Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 23 Ottobre |
San Giovanni da Capestrano
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

E’ vero che chi muore «ci guarda dal cielo»?

© Dennis van de Water/SHUTTERSTOCK

Toscana Oggi - pubblicato il 01/09/14

La comunione perfetta con i nostri cari è in Cristo e si realizzerà nella compiutezza del Regno, quando Dio sarà tutto in tutti (1Cor 15,22-28). Nell’attesa di questa comune «beata speranza», la Chiesa crede in una comunione che ci accomuna anche con coloro che sono già morti in Cristo e «continuano a compiere con gioia la volontà di Dio in rapporto agli uomini e all’intera creazione» (Catechismo della Chiesa Cattolica, 1029). La costituzione dogmatica del Vaticano II sulla Chiesa afferma come il vincolo di unione fra noi e i nostri morti sia l’amore di Dio: «Tutti però [chi è pellegrino sulla terra, chi l’ha lasciata e compie la propria purificazione, chi infine gode della gloria del cielo], in gradi e modi diversi, comunichiamo nella stessa carità verso Dio e verso il prossimo e cantiamo al nostro Dio lo stesso inno di gloria» (Lumen Gentium, 49). E sottolinea come il segno autentico di questa comunione nell’amore che continua a unirci sia la preghiera vicendevole (Lumen Gentium, 50). Questa è la nostra fede, oltre la quale non possiamo dire di più, se non usando un linguaggio metaforico e allusivo. Certamente possiamo dire che i nostri cari ci «guardano e proteggono» dal paradiso. Abbiamo bisogno di parole che siano espressive della nostra esperienza. Al tempo stesso dobbiamo riconoscere come oltre la morte si apre una realtà misteriosa che è oggetto di fede e speranza, esprimibile solo in un modo parziale e, come dicevo, metaforico e allusivo. Il vero paradiso è nella comunione con Cristo: il suo sguardo verso ognuno di noi è pieno di amore misericordioso e amore. La comunione con lui è il vero paradiso nel quale troveremo tutti i nostri cari in quella vita abbondante e definitiva, dove ogni lacrima sarà asciugata e ritroveremo, purificati da ogni macchia, ogni bene vissuto sulla terra (cf Gaudium et spes, 39).

Qui l’articolo originale

  • 1
  • 2
Tags:
aldilàdefuntiparadiso
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
3
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
SQUID GAME, NETFLIX
Annalisa Teggi
Squid game, il gioco al massacro è un mondo senza misericordia
7
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni