Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 21 Settembre |
San Matteo
home iconNews
line break icon

Don Fausto Resmini e il mistero dell’anima di Massimo Bossetti

© Public Domain/Facebook

Aleteia - pubblicato il 28/08/14

Da 27 anni cappellano nel carcere di Bergamo è l'unico a incontrare ogni giorno il presunto assassino di Yara Gambirasio

All'inizio della giornata recitano insieme il Pater – i bergamaschi chiamano così la preghiera del mattino e della sera –, le preghiere della tradizione cristiana, mentre Massimo Bossetti stringe tra le mani una foto stropicciata della sua famiglia.

“Pregare è il modo di parlare al mondo che gli è concesso. Parla a Dio”, ha raccontato alla rivista Credere (31 agosto) il cappellano del carcere di Bergamo, da due mesi l'unica persona che può avvicinare l'uomo sospettato di aver ucciso Yara Gambirasio, la tredicenne di Brembate di Sopra scomparsa il 26 novembre 2010 e ritrovata morta il 26 febbraio 2011.

“È in isolamento, guardato a vista – continua don Fausto –. Tuttavia, sa quello che sta accadendo: vede la televisione e legge i giornali. E poi riceve tante lettere, alcune di insulti e di offese…”

“Con la preghiera Bossetti parla, nel nascondimento totale – spiega –. È anche l'unico gesto libero che può compiere, perché in carcere tutto è controllato, tutto è a vista. Anche le parole sono misurate. Pregare insieme spezza l'isolamento”.

Massimo Bossetti si è sempre dichiarato innocente. “Per questo – spiega don Fausto – prega per la soluzione positiva del caso che lo vede coinvolto, ma anche per la famiglia, per i figli e per tutte le persone delle quali nessuno si ricorda”.

Alla domanda su come riesce a stare vicino a un uomo che l'opinione pubblica sospetta di aver ammazzato una bambina, il sacerdote risponde: “Che sia innocente o colpevole, a me è affidato un uomo. E in nome del Vangelo io mi incontro con un uomo. Indipendentemente da come è dipinto dalla stampa, da come è visto dal magistrato, da come è trattato dall'amministrazione carceraria, da come finirà quest'indagine. E in quest'uomo, ora il più indesiderato e scomodo, io devo dare ascolto alla sua richiesta d'aiuto, camminare insieme a lui, anche sfidando il pregiudizio”.

Tags:
carcere
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni