciare e allontanarsi dalla salvezza. Si pensi alla parabola del figliol prodigo. E questo per una diversa concezione antropologica dell’uomo. Perciò è vero che una volta battezzati i cristiani entrano nella casa di Dio, cioè sono immediatamente salvi, ma finché vivono sulla terra possono «uscirne» perché sono soggetti liberi di aderire o no all’opera divina. È evidente perciò il ruolo che hanno le «opere» – come dice la Lettera di S. Giacomo -, perché Dio non costringe il cristiano a rimanere nel paradiso, nella salvezza, ma una volta che lo ha sottratto al male e lo ha fatto suo figlio (battesimo), comunque l’uomo può decidere di rinunciare e di opporsi a questo atto d’amore gratuito e libero di Dio nei confronti della sua creatura. E quindi se ci sono opere che allontanano da Dio, di conseguenza ci saranno opere che mantengono la comunione con Dio, con buona pace di Lutero.

  • 1
  • 2
Tags:
fedegiudiziosalvezza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
5
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni