Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconNews
line break icon

I cristiani copti in Egitto camminano rasenti ai muri

google

Meeting di Rimini - pubblicato il 29/08/14

Portano tatuata la croce copta a 12 punte, un simbolo che li distingue. E li tradisce, perché li rende riconoscibili e prede di attacchi

Nella sedia carbonizzata non può sedersi più nessuno. Tutto è andato perduto dentro una chiesa copta in Egitto, dove il fuoco è divampato per 15 ore senza che i pompieri riuscissero a spegnerlo, fino a quando il calore ha fatto sgretolare il cemento armato delle colonne. Tutto è andato perduto, meno che la fede di chi è ancora vivo. Un sacerdote raccoglie quel che resta di una Bibbia aperta alla pagina del profeta Daniele: “Ecco noi siamo così, come Daniele in mezzo ai leoni”, commenta. Sul muro si intravede l’immagine di un Cristo e parte della sua mano: “Anche Gesù rimane”.

Per il ciclo di reportages internazionali Storie dal Mondo, curato da Roberto Fontolan e Gian Micalessin, scorrono sullo schermo in D3 le immagini di Walking next to the wall, di Fernando De Haro. Raccontano la vita dei copti, minoranza cristiana in Egitto: “È la testimonianza di un popolo – sottolinea l’autore – della possibilità che esista una minoranza in un Paese a maggioranza musulmana”.

I copti sono cristiani che pregano nella lingua dei faraoni. Portano tatuata la croce copta a 12 punte, un simbolo che li distingue. E li tradisce, perché li rende riconoscibili e prede di attacchi. Eppure non rinnegano la propria fede, non rispondono con la violenza. Resistono, anche se costretti a camminare rasente i muri, come al tempo degli Ottomani.
Non vogliono vivere in un ghetto e questa tenacia nel voler stare dentro la società egizia, di cui sono parte a tutti gli effetti in quanto arrivati nel Paese ben prima di qualunque altro arabo, li rende protagonisti anche se perseguitati. Come in piazza Tahrir, quando scesero come popolo egiziano a chiedere le dimissioni di Mubarak. Una piazza che vide dal 25 gennaio 2011 per tre settimane musulmani e cristiani insieme: “I cristiani proteggevano i musulmani durante la preghiera del venerdì e i musulmani facevano lo stesso per i cristiani la domenica”.

Della primavera araba si impadronirono i Fratelli Musulmani: gli attacchi contro i copti crebbero. Fino al massacro di Maspero. Il 9 ottobre del 2011, al Cairo, una folla pacifica partecipò a una manifestazione per i diritti dei cristiani. Oltre la metà erano donne e bambini, molti portavano candele accese, alcuni pregavano. Racconta un testimone che “arrivati al Maspero, sotto la sede della tv di stato, esplosero spari, poi urla. Non potevo credere ai miei occhi quando vidi i carri armati dell’esercito che andavano addosso alle persone cercando di investirle. Il giorno dopo la conduttrice del telegiornale disse che la folla aveva attaccato l’esercito”. Morirono 22 persone. Afferma un giovane medico: “Essere perseguitato è un vantaggio perché mi costringe a darmi delle ragioni valide per affermare la mia fede”. Un contadino nel cortile della sua abitazione, tra capre e galline, è irremovibile: “Siamo cristiani da sempre, dai tempi di Adamo ed Eva”.
Eppure vivere insieme per molti è la normalità. Nella scuola dei gesuiti le mamme musulmane accompagnano i propri figli. Chiede un sacerdote della scuola: “Chi ha dato alle fiamme i nostri scuolabus? Portano bambini musulmani e cristiani insieme”.

Resistono. Decisi a vivere. Quest’anno sono state indette nuove elezioni, è stato riconosciuto il diritto a costruire nuove chiese e creato un fondo in collaborazione con l’esercito per restaurare quelle devastate. La speranza è che non sia più necessario rasentare i muri. E tornare a camminare insieme.

Leggi qui l'originale

Tags:
cristiani perseguitatimeeting di riminimeeting di rimini 2014
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
7
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni